Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Troppo umana speranza

By Alessandro Mari

(334)

| Paperback | 9788807018305

Like Troppo umana speranza ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Prima metà del diciannovesimo secolo. Sullo sfondo di un'Italia che non è ancora una nazione, quattro giovani si muovono alla ricerca di un mondo migliore: un orfano spronato dalla semplicità che è dei contadini e dei santi; una donna, sensi all'erta Continue

Prima metà del diciannovesimo secolo. Sullo sfondo di un'Italia che non è ancora una nazione, quattro giovani si muovono alla ricerca di un mondo migliore: un orfano spronato dalla semplicità che è dei contadini e dei santi; una donna, sensi all'erta e intelligenza acuta, avviata a diventare una spia; un pittore di lascive signore aristocratiche che batte la strada nuova della fotografia; e il Generale Garibaldi visto con gli occhi innamorati della splendente, sensualissima Aninha. Siamo di fronte a un'opera che si muove libera nella tradizione narrativa otto-novecentesca, europea e americana. Racconta, esplora documenti, inventa, gioca e tutto riconduce, con sicuro talento, a un solo correre fluviale di storie che si intrecciano e a un sentimento che tutte le calamita. Alessandro Mari scrive un romanzo sulla giovinezza. La giovinezza del corpo, della mente, di una nazione. Una grande storia popolare.

55 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Dickens, Defoe e Stevenson miscelati nella giusta quantità. Potrebbe essere definito un classico dell'Ottocento. Tra le storie raccontate la più bella quella di Colombino e il suo fidato mulo Astolfo. Molto bello.

    Is this helpful?

    Criss said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quattro destini differenti, che in qualche modo si sfiorano, sullo sfondo dei fermenti che precedono l'Unità d'Italia. Vicenda intrigante e traboccante di parole, così ricche da travolgere il lettore. Lettura impegnativa, ma estremamente appagante, c ...(continue)

    Quattro destini differenti, che in qualche modo si sfiorano, sullo sfondo dei fermenti che precedono l'Unità d'Italia. Vicenda intrigante e traboccante di parole, così ricche da travolgere il lettore. Lettura impegnativa, ma estremamente appagante, che - se non fosse per il linguaggio a volte troppo faticoso - arriverebbe alle cinque stelle.

    Is this helpful?

    princess said on Jul 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi ci è voluto parecchio tempo (per i miei standard) per finire questo libro e, detto sinceramente, non l'ho abbandonato solo per cipiglio. L'intento dell'autore è senza dubbio valevole e alcune storie sono anche interessanti. Quello che, secondo me ...(continue)

    Mi ci è voluto parecchio tempo (per i miei standard) per finire questo libro e, detto sinceramente, non l'ho abbandonato solo per cipiglio. L'intento dell'autore è senza dubbio valevole e alcune storie sono anche interessanti. Quello che, secondo me guasta il tutto, è una certa prolissità e un indugiare su ricami di parole che non aggiungono nulla, anzi hanno l'effetto (o meglio, hanno avuto tale effetto su di me) di spazientire il lettore. Ammetto di aver commesso il tremendo peccato del saltare paragrafi interi alla ricerca del successivo svolgersi della storia. Il motivo per cui do tre stelle anziché due come recensione è dovuto a una delle storie che si intrecciano in questo libro, ovvero quella di Garibaldi e Aninha/Anita. Mari riesce a dare corpo e infondere vita a personaggi, sentimenti, e vicessitudini e a far appassionare il lettore (nonostante l'onnipresente prolissità).
    Se mi posso permettere un ultimo commento: non ho letto altro di Mari, e in teoria, vista l'esperienza con questo romanzo, dubito leggerei altro. Però forse tenterò di nuovo, sperando che Mari riesca ad affrancarsi da certi virtuosismi che hanno un pochino troppo l'odore di imitazione dello stile di Baricco (che io adoro, però ci sarà un motivo se Baricco non ha mai scritto un libro di 760 pagine...).

    Is this helpful?

    catecate said on Jan 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    la prima volta ho letto poche pagine che mi sono sembrate interessanti, ma non sono riuscita ad andare avanti; è un libro che non può essere letto poco per volta prima di dormire, ma chiede un ampio respiro di tempo; così l'ho ripreso per le vacanze ...(continue)

    la prima volta ho letto poche pagine che mi sono sembrate interessanti, ma non sono riuscita ad andare avanti; è un libro che non può essere letto poco per volta prima di dormire, ma chiede un ampio respiro di tempo; così l'ho ripreso per le vacanze estive e l'ho divorato, innamorandomi dei personaggi, Colombino e il suo mulo Astolfo, prima di tutti. Non scoraggiatevi.

    Is this helpful?

    Mammauffa said on Jan 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Bel romanzo che cerca di trasportarci nell’Italia, e non solo, della prima metà dell’ottocento. Personaggi storici come Garibaldi e Mazzini dividono la scena con Colombino, Lisander, Leda, Astolfo, Chiarella, sir John e tutti gli altri che man mano s ...(continue)

    Bel romanzo che cerca di trasportarci nell’Italia, e non solo, della prima metà dell’ottocento. Personaggi storici come Garibaldi e Mazzini dividono la scena con Colombino, Lisander, Leda, Astolfo, Chiarella, sir John e tutti gli altri che man mano si aggiungono in un sovrapporsi di storie personali che dopo lungo tempo arrivano finalmente a toccarsi ma più spesso solo a sfiorarsi. Questa è infatti secondo me la pecca. Tante vicende, ben narrate e anche singolarmente prese comunque avvincenti, ma che alla fine a parte quella di Leda con Mazzini e un po’ quella di Colombino con Garibaldi restano comunque separate l’una dall’altra. L’obiettivo di dare uno spaccato dell’Italia preunitaria, da nord a sud, dalle campagne alle città, dai grandi agli umili, è raggiunto, ma resta comunque un senso di “tutto qui?” che rende questo lungo e articolato romanzo non del tutto convincente.

    Is this helpful?

    Accipiter said on Jan 3, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    è stata un'impresa leggere questo libro,una faticaccia ma ne è valsa sicuramente la pena.
    un libro bellissimo che ho letto a fatica perchè la scrittura densa e concentrata meritava un'attenzione che non gli potevo dare in questo periodo della mia vit ...(continue)

    è stata un'impresa leggere questo libro,una faticaccia ma ne è valsa sicuramente la pena.
    un libro bellissimo che ho letto a fatica perchè la scrittura densa e concentrata meritava un'attenzione che non gli potevo dare in questo periodo della mia vita,ma sentivo che non potevo abbandonarlo perchè le storie dei personaggi mi entravano dentro.
    se mi si perdona la "bestemmia" letteraria mi ha ricordato I promessi sposi: la storia,quella grande che entra nelle vite piccole di uomini come noi.
    Colombino mi rimarrà nel cuore

    Is this helpful?

    aria75 said on Nov 15, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (334)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 749 Pages
  • ISBN-10: 8807018306
  • ISBN-13: 9788807018305
  • Publisher: Feltrinelli (collana I narratori)
  • Publish date: 2011-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Margin notes of this book