Tre uomini in barca

Di

Editore: Edizioni dell'Albero

3.9
(4398)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 250 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese , Catalano , Ceco , Greco , Chi semplificata , Polacco , Indiano (Hindi) , Svedese

Isbn-10: A000143589 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: eBook , Paperback , Copertina rigida , Altri , Cofanetto , CD audio , Copertina rinforzata scuole e biblioteche

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Viaggi

Ti piace Tre uomini in barca?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tre uomini in barca (per non dire del cane) fu pubblicato nel 1889. E' la cronaca scarna e priva di eventi di una semplice gita in barca sul Tamigi. Narra le vicende di tre giovani gitanti (gli stessi che ritroveremo ancora, più vecchi, ma egualmente vivaci, nel seguente Tre uomini a zonzo), tre giovani ed il loro fedele compagno, che l'autore non ha voluto dimenticare nemmeno nel titolo.La semplicità del racconto, che nulla toglie alla irresistibile capacità di narratore di Jerome, rivela le qualità migliori dell'autore: l'umorismo, un notevole spirito di osservazione accanto ad una intelligente sensibilità psicologica.Il susseguirsi di episodi tragicomici, di trovate caricaturali, di minuziose osservazioni sulle cose di questo mondo, imprimono alla narrazione un ritmo tale da rendere questo romanzo attuale e immutato.
Ordina per
  • 3

    Jerome non ne può più dell'epoca vittoriana, quindi decide un bel pomeriggio, di farla venire al fiume con una scusa e affogarla. Visto che però è una brava persona (e si, è anche un po' vittoriano) n ...continua

    Jerome non ne può più dell'epoca vittoriana, quindi decide un bel pomeriggio, di farla venire al fiume con una scusa e affogarla. Visto che però è una brava persona (e si, è anche un po' vittoriano) non riesce a portare al termine il suo proposito e si limita a farle fare un bagno, letterale come d'umiltà, prendendo in giro i suoi comportamenti più parossistici.

    Si ride, con tre uomini in barca, si ride nonostante l'ambientazione lontana da noi e uno stile di scrittura posato e squisitamente british. L'autore non perde mai l'occasione di descrivere le situazioni dopo averle ribaltate con l'ironia mentre, ogni tanto, orchestra dei veri e propri sketch, con tanto di ritmi d'avanspettacolo e punchline conclusiva.

    Non credo ci sia molto altro da dire, questo libro è una pietra miliare dell'umorismo e tiene su il morale, consigliato a tutte le età e in qualsiasi contesto, ma naturalmente adattissimo, nel caso stiate pensando a una gita sul Tamigi.

    ha scritto il 

  • 2

    Pensavo meglio

    Sinceramente mi aspettavo di più da questo libro.
    Speravo fosse più divertente, mi ha strappato giusto un paio di sorrisi,niente più. Forse l'ho affrontato in maniera sbagliata ma mi ha lasciato poco. ...continua

    Sinceramente mi aspettavo di più da questo libro.
    Speravo fosse più divertente, mi ha strappato giusto un paio di sorrisi,niente più. Forse l'ho affrontato in maniera sbagliata ma mi ha lasciato poco.

    ha scritto il 

  • 3

    Non mi aspettavo di ridere così tanto.. J, George e Harris son proprio delle sagome (e forse le ultime persone al mondo che dovrebbero stare su una barca!) ma il mio personaggio preferito è senz'ombra ...continua

    Non mi aspettavo di ridere così tanto.. J, George e Harris son proprio delle sagome (e forse le ultime persone al mondo che dovrebbero stare su una barca!) ma il mio personaggio preferito è senz'ombra di dubbio il cane, Montmorency!

    ha scritto il 

  • 2

    Come suggerisce il titolo, tre inglesi, per distrarsi da una sorta di depressione, decidono di cambiare aria. Dopo qualche discussione sulla destinazione, i tre decidono di intraprendere una gita in b ...continua

    Come suggerisce il titolo, tre inglesi, per distrarsi da una sorta di depressione, decidono di cambiare aria. Dopo qualche discussione sulla destinazione, i tre decidono di intraprendere una gita in barca sul Tamigi.

    Capitolo dopo capitolo assistiamo alle avventure e disavventure di questi strambi ometti….

    Anche qui mi attirerò maledizioni e insulti, ma non capisco cosa ci sia di così divertente, da considerarlo il top dei romanzi umoristici.

    Non c’è una trama, e questo lo trovo già fastidioso. Gli episodi che dovevano divertirmi mi hanno solo strappato un sorriso stiracchiato…E in più, ammetto, che ha avuto, su di me, una specie di effetto camomilla nelle mie serate insonni. Ho faticato parecchio ad arrivare alla fine, l’ho fatto solo perchè non mi piace lasciare i libri a metà.

    Salvo solo il cane Montmorency. Una forza della natura!

    Non credo che il genere umoristico sia adatto a me. Probabilmente non sono dotata del giusto British sense of humor !

    ha scritto il 

  • 4

    Three Men in a Boat

    Originally published in 1889, Three Men in a Boat (To Say Nothing of the Dog) by Jerome K. Jerome is still a laugh out loud funny book that reminds me of The Hitchhiker's Guide to the Galaxy. Three fr ...continua

    Originally published in 1889, Three Men in a Boat (To Say Nothing of the Dog) by Jerome K. Jerome is still a laugh out loud funny book that reminds me of The Hitchhiker's Guide to the Galaxy. Three friends George, Harris and the narrator J (and their dog Montmorency) take a vacation down the Thames river and manage to bring into that adventure a little bit of everything about their time and place. They kept me laughing!

    Read my complete review at: http://www.memoriesfrombooks.com/2015/09/three-men-in-boat-to-say-nothing-of-dog.html

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo molto divertente anche se un po' macchinoso nello stile: l'inserimento degli aneddoti nella narrazione, seppur molto piacevoli (esempi di humour inglese perfetti), rompe il ritmo narrativo app ...continua

    Romanzo molto divertente anche se un po' macchinoso nello stile: l'inserimento degli aneddoti nella narrazione, seppur molto piacevoli (esempi di humour inglese perfetti), rompe il ritmo narrativo appesantendo parecchio la lettura. Romanzo godibile da leggere prendendosi il giusto tempo.

    ha scritto il 

  • 0

    letto in lingua originale, testo molto semplice e scorrevole. M'ha fatto sorridere più di una volta, contrariamente a quanto asseriva la Woolf ("Humor is the first gift to perish in a foreign language ...continua

    letto in lingua originale, testo molto semplice e scorrevole. M'ha fatto sorridere più di una volta, contrariamente a quanto asseriva la Woolf ("Humor is the first gift to perish in a foreign language")

    ha scritto il 

  • 4

    Riletto, dopo tanti anni non perde lo smalto, veramente un classico della letteratura
    TRAMA
    Tre uomini, esasperati dai ritmi ossessivi di Londra si preparano per trascorrere un weekend in barca reman ...continua

    Riletto, dopo tanti anni non perde lo smalto, veramente un classico della letteratura
    TRAMA
    Tre uomini, esasperati dai ritmi ossessivi di Londra si preparano per trascorrere un weekend in barca remando sul lungo Tamigi e dormendo in tenda sotto le stelle. Già i preparativi, più simili a quelli di una grandiosa spedizione piuttosto che a quelli di una gita in barca, lasciano trasparire la vena di umorismo e satira che "colorerà" le rocambolesche avventure del trio, intrappolato dalle disavventure tipiche di ogni apprendista navigante

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per