Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Troppo bello per essere vero

Autobiografia di un falsario

Di

Editore: Neri Pozza

4.1
(16)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 476 | Formato: Altri

Isbn-10: 8873054633 | Isbn-13: 9788873054634 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Archer

Ti piace Troppo bello per essere vero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
“Troppo bello per essere vero” è l’affascinante autobiografia di uno dei più prolifici e noti falsari d’arte del Novecento, il pittore e scultore inglese Eric Hebborn. Noto per la sua abilità nel (ri)produrre soprattutto disegni antichi, Hebborn è riuscito infatti, secondo quanto da lui stesso ammesso, ad ingannare mercanti e curatori di importanti musei.

Nel ripercorrere la propria vita, l’artista traccia un quadro divertito del mondo del mercato dell’arte e della rete di personaggi - collezionisti, intenditori, antiquari, case d’asta, critici e artisti – che struttura e alimenta la fabbrica e lo smercio dei falsi d’autore.

La biografia, deliziosa per l’ironia con la quale l’autore tratteggia il “circo” del falso, non si limita tuttavia all’autocelebrazione delle “gesta” dello scanzonato ed ambiguo protagonista, ma fornisce preziosi spunti sulle tecniche dei maestri del passato e acute riflessioni sull’arte antica che contribuiscono a ricostruire in maniera più completa la vicenda e la personalità di Eric Hebborn.

Ordina per
  • 4

    Non una recensione ma un'informazione, visto che spesso vengo contattata da chi desidera acquistare questo libro. è inutile che lo facciate: io non l'ho mai posseduto, mi sono limitata a leggerlo pren ...continua

    Non una recensione ma un'informazione, visto che spesso vengo contattata da chi desidera acquistare questo libro. è inutile che lo facciate: io non l'ho mai posseduto, mi sono limitata a leggerlo prendendolo in prestito in biblioteca.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho letto il libro dopo aver sentito raccontare la storia di Eric Hebborn da Carlo Lucarelli su SkyArte. Dopo aver appiccato fuoco alla scuola da bambino, nell'Inghilterra della seconda guerra mondiale ...continua

    Ho letto il libro dopo aver sentito raccontare la storia di Eric Hebborn da Carlo Lucarelli su SkyArte. Dopo aver appiccato fuoco alla scuola da bambino, nell'Inghilterra della seconda guerra mondiale, Hebborn ha deciso di appiccare fuoco al mondo dei critici e dei mercanti d'arte, producendo per qualche decenni centinaia di opere che gli esperti hanno attribuito agli artisti antichi più famosi. Opere che gli hanno fruttato abbastanza soldi per fare la bella vita a Roma e dintorni, dagli anni '60 in poi. Nel libro racconta la sua versione dei fatti, ed è piuttosto interessante, anche se a volte sembra fin troppo romanzesca per essere vera.

    ha scritto il 

  • 4

    Ero indecisa fra 3 o 4 stelle. Merita il punteggio alto perchè è stato un piacere leggere la sua autobiografia. E solo il viaggio a piedi compiuto per arrivare a Roma è da antologia.
    E lui è un vero a ...continua

    Ero indecisa fra 3 o 4 stelle. Merita il punteggio alto perchè è stato un piacere leggere la sua autobiografia. E solo il viaggio a piedi compiuto per arrivare a Roma è da antologia.
    E lui è un vero artista, non un falsario.

    ha scritto il 

  • 4

    vita e morte di un restauratore provetto

    come ti trasformo l'arte in un esercizio razionale ma tenendomi fuori dalla querelle del falso, perchè di falso c'è solo l'etichetta dell'attribuzione (parola di gombrich).

    a parte questo, appassionan ...continua

    come ti trasformo l'arte in un esercizio razionale ma tenendomi fuori dalla querelle del falso, perchè di falso c'è solo l'etichetta dell'attribuzione (parola di gombrich).

    a parte questo, appassionanti racconti di perizia tecnica preceduti dalla sua vita rock'n'roll. in prosa pedante ma è tiene lo stesso il passo degli eventi.

    ha scritto il