Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tre tazze di tè

Di ,

Editore: Rizzoli

4.2
(1354)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Catalano , Chi semplificata , Spagnolo

Isbn-10: 8817033847 | Isbn-13: 9788817033848 | Data di pubblicazione: 

Curatore: A. Donato

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , Tascabile economico

Genere: Biography , Fiction & Literature , Travel

Ti piace Tre tazze di tè?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    An American climber stumbles in a small village in the middle of nowhere in Pakistan, makes friends with the people there and wants to give them something back, to thank them for their help and hospit ...continua

    An American climber stumbles in a small village in the middle of nowhere in Pakistan, makes friends with the people there and wants to give them something back, to thank them for their help and hospitality. They need a school for the children, so he promises he'll build one for them.
    That's how the adventure of Greg Mortenson begins: at first to fulfill a promise, later to support what he's come to believe - education is the first and foremost means to obtain enduring peace. He crosses cultural and traditional bridges, brings together all kind of people and succeeds in giving thousands of children the opportunity of studying, and hundreds of schools to do so.
    His is, without a doubt, a remarkable and praiseworthy purpose. It's a real pity that the book telling this story is such a poorly written one. Sometimes it is just confusing and boring, other pages are simply filled with praises and statements from this or that VIP reporting how cool Greg Mortenson actually is.
    A quote: I've learned that terror doesn't happen because some group of people somewhere like Pakistan or Afghanistan simply decide to hate us. It happens because children aren't being offered a bright enough future that they have a reason to choose life over death.
    I like it because I believe in education as a means to free people and teach them to think, but I must wonder at all those who, despite having free (or almost-free) access to school, books, teachers, libraries and the like, not to mention the internet, still act like a herd of mad, dumb animals.
    We can easily imagine an ignorant and poor teen-ager, being lured by promises of eternal glory and such, feeling glorified in his hate of Evil as his rulers display it for him. But what about when we see the exact same attitude in a young man who has a college degree? What's his excuse then?

    ha scritto il 

  • 2

    Vado per punti:
    1. Io di Pakistan e delle problematiche di questa zona non capisco una mazza. Il libro però è chiarissimo, quindi su *questo* non ci sono problemi.
    2. Il libro scorre benissimo, è inte ...continua

    Vado per punti:
    1. Io di Pakistan e delle problematiche di questa zona non capisco una mazza. Il libro però è chiarissimo, quindi su *questo* non ci sono problemi.
    2. Il libro scorre benissimo, è interessante e onestamente leggo in giro di gente che si è annoiata e tutto quello che ho da dire è boh.
    3. A circa 50 pagine dalla fine mi dico "oh ma chissà che faccia ha sto Greg Mortensen, sono curiosa" e allora cerco "Greg Mortensen". Non l'avessi mai fatto. Entro in un vortice di notizie secondo le quali questa non sarebbe una storia vera al 100%.
    Ovviamente mi girano i coglioni.
    Ecco perché due stelline.

    ha scritto il 

  • 1

    Nonostante i plurimi tentativi, non riesco a finirlo. Mi arrendo, nonostante la cosa mi dia fastidio. Non riesco proprio a sopravvivere a questa noia mortale.

    ha scritto il 

  • 4

    12-2014

    Da tanto ero incuriosito da questo libro, pietra miliare per tante persone che ho conosciuto e diffusosi negli anni con il passaparola tra lettori. Racconta la bella vicenda umana dello scalatore Greg ...continua

    Da tanto ero incuriosito da questo libro, pietra miliare per tante persone che ho conosciuto e diffusosi negli anni con il passaparola tra lettori. Racconta la bella vicenda umana dello scalatore Greg Mortenson, salvatosi a stento dal K2 e finito in una sperduta comunità del nord del Pakistan, dove rimane colpito dalla povertà della gente e dall'assenza di scuole. Dopo quell'esperienza il giovane Mortenson non è più lo stesso e dedica il resto della sua vita a costruire scuole per i bambini e le ragazze delle comunità più sperdute tra Pakistan e Afghanistan. Da buon americano è ingenuo, sprovveduto ma tenace, e negli anni impara a fare raccolta fondi e gestire una charity (la CAI) anche negli anni difficili post 11 settembre, quando è difficile parlare di pace ed educazione. Bel libro, bella storia, nonostante le ombre uscite sul personaggio in anni recenti. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Che Uomo, Greg Mortenson!!!

    Che cosa diavolo può spingere un uomo ateo ad abbandonare la sua vita, gli agi, il lavoro, gli affetti, per spingersi in un luogo remoto, pericoloso ed inaccessibile del mondo a costruire scuole? Greg ...continua

    Che cosa diavolo può spingere un uomo ateo ad abbandonare la sua vita, gli agi, il lavoro, gli affetti, per spingersi in un luogo remoto, pericoloso ed inaccessibile del mondo a costruire scuole? Greg Mortenson è il protagonista di questa storia vera, un uomo straordinario, che ha capito che ogni rivoluzione passa attraverso la cultura e vuole dare ai bambini dimenticati dal resto del mondo, la possibilità di istruirsi per sottrarsi alle malvagie leggi della guerra. In luoghi dove la sola alternativa alla matematica, alla letteratura, alla storia…sono le scuole dove si impara a combattere guerre cieche, questo uomo continua, da 20 anni, ostinatamente, a credere nel futuro dei bambini a cui normalmente viene negato.
    E' uno di quei libri che ti cambia la vita, che ti fa sentire inutile e piccola, che ti fa venire voglia di lasciare tutto e dedicarti agli altri. Ho acquistato anche la versione per ragazzi, da leggere ai miei figli, perché capiscano ancora di più, il valore dell'istruzione e la fortuna immensa che è capitata loro, nel nascere qui ed ora.
    Un libro emozionante!

    ha scritto il 

  • 4

    E' la forza dei buoni sentimenti e delle passioni quella che spinge quest'uomo, Mortenson, a cominciare a costruire scuole per i ragazzi e soprattutto le ragazze dei villaggi ai piedi dell'himalaya.
    N ...continua

    E' la forza dei buoni sentimenti e delle passioni quella che spinge quest'uomo, Mortenson, a cominciare a costruire scuole per i ragazzi e soprattutto le ragazze dei villaggi ai piedi dell'himalaya.
    Non è un esperto, non lavora nel settore, non è ricco.
    Quello che è riuscito a fare è incredibile.

    Del libro non mi è piaciuta la scrittura un po' idolatrante, soprattutto all'inizio. Che sia una persona speciale è chiaro ma lo avremmo capito solo dal racconto, non serviva altro.

    ha scritto il 

  • 3

    一個美國人在巴基斯坦邊境蓋學校的故事。

    伊斯蘭教和基督教的對立,是因為教育的無知。 心懷善念的人們,不應該被宗教信仰阻礙。
    幫助落後地區的教育,讓他們可以在正常學校唸書,而不是在聖戰學校唸書。

    ha scritto il 

Ordina per