Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Trilogia del BarLume

Di

Editore: Sellerio (Galleria)

4.0
(145)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 419 | Formato: Paperback

Isbn-10: 883892600X | Isbn-13: 9788838926006 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Trilogia del BarLume?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Trilogia che vale assolutamente la pena leggere, non tanto per i gialli in sé quanto per il corollario di personaggi indimenticabili, dai vecchietti a Massimo e Tiziana, tutti splendidamente caratterizzati, calati in tre storie che vogliono prima di tutto divertire, e ci riescono in pieno.
    ...continua

    Trilogia che vale assolutamente la pena leggere, non tanto per i gialli in sé quanto per il corollario di personaggi indimenticabili, dai vecchietti a Massimo e Tiziana, tutti splendidamente caratterizzati, calati in tre storie che vogliono prima di tutto divertire, e ci riescono in pieno.
    Dei tre libri, a livello di storia ho apprezzato più i primi due, mentre ho fatto un pelo più fatica a finire il terzo. A livello di giallo vero e proprio, invece, trovo che il terzo fosse più intricato.
    Malvaldi, in ogni caso, scrive benissimo: a parte qualche salto del narratore dalla prima alla terza persona (forse voluto, ma che mi ha "fatto strano"), si vede che ha una cultura davvero ampia, e scrive in modo davvero MOLTO scorrevole.
    Trilogia consigliata davvero a tutti.

    ha scritto il 

  • 4

    La bellezza delle cose e delle persone semplici. I nonnetti e il "Barrista" Massimo del BarLume sono irresistibili e indimenticabili proprio perché rispecchiano la tenerezza e la semplicità delle persone comuni.Nonno Ampelio uno di noi!!! Li adoro!!! Ho solo un dubbio: Che c'entra il seme di fior ...continua

    La bellezza delle cose e delle persone semplici. I nonnetti e il "Barrista" Massimo del BarLume sono irresistibili e indimenticabili proprio perché rispecchiano la tenerezza e la semplicità delle persone comuni.Nonno Ampelio uno di noi!!! Li adoro!!! Ho solo un dubbio: Che c'entra il seme di fiori in una partita a briscola??????

    ha scritto il 

  • 0

    Regalo - Personale - Romanzo italiano e contemporaneo - Trilogia del BarLume

    Regalo di Rina per il mio compleanno.
    Contiene 3 libri di Malvaldi:
    -La briscola in cinque
    -Il gioco delle tre carte
    -Il Re dei giochi

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura leggera

    Carini i piccoli gialli che appassionano gli attempati frequentatori del Bar Lume e il suo proprietario, la dialettica, i profili descritti da Malvaldi, ma potrei definirla una lettura da sotto l'ombrellone niente di piu'

    ha scritto il 

  • 4

    I gialli in dialetto sono ormai di moda e quindi benvenuti vecchietti toscani pronti a vedere omicidi dietro ogni morte sospetta che avvenga nel piccolo e immaginario paese di pineta. Peccato che poi tocchi a Massimo, nipote di uno dei quattro arzilli nonnini, risolvere il mistero, con grande sco ...continua

    I gialli in dialetto sono ormai di moda e quindi benvenuti vecchietti toscani pronti a vedere omicidi dietro ogni morte sospetta che avvenga nel piccolo e immaginario paese di pineta. Peccato che poi tocchi a Massimo, nipote di uno dei quattro arzilli nonnini, risolvere il mistero, con grande scorno suo e del commissario del paese. Molto divertenti!

    ha scritto il 

  • 4

    Da Il re dei giochi

    E' opinione comune ormai che chiunque venga mandato sugli scranni di Roma sia tendenzialmente un farabutto, e che se non lo è al momento dell'elezione farà in tempo a diventarlo non appena si sarà reso conto di quanto siano vellutati e confortevoli quei sedili, e di come sia fastidioso e scomodo ...continua

    E' opinione comune ormai che chiunque venga mandato sugli scranni di Roma sia tendenzialmente un farabutto, e che se non lo è al momento dell'elezione farà in tempo a diventarlo non appena si sarà reso conto di quanto siano vellutati e confortevoli quei sedili, e di come sia fastidioso e scomodo il mondo reale.

    ha scritto il