Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Trilogia sporca dell'Avana

By Pedro Juan Gutiérrez

(490)

| Paperback | 9788876417269

Like Trilogia sporca dell'Avana ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il protagonista, Pedro Juan, attraversa gli anni della storia recente di Cuba, gli anni Novanta, quelli della sua crisi peggiore, che si incrocia e si fonde con la personale crisi dell'autore: il suo licenziamento da giornalista, il fallimento matrim Continue

Il protagonista, Pedro Juan, attraversa gli anni della storia recente di Cuba, gli anni Novanta, quelli della sua crisi peggiore, che si incrocia e si fonde con la personale crisi dell'autore: il suo licenziamento da giornalista, il fallimento matrimoniale, la solitudine, la caduta rovinosa nella miseria e nella marginalità. Questa prospettiva più ampia illumina in modo nuovo le disavventure picaresche di Pedro Juan, le sue leggendarie gesta erotiche, la sua perenne caccia al rum, alla marijuana, a qualsiasi cosa permetta di sopravvivere e di provare piacere nel contesto della miseria di un paese povero. In una Cuba fatta di carne, suoni e odori, terra d'umanità precaria, è la fisicità dei corpi e il sudore degli amplessi a scandire il tempo di un romanzo in cui le maratone di sesso lasciano ben presto il posto a brucianti riflessioni sulla vita, l'arte e la condizione umana.

84 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ecco che ...

    ...i pochi che abbiano, come me, un idea di grandezza di ciò che rappresenta Cuba come esempio di autodeterminazione , di orgoglio, di vero e giusto socialismo, e si trova a leggere questi spaccati di vita reale nella Cuba in crisi negli anni 80/90 c ...(continue)

    ...i pochi che abbiano, come me, un idea di grandezza di ciò che rappresenta Cuba come esempio di autodeterminazione , di orgoglio, di vero e giusto socialismo, e si trova a leggere questi spaccati di vita reale nella Cuba in crisi negli anni 80/90 comincia pensare che forse hanno ragione i molti che lo ritengono un paese povero, illiberale, e senza speranza.
    A leggere Gutierrez, un giornalista, ci si fa l'idea di un paese marcio, alla fame, che sopravvive ed è certamente vero: come in tutte le periferie di tutto l'occidentee di tutto il pianeta, aggiungo io.
    L'essere diseredati e trovarsi a vivere in un posto che non viene considerato civile, viene usato dagli avversari di Cuba come arma politica per imporre il suo proprio modello di sviluppo e di potere; costoro però non riescono a far diventare " ricchi e civili " tutto il loro stesso popolo perchè ciò è impossibile ( sarebbe troppo lungo spiegane qui il perchè ). Vi ricordo che esiste la mia Taranto vecchia, così come Scampia, e le Banlieu di Parigi come il Bronx di N.Y.
    E allora, quale è la differenza ? Alla peggio, i diseredati di Gutierrez lo sono a causa di altri cubani, e non di sfruttatori americani.
    Però, scopano e ballano tutto il giorno . Non si suicidano.

    Is this helpful?

    Jacobass2006 said on Sep 7, 2014 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Gutiérrez è considerato il maggiore scrittore cubano. Io lo definirei il maggiore critico (che abita ancora a Cuba) della società cubana. Ma la sua critica non è uno “sparare a zero” sulla politica cubana (non parla mai di Fidel, né del comunismo tot ...(continue)

    Gutiérrez è considerato il maggiore scrittore cubano. Io lo definirei il maggiore critico (che abita ancora a Cuba) della società cubana. Ma la sua critica non è uno “sparare a zero” sulla politica cubana (non parla mai di Fidel, né del comunismo totalitario), ma una disarmante esposizione della tragedia cubana: fatta di fame (nera), di miseria, di malattie, di degrado edilizio, di assenza di lavoro. Il tutto condito dalla leggerezza del “prendere la vita come viene”, senza tanta acredine, né troppo sconforto. Insomma, “questo abbiamo e questo ci prendiamo” è quasi la filosofia di Gutiérrez. Tantissima miseria nelle strade dell’Avana, tantissima fame, ma anche tantissima umanità e gioia di vivere, descritta con un linguaggio crudo (anche oltre il limite del volgare), ma che rende l’idea. Vorrei andare a vedere Cuba, ma un po’ di paura, i libri di Gutiérrez, me l’hanno messa.

    Is this helpful?

    Maxx said on Jul 28, 2014 | 1 feedback

  • 3 people find this helpful

    Alla gente non piace vivere da sola. A me sì, perché non volevo responsabilità verso nessuno. Nemmeno verso me stesso.

    Ormai avevo un cuore di pietra e per una donna ero incapace di sentire qualcosa di più che un’erezione.

    Nella mia vita il malede ...(continue)

    Alla gente non piace vivere da sola. A me sì, perché non volevo responsabilità verso nessuno. Nemmeno verso me stesso.

    Ormai avevo un cuore di pietra e per una donna ero incapace di sentire qualcosa di più che un’erezione.

    Nella mia vita il maledetto triangolo amore, salute, denaro va sempre in pezzi. L’amore è un inganno, il denaro un sogno a occhi aperti, la salute si perde in un istante. Ecco come stavo. Di ritorno da molti cammini.

    Is this helpful?

    Daniele Gentili said on Jun 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    " Ci voleva un bel temporale che rinfrescasse un pò l'aria. Mi sono spogliato e sono uscito sulla terrazza. Nelle cisterne c'era ancora acqua. Mi sono lavato. Sono rimasto ad asciugarmi all'aria. Sulla terrazza si affacciavano sette stanze. L'unico c ...(continue)

    " Ci voleva un bel temporale che rinfrescasse un pò l'aria. Mi sono spogliato e sono uscito sulla terrazza. Nelle cisterne c'era ancora acqua. Mi sono lavato. Sono rimasto ad asciugarmi all'aria. Sulla terrazza si affacciavano sette stanze. L'unico che abitava da solo ero io. Alla gente non piaceva vivere da sola. A me si, perchè non volevo responsabilità verso nessuno. Nemmeno verso me stesso. Sono sempre stato fin troppo responsabile. Ora basta. A volte veniva a trovarmi una vicina e si fermava a dormire. Era una negra snella e tosta di 32 anni. Ci piacevamo e combinavamo delle belle orge. Era molto nera e aveva un forte odore sotto le ascelle e nel sesso. Il che mi eccitava talmente che ci contorcevamo come due pazzi. Tutto qui.

    Is this helpful?

    Capodepedra said on May 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    - Ancorato alla terra di nessuno (●●)
    - Senza niente da fare (●●)
    - Sapore di me (●●)

    Is this helpful?

    Pratodellago said on Mar 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sporco davvero, iconoclasta e sudaticcio.
    Un pugno nello stomaco, una manciata di verità tirata dritta negli occhi.

    Per conto mio non sono veri romanzi ma un'unica raccolta di racconti con il solo protagonista a fare da filo conduttore. Ma da legger ...(continue)

    Sporco davvero, iconoclasta e sudaticcio.
    Un pugno nello stomaco, una manciata di verità tirata dritta negli occhi.

    Per conto mio non sono veri romanzi ma un'unica raccolta di racconti con il solo protagonista a fare da filo conduttore. Ma da leggere comunque.

    Is this helpful?

    Wu Shih said on Feb 24, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (490)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 499 Pages
  • ISBN-10: 8876417265
  • ISBN-13: 9788876417269
  • Publisher: e/o
  • Publish date: 2006-06-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book