Ha scritto il 11/09/17
Insomma, si parte in quarta, sparati direttamente all'interno di quella che credi essere la visione allucinata del mondo di Miller, sicché si ingrana con gran difficoltà la giusta marcia per la lettura. E allora, a pagina 58, quand'ero al limite ..." Continua...
Ha scritto il 20/05/17
[il solito]
alle 20.30 esce per prendere un caffèva nel bar vicino a casa, attraversa i binari come Masha e va al baril locale è grande tanta gente mentre è al banco c'è genteche viene a prendersi le cosine per l'aperitivoa un certo punto non vede una che ..." Continua...
Ha scritto il 09/04/17
Non mi ricordo dove ho letto che non puoi apprezzare veramente Miller se non alterni l'ammirazione per la sua prosa alla noia più assoluta. È proprio così. Parti brillanti e con un uso del linguaggio oltre ogni limite, parti che ti farebbero ..." Continua...
  • 3 mi piace
Ha scritto il 07/03/17
Ingredienti: la vita da bohemienne di uno scrittore americano nella Ville Lumiere, un’esistenza contornata da cimici, prostitute, alcol e fame, giornate trascorse tra bevute, vagabondaggi e svogliate ricerche di lavoro, riflessioni su un mondo ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 28/02/17
noioso e poco comprensibile
Da molti è considerato un capolavoro o addirittura un romanzo di formazione, ma a me sembra un noiosissimo sconclusionato racconto delle avventure di uno che se la credeva troppo nella Parigi degli anni 30. Le cose che vengono raccontate non sono ..." Continua...
  • 1 mi piace

Ha scritto il Mar 07, 2017, 15:00
"Sono un uomo libero; ho bisogno della libertà, ho bisogno di star solo, ho bisogno di rimuginare tra me e me le mie vergogne e le mie tristezze, di godermi il sole e i sassi della strada senza compagnia e senza discorsi, colla sola musica del mio ... Continua...
Ha scritto il Jan 26, 2017, 10:45
Ho esaurito la mia giovinezza malinconica. Non m'importa più un cazzo di quel che c'è alle mie spalle e di quel che mi attende in avvenire. Io sono sano. Inguaribilmente sano. Niente dolori nè rimpianti. Nè passato nè futuro. Il presente mi ... Continua...
Ha scritto il Jan 12, 2017, 16:22
La porta dell'utero sempre a chiavistello. Paura e desiderio. In fondo al sangue la trazione del Paradiso. L'aldilà. Sempre l'aldilà. Dev'esser cominciato tutto dall'ombelico. Tagliano il cordone ombelicale, ti danno uno sculaccione e via! Sei nel ... Continua...
Pag. 237
Ha scritto il Jan 12, 2017, 14:20
Dateci un mondo di uomini e di donne con una dinamo fra le gambe, un mondo di furia naturale, di passione, d'azione, di dramma, di sogni, di follia, un mondo che produca estasi, e non scoregge secche.
Pag. 214
  • 1 mi piace
Ha scritto il Jan 12, 2017, 13:16
Se un uomo mai osasse tradurre tutto quel che ha nel cuore, mettere giù quella che è la sua vera esperienza, quel che è veramente verità, credo allora che il mondo andrebbe infranto, che si sfascerebbe in frantumi, e né dio, né accidente, né ... Continua...
Pag. 207

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi