Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tu mi dai il male

Di

Editore: Nutrimenti

3.6
(7)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8888389679 | Isbn-13: 9788888389677 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Disponibile anche come: Paperback

Ti piace Tu mi dai il male?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nell'estate del 2003 le radio smettono di trasmettere le canzoni dei Noir Désir, gruppo rock francese che impazza dopo il successo di Le vent nous portera. Bertrand Cantat, leader del gruppo e simbolo no global, è stato arrestato a Vilnius per aver causato la morte della sua compagna, l'attrice Marie Trintignant. La vicenda anima anche i rapporti fra Sara, ricercatrice pugliese, e la sua amica del cuore, Francesca, fan dei Noir Désir, sieropositiva, convinta che contro Cantat sia stato alimentato un linciaggio crudele e pretestuoso. Un romanzo che ripercorre un'intensa storia d'amore e il suo inatteso, drammatico epilogo, che ha sconvolto un'intera nazione.
Ordina per
  • 0

    Nell’estate del 2003 le radio smettono di trasmettere le canzoni dei Noir Désir, gruppo rock francese che impazza dopo il successo di Le vent nous portera. In tutte le redazioni arriva la notizia che Bertrand Cantat, leader del gruppo e simbolo no global, è stato arrestato a Vilnius per aver caus ...continua

    Nell’estate del 2003 le radio smettono di trasmettere le canzoni dei Noir Désir, gruppo rock francese che impazza dopo il successo di Le vent nous portera. In tutte le redazioni arriva la notizia che Bertrand Cantat, leader del gruppo e simbolo no global, è stato arrestato a Vilnius per aver causato la morte della sua compagna, l’attrice Marie Trintignant, figlia di un monumento vivente del cinema francese, Jean-Louis Trintignant, conosciuta e ammirata per le sue interpretazioni in due film di Claude Chabrol. La vicenda anima anche i rapporti fra Sara, ricercatrice pugliese, e la sua amica del cuore, Francesca, fan dei Noir Désir, sieropositiva, convinta che contro Cantat sia stato alimentato un linciaggio crudele e pretestuoso. Fin dall’inizio, le notizie che arrivano dalla Lituania non sembrano infatti concedere scappatoie al cantante nouveau maudit: in preda all’alcol e alla droga, avrebbe picchiato Marie in seguito a un litigio, provocandone il coma e la morte. È solo il capitolo iniziale di una lunga odissea di testimonianze, ricostruzioni spesso contraddittorie, e di una resa dei conti senza esclusione di colpi. Da una parte i Trintignant, che accusano il cantante di essere sempre stato un uomo violento e di aver ucciso volontariamente, dall’altra un Cantat prostrato, che sconta tra le pareti di una cella la sua colpa, la sua disperazione e il suo dolore. Alla ricostruzione della vicenda reale se ne affianca così un’altra immaginaria che, in uno sfondo tutto mediterraneo, offre un diverso angolo visuale della storia e nella quale convivono personaggi surreali e divertenti come zia Maria e Reb, il figlio nerd di Sara.

    ha scritto il 

  • 4

    leggetelo perchè....

    Consiglio di leggere il libro per vari motivi: è un tema particolare, "trattato" con molto rispetto per la felicità e per il dolore altrui, è il testo di un'esordiente che scrive bene, è accattivante (senza aver calcolato di esserlo), racchiude in sè più temi e fa pensare ma sa far anche sorrider ...continua

    Consiglio di leggere il libro per vari motivi: è un tema particolare, "trattato" con molto rispetto per la felicità e per il dolore altrui, è il testo di un'esordiente che scrive bene, è accattivante (senza aver calcolato di esserlo), racchiude in sè più temi e fa pensare ma sa far anche sorridere, unendo la vita alla morte, le piccole alle grandi cose, le persone lontane a quelle vicine........
    Bello bello, compratelo, io ne ho già regalati dieci agli amici che hanno tutti apprezzato. L'autrice ha anche un blog su Splinder

    ha scritto il