Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tutta colpa dell'acido

Di

3.5
(290)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 308 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8860884748 | Isbn-13: 9788860884749 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Humor , Social Science

Ti piace Tutta colpa dell'acido?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    "Mai avuto una straccio di occasione.
    I ragazzi come lui.
    Lo stronzo ci ha dato dentro troppo, capito?
    Ce ne sono stati tanti di ragazzi così, dei bravi cazzoni,
    cioè,
    qualcuno bravo,
    ma nè più nè meno di tutti gli altri stronzi,
    c'è il buono e il gramo d ...continua

    "Mai avuto una straccio di occasione.
    I ragazzi come lui.
    Lo stronzo ci ha dato dentro troppo, capito?
    Ce ne sono stati tanti di ragazzi così, dei bravi cazzoni,
    cioè,
    qualcuno bravo,
    ma nè più nè meno di tutti gli altri stronzi,
    c'è il buono e il gramo dappertutto,
    capito?"

    ha scritto il 

  • 3

    Dovendo dare 5 a capolavori come "Il lercio" e "I segreti erotici dei grandi chef", 4 alla trilogia di Trainspotting, non mi resta che dare 3 a questa raccolta di racconti. A parte "incidente a Rosewell", geniale fanta-delirio non a caso tra i racconti più lunghi della raccolta, le trame sembrano ...continua

    Dovendo dare 5 a capolavori come "Il lercio" e "I segreti erotici dei grandi chef", 4 alla trilogia di Trainspotting, non mi resta che dare 3 a questa raccolta di racconti. A parte "incidente a Rosewell", geniale fanta-delirio non a caso tra i racconti più lunghi della raccolta, le trame sembrano abbozzate, frettolose, e i personaggi non acquistano quel respiro che Welsh è capace di creare sulla lunga distanza. Un libro godevolissimo, comunque.

    ha scritto il 

  • 3

    Buona raccolta di racconti, ma la prima parte... zoppica

    Rimasto piacevolmente colpito dallo stile diretto e ruvido che Welsh sfodera in "Il lercio" e "Tolleranza zero", mi sono aprocciato a questa raccolta di suoi racconti con altissime aspettative.
    In parte (i primi 4 racconti, circa 70 pagine) miseramente sfumate: sono brevi e ripetitivi "bign ...continua

    Rimasto piacevolmente colpito dallo stile diretto e ruvido che Welsh sfodera in "Il lercio" e "Tolleranza zero", mi sono aprocciato a questa raccolta di suoi racconti con altissime aspettative.
    In parte (i primi 4 racconti, circa 70 pagine) miseramente sfumate: sono brevi e ripetitivi "bignami" dei suoi personaggi ai margini, storditi di droghe e stupidità ben oltre il lecito.
    Il discorso cambia nella seconda metà del libro, con racconti più lunghi in cui si ritrova, in un crescendo qualitativo, molto dello stile narrativo che caratterizza i romanzi più noti di Welsh.
    Addirittura, in un paio di racconti ("Tutta colpa dell'acido" e soprattutto in "Amo Miami", unico completamente inedito), l'autore dona ai protagonisti anche un pizzico di riflessività.

    Il voto è frutto della media tra la prima, deludentissima, parte della raccolta e la seconda.
    In ogni caso, se non avete mai letto nulla di Welsh, consiglio di partire da qualcos'altro ("Trainspotting" o "Tolleranza zero", ad esempio).

    ha scritto il 

  • 3

    In crescendo

    Illeggibile nei primi racconti, si fa apprezzare con il proseguire della lettura, concludendosi con l'ultimo racconto per il quale vale la pena non abbandonarlo nell'ultimo ripiano della scrivania.

    ha scritto il 

  • 3

    A parte il racconto che da il nome al libro e il primo miniracconto, il resto abbastanza deludente
    Meno male che non l'ho comprato appena uscito, cosi ho potuto non sprecare 17 Euro, ma solo una decina :D

    ha scritto il 

  • 4

    Le quattro stelle sono grazie agli ultimi tre racconti, molto carini (e lunghi). La prima metà dei racconti sono ok, niente di che oltre alle situazioni allucinate.

    ha scritto il 

Ordina per