Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tu Cher dalle stelle

Una favola di Natale

Di

Editore: Playground

4.0
(114)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 40 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8889113200 | Isbn-13: 9788889113202 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Gay & Lesbian

Ti piace Tu Cher dalle stelle?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Non è bello pensarlo ma è la verità: Babbo Natale è un vecchio. E si sa comesono i vecchi. Dimenticano le cose, si confondono, parlano ad alta voce altelefono e non capiscono tanto bene quando gli rispondi. Non è colpa loro, èl'età."
Ordina per
  • 5

    Siccome Matteo mi rimprovera per gli spoiler, stavolta mi limiterò a questo:


    "Dov'è l'ammmore? Dov'è l'ammmmoreee?"...


    Scherzi a parte, ero un po' prevenuto prima della lettura. E invece il Bianchi mi tira fuori venti pagine perfette, un raccontino non dico commovente (sennò ...continua

    Siccome Matteo mi rimprovera per gli spoiler, stavolta mi limiterò a questo:

    "Dov'è l'ammmore? Dov'è l'ammmmoreee?"...

    Scherzi a parte, ero un po' prevenuto prima della lettura. E invece il Bianchi mi tira fuori venti pagine perfette, un raccontino non dico commovente (sennò diventa troppo evidente che sono emotivamente instabile) ma che fa ridere e sorridere di sicuro. A saperlo, anch'io da bambino avrei spedito le letterine di Natale a lei... P.S.: Non sono un fan di Cher, ma la sua voce mi piace e... ehm... credo di avere un paio di suoi dischi...

    ha scritto il 

  • 3

    Una Favola coi lustrini.

    Dieci minuti di piacevole lettura nel segno dell'innocenza infantile e di una Cher in versione Fatina-dei-Desideri. Chi proprio vuole complicarsi la vita potrebbe addirittura scorgerci un messaggio pedagogico, ma io consiglio di leggerla in modo molto più spensierato.
    Molto consigliato a tutti co ...continua

    Dieci minuti di piacevole lettura nel segno dell'innocenza infantile e di una Cher in versione Fatina-dei-Desideri. Chi proprio vuole complicarsi la vita potrebbe addirittura scorgerci un messaggio pedagogico, ma io consiglio di leggerla in modo molto più spensierato. Molto consigliato a tutti coloro che da piccoli hanno sofferto un rapporto conflittuale con Babbo Natale. (c'est moi)

    ha scritto il 

  • 4

    dieci minuti col sorriso

    Vedi, ci sono tante cose che ci sembrano impossibili, eppure accadono. Non tutto ha una spiegazione logica. Quindi, se vi dico che le cose stanno cos', per favore credetemi: questo e' un incantesimo.

    ...e' appena nato ed e' gia' pieno di brillantini.

    ha scritto il 

  • 4

    Di cosa poteva parlare un libro che fin dal titolo si rivela scorretto e cinico, storpiando il titolo di una nota canzone natalizia e inserendoci dentro il nome della cantante senza età e con il volto siliconato e icona gay per eccellenza? Tu Cher dalle stelle è un libricino davvero delizioso che ...continua

    Di cosa poteva parlare un libro che fin dal titolo si rivela scorretto e cinico, storpiando il titolo di una nota canzone natalizia e inserendoci dentro il nome della cantante senza età e con il volto siliconato e icona gay per eccellenza? Tu Cher dalle stelle è un libricino davvero delizioso che si legge d'un fiato. In sole 36 pagine (scritte grandi che più grandi non si può), fa sorridere e, perché no, magari anche commuovere. Matteo B. Bianchi parte da un fatto comune come può essere lo scrivere una letterina a Babbo Natale, per rappresentare un mondo spesso intimo e segreto che poco ha a che vedere con l'innocenza dell'infanzia. E così conosciamo Luca, il piccolo protagonista del racconto, che aveva tanto desiderato i bracciali d'oro delle Winx, ma si era visto arrivare la maschera di Spiderman e ancora aveva chiesto Barbie Capelli Magici, ma aveva ricevuto solo una fiammante bicicletta. Ma Luca non demorde e, per il terzo anno consecutivo, si trova a scrivere la famigerata letterina a Babbo Natale, giustificandolo in tutti i modi. “Non è bello pensarlo, ma è la verità: Babbo Natale è un vecchio. E si sa come sono i vecchi. Dimenticano le cose e si confondono…” Ma i pattini da ghiaccio che Luca vorrebbe per questo Natale e che il papà ha già giudicato da femmina, sono troppo importante per permettere che Babbo Natale si sbagli nuovamente. E così decide di infrangere le regole scrivendo una seconda letterina indirizzata alla magica Cher, sperando che almeno lei ascolti i suoi desideri. Il finale, di questa tenera e divertente favola di Natale, è davvero incantevole. Un racconto sull'innocenza dell'infanzia, la normalità dei desideri e l'ipocrisia, certe volte, del mondo degli adulti. Una favola moderna, più per grandi che per piccini, che lascerà un segno e scalderà il cuore del lettore.

    ha scritto il 

  • 5

    Tu Cher dalle stelle

    Bellissima favoletta di Natale da leggere in 10 minuti, piena di patos e forza narrativa. Tornare coi ricordi al nostro periodo fanciullesco è inevitabile.

    ha scritto il 

  • 4

    grazie ai miei genitori

    Favola deliziosa. Divertente e a tratti commovente. Grazie a Matteo B. Bianchi e, soprattutto, ai miei genitori che hanno sempre accuratamente controllato che Babbo Natale mi portasse esattamente quello che avevo chiesto (compresa una indimenticabile minilavatrice!).

    ha scritto il 

  • 4

    Commovente e divertente favola natalizia che fa riflettere sulla libertà di essere felici ognuno a modo nostro e con quello che desideriamo e su come gli altri tentino di condizionare le nostre scelte e i nostri gusti sin da bambini...Luca è un piccolo eroe.

    ha scritto il 

  • 5

    I pattini bianchi sono troppo importanti

    "Non avevo ancora scritto una riga, ma questo non mi preoccupava. La sola idea di un bambino che perde la fiducia in una barba bianca a favore di una acconciatura esagerata era tutto ciò di cui avevo bisogno: ora sapevo con certezza di avere finalmente trovato la favola che stavo cercando". ...continua


    <

    "Non avevo ancora scritto una riga, ma questo non mi preoccupava. La sola idea di un bambino che perde la fiducia in una barba bianca a favore di una acconciatura esagerata era tutto ciò di cui avevo bisogno: ora sapevo con certezza di avere finalmente trovato la favola che stavo cercando".

    (Matteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelle, 2006: 36)

    ha scritto il