Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Turecký gambit

By

Publisher: Albatros

3.7
(148)

Language:Čech | Number of Pages: 224 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , German , Italian , French

Isbn-10: 800001548X | Isbn-13: 9788000015484 | Publish date: 

Category: History , Mystery & Thrillers , Non-fiction

Do you like Turecký gambit ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Další pokračování napínavé detektivní série Dobrodružství Erasta Fandorina, volně navazuje na předchozí první příběh Případ Azazel. Po pár letech a prožité osobní tragédii je z Fandorina, ústředního hrdiny všech deseti knih, mladý gentleman s prošedivělými spánky a jako titulární rada ruské kriminální policie má za úkol odhalit tajemného tureckého špiona, který už stál ruskou armádu mnoho životů a několik neúspěšných válečných akcí.
Píše se rok 1877, rusko-turecká válka je v plném proudu a na válečném poli nedaleko bulharského města Plevno se potuluje mladá žena - v přestrojení za muže! A právě v tomto okamžiku se rozvíjí strhující zápletka vedoucí přes násilí, intriky a krev až k politickým špičkám své doby.
Sorting by
  • 3

    Un tre stelle tendenti al due...
    Sono partita a leggerlo con buone aspettative dopo aver letto tempo fa il primo libro delle indagini di Fandorin. Si è rivelato essere invece particolarmente noioso, soprattutto nella prima parte. Il problema è che è un giallo "politico" quindi finchè non si ...continue

    Un tre stelle tendenti al due...
    Sono partita a leggerlo con buone aspettative dopo aver letto tempo fa il primo libro delle indagini di Fandorin. Si è rivelato essere invece particolarmente noioso, soprattutto nella prima parte. Il problema è che è un giallo "politico" quindi finchè non si entra un po' nel vivo della questione sembra che il libro sia tutto un insieme di nomi russi e turchi di cui non ci si capisce un'acca! Per fortuna poi si sviluppa il giallo e almeno l'ultima parte prende il ritmo giusto e aumenta il piacere di lettura

    said on 

  • 0

    Mai sacrificare le regine senza un particolare guadagno!

    «Parlando poi di scacchi, conoscete che cos'è il gambetto? No? 'Gambetto' equivale a 'sgambetto'. 'Dare il gambetto' è lo stesso che 'fare lo sgambetto'. Si chiama gambetto l'inizio di una partita a scacchi in cui si sacrifica all'avversario un pezzo per raggiungere una superiorità strategica. ...continue

    «Parlando poi di scacchi, conoscete che cos'è il gambetto? No? 'Gambetto' equivale a 'sgambetto'. 'Dare il gambetto' è lo stesso che 'fare lo sgambetto'. Si chiama gambetto l'inizio di una partita a scacchi in cui si sacrifica all'avversario un pezzo per raggiungere una superiorità strategica. Sono stato io a elaborare il disegno di questa partita a scacchi … »

    Probabilmente, chi mi ha regalato questo libro pensava parlasse di scacchi e lo ringrazio pubblicamente per questo ;)
    In realtà, si tratta di una storia di spionaggio (politico) ambientata nel 1877, sullo sfondo della guerra russo-turca nei Balcani. Ed è proprio sul fronte bulgaro e in situazioni non sempre piacevoli che va a cacciarsi Varja (“diavoletto in gonnella, castigo di Dio e nichilista pazzoide”) per raggiungere il suo fidanzato. Fortunatamente incontra il serbo Erast Petrovic Fandorin, agente volontario del controspionaggio.
    In effetti, però, la definizione che viene data di Gambetto turco è un’eccellente metafora utile a descrivere questa spy story, perché la metafora degli scacchi si può applicare non solo alla guerra ma anche alla politica internazionale.
    La scacchiera è quella degli interessi politici e degli equilibri internazionali. In questa partita, la Russia gioca in modo romantico (da intendere in senso scacchistico) la sua partita per la conquista di Costantinopoli e aprirsi un varco nel Mediterraneo, mentre un giocatore invisibile, Anvar-efendi, uno stratega politico, gioca la sua partita in modo esemplare e con eleganza senza sbagliare una mossa, adottando una strategia di gioco lungimirante, nella consapevolezza che, al fine di vincere, si deve essere pronti a sacrificare l’Alfiere e, a volte, si deve arrivare a sacrificare perfino la Regina … per un finale da scacco matto al Re (o allo zar)!

    p.s. Negli scacchi (ho chiesto conferma a chi ne sa più di me)…”non risulta un gambetto con questo nome. Se esiste è una rarità.”

    said on 

  • 4

    Dalla Russia con amore.

    Si può civettare in un accampamento militare?
    Si può fare spionaggio col sorriso?
    Si può investigare balbettando?
    Si può far capitolare un giovane vecchio?

    Se esiste un modo per vedere una guerra con occhi naif, questo libro spiega come.

    Intanto ne ...continue

    Si può civettare in un accampamento militare?
    Si può fare spionaggio col sorriso?
    Si può investigare balbettando?
    Si può far capitolare un giovane vecchio?

    Se esiste un modo per vedere una guerra con occhi naif, questo libro spiega come.

    Intanto nella vita reale: ho 34 anni da 2 giorni e sono già stufa. o_O

    said on 

  • 4

    Spassoso

    Scoppiettante. Arguto. Divertente.

    Lo stile mi ricorda i Wu Ming, e non e' poco.

    Erast mi ricorda Pendergast.

    L'ambientazione russa e retro fa il resto.

    Consigliato.

    said on 

  • 4

    Raffinato intrigo

    Questo scrittore ha del talento e le sue storie sono sempre coinvolgenti e molto complicate, con una base storica che ha importanza fondamentale e da cui non si può prescindere. Forse per questo mi sento sempre un po' in difetto quando lo leggo, ma riesco a trarne alcune ore di interesse e piacer ...continue

    Questo scrittore ha del talento e le sue storie sono sempre coinvolgenti e molto complicate, con una base storica che ha importanza fondamentale e da cui non si può prescindere. Forse per questo mi sento sempre un po' in difetto quando lo leggo, ma riesco a trarne alcune ore di interesse e piacere.

    said on 

  • 4

    Sì, Fandorin è un bel personaggio letterario. Merita conoscere da vicino le sue avventure che si stagliano sul finire dell'altro secolo. Questa volta lo scenario è la guerra russo-turca, ma gli intrighi riguardano tutto lo scacchiere internazionale. Reduce dalla brutta disavventura scorsa (La ...continue

    Sì, Fandorin è un bel personaggio letterario. Merita conoscere da vicino le sue avventure che si stagliano sul finire dell'altro secolo. Questa volta lo scenario è la guerra russo-turca, ma gli intrighi riguardano tutto lo scacchiere internazionale. Reduce dalla brutta disavventura scorsa (La regina d'inverno), Fandorin la sfanga anche stavolta. Avvincente.

    said on 

  • 4

    Avevo apprezzato di più il primo, ma anche questo mi ha lasciato la voglia di approfondire le circostanze storiche che fanno da scenario alla storia.

    said on 

Sorting by