Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tu, sanguinosa infanzia

By Michele Mari

(147)

| Others | 9788804422174

Like Tu, sanguinosa infanzia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un bambino osserva il nonno leggere libri di fantascienza, i primi volumi di"Urania" con i mostri in copertina, e immagina, trepidante, di assistere ascontri tra il vecchio e le creature venute dallo spazio. Un bambino ha fattocon un coetan Continue

Un bambino osserva il nonno leggere libri di fantascienza, i primi volumi di"Urania" con i mostri in copertina, e immagina, trepidante, di assistere ascontri tra il vecchio e le creature venute dallo spazio. Un bambino ha fattocon un coetaneo il primo scambio della sua vita: una macchinina di metallo perun giocattolo di plastica, e adesso è tormentato dai rimorsi. Un giovanelettore ama otto scrittori di mare: Conrad, Defoe, London, Melville, Poe,Salgari, Stevenson e Giulio Verne. Deve sceglierne uno, sacrificando, uno pervolta, altrettanti pezzi del suo cuore: chi sopravviverà?

160 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Mi sono divertita. La mia infanzia è stata molto diversa da quella di Michele Mari, alcuni degli autori che lui cita non li ho mai letti oppure li ho letti in età adulta; ciò nonostante, ho apprezzato e compreso le sue paure, le sue fissazioni e la ...(continue)

    Mi sono divertita. La mia infanzia è stata molto diversa da quella di Michele Mari, alcuni degli autori che lui cita non li ho mai letti oppure li ho letti in età adulta; ciò nonostante, ho apprezzato e compreso le sue paure, le sue fissazioni e la sua fervida immaginazione. Linguaggio, forbito e ricercato, questo sì.

    Is this helpful?

    Paola C. said on Aug 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    in questo libro ci sono tutte le persone che conosco, me compresa (le copertine di Urania), e tuttavia c'è anche una elemento di patologia - autentica - di fondo che si stenta a credere possa appartenere a una sola persona. Quindi, o Mari è un genio ...(continue)

    in questo libro ci sono tutte le persone che conosco, me compresa (le copertine di Urania), e tuttavia c'è anche una elemento di patologia - autentica - di fondo che si stenta a credere possa appartenere a una sola persona. Quindi, o Mari è un genio del male o è matto. Propendo per la prima.

    La prosa è barocca e condita di rimandi ai classici latini e greci - può risultare fastidiosa per chi non ha un minimo di dimestichezza. Può risultare fastidiosa anche a chi ce l'ha.

    "otto scrittori" è meraviglioso, quindi questo libro non si prende voti da me; è uno di quei casi in cui mi sento una lettrice inadeguata.

    Is this helpful?

    edi said on Jul 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    l'argomento del libro salta subito agli occhi: un futuro neo padre che si ritrova a pensare alla propria infanzia e lo fa con malinconia e nostalgia. credo che sia un passo che tutti i genitori fanno, ricordare la propria infanzia forse aiuta a capir ...(continue)

    l'argomento del libro salta subito agli occhi: un futuro neo padre che si ritrova a pensare alla propria infanzia e lo fa con malinconia e nostalgia. credo che sia un passo che tutti i genitori fanno, ricordare la propria infanzia forse aiuta a capire come far vivere l'infanzia al proprio figlio. solo una pecca lo stile a volte è un pò troppo aulico....

    Is this helpful?

    araba fenice said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Mari Bravo, è bravo per carità, ma stritolato dal suo narcisismo.
    Ci sono qua e là i veri ingredienti del faticoso processo di diventare grandi (gli scambi a perdere di cui ci si pente per la vita intera, il ricordo tenero di quell’unico gioco o pass ...(continue)

    Mari Bravo, è bravo per carità, ma stritolato dal suo narcisismo.
    Ci sono qua e là i veri ingredienti del faticoso processo di diventare grandi (gli scambi a perdere di cui ci si pente per la vita intera, il ricordo tenero di quell’unico gioco o passione che riesci a fare con uno dei tuoi genitori, quegli equivoci spaventosi che si trascinano in paure nascoste per il resto dei tuoi giorni, i primi libri che ti hanno marchiato), il problema è che diventa molto più importante la forma elegantissima, da far eccitare qualsiasi critico, piuttosto che la sostanza, un esercizio di stile che raggiunge vette di autoerotismo letterario inesplorate, il cui zenit viene raggiunto nel racconto sugli scrittori inebriato di neologismi e percorsi “Escheriani” fuori e dentro i loro più famosi romanzi.
    Sorry ma non mi ci ritrovo, non ho letto nessuno di quei libri durante la giovinezza, sono passato da i ragazzi della via Pal e il libro cuore direttamente a Keruoac sulla strada, mentre mi sbucciavo le ginocchia come Mari al parco prendevo un sacco di mazzate piuttosto che rifugiarmi nella lettura, ho fatto un puzzle nella mia vita (regalo di natale ovviamente) e non mi sono ancora ripreso, il primo libro ex urania l’ho comprato la settimana scorsa su una bancarella.
    Siamo mondi lontanissimi, per me è stata sanguinosa la giovinezza non l’infanzia.
    Troppo artefatto per i miei gusti, si sente puzza di rapporto professore studente.
    Al prossimo naufragare in questo Mari!

    Is this helpful?

    Mingamarco said on May 9, 2014 | 5 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    romantico

    La scelta dei vocaboli e la costruzione del periodo militano nel senso di una visione poetica della prosa. Il tema è un'infanzia foriera di miti, la cui rievocazione elegiaca imprime un senso di perdita e di nostalgia.

    Is this helpful?

    Friski70 said on May 2, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    E io, una volta in cui non riuscivo a dormire, mi alzai dal letto e andai di nascosto a origliare alla porta della stanza dove gli adulti stavano chiacchierando. Udii pronunciare nomi che non conoscevo, sentii nuovi toni di voce, capii che la mia vit ...(continue)

    E io, una volta in cui non riuscivo a dormire, mi alzai dal letto e andai di nascosto a origliare alla porta della stanza dove gli adulti stavano chiacchierando. Udii pronunciare nomi che non conoscevo, sentii nuovi toni di voce, capii che la mia vita e la loro erano cose separate, e che di giorno ci si incontrava solo per caso.

    Is this helpful?

    meowlita said on Apr 29, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (147)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Others 135 Pages
  • ISBN-10: 8804422173
  • ISBN-13: 9788804422174
  • Publisher: Mondadori (Scrittori Italiani)
  • Publish date: 1996-01-01
  • Also available as: Paperback , eBook
Improve_data of this book