Tutta un'altra musica

Di

Editore: Guanda

3.6
(2242)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 316 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Svedese , Spagnolo , Catalano , Portoghese , Ceco , Francese

Isbn-10: 8860883164 | Isbn-13: 9788860883162 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Silvia Piraccini

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Musica

Ti piace Tutta un'altra musica?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ci sono coppie in perenne calma piatta. Annie e Duncan lo sanno bene. Convivono da quindici anni a Gooleness, torpida cittadina inglese sul mare, e la loro esistenza è scandita da qualche lettura in comune, l'uscita di un nuovo film, ogni tanto un concerto a Londra. Non hanno figli e nemmeno rischiano di averne, vista l'evanescenza della loro vita sessuale. Ma da un po' di tempo Annie prova un impellente desiderio di maternità, mentre Duncan non fa che coltivare la sua unica, ossessiva passione: Tucker Crowe, cantante cult americano sparito dalla scena musicale intorno alla metà degli anni Ottanta. La venerazione per Tucker, condivisa via Internet da qualche centinaio di adepti sparsi per il mondo, assorbe ogni istante delle sue giornate; e Annie comincia a chiedersi che senso abbia continuare una relazione che forse è stata solo una perdita di tempo. In questa quiete inamovibile, a Duncan arriva per posta una versione inedita dell'album più famoso di Tucker. È la scintilla che innesca una serie di eventi inaspettati, che porterà l'insoddisfatta Annie a conoscere Tucker in persona... Il nuovo romanzo di Nick Hornby si snoda sotto il binomio amore e musica, ma coglie anche in modo inatteso, originale, il tema della creatività e dei suoi alti e bassi, incarnato da questo ex musicista squattrinato in perpetua crisi, titanico esempio di fallito sentimentale.
Ordina per
  • 4

    Il personaggio di Tucker Crowe, rocker anni settanta ritiratosi dalle scene, mi ha ricordato sin dall'inizio il Giose/Yuma del romanzo "Sei come sei" della Mazzucco, e questo mi ha invogliato ancora d ...continua

    Il personaggio di Tucker Crowe, rocker anni settanta ritiratosi dalle scene, mi ha ricordato sin dall'inizio il Giose/Yuma del romanzo "Sei come sei" della Mazzucco, e questo mi ha invogliato ancora di più alla lettura. Poi c'è la corrispondenza via e-mail tra due sconosciuti dai lati opposti dell'Atlantico, in maniera piuttosto simile a quanto accade in "Le ho mai raccontato del vento del Nord", ed è un altro punticino a favore perché anche quello mi era piaciuto. Aggiungo anche che crisi personali e coniugali, episodi domestici vari sembrano descrivere molto da vicino quello che sto vivendo ultimamente. Il narratore onnisciente si cala nei pensieri di ogni personaggio per dargli voce in maniera pacata e lievemente ironica. Risultato: gustosissimo, niente affatto superficiale come temevo inizialmente, improbabile e realistico al tempo stesso.

    ha scritto il 

  • 3

    Questi libri di Hornby sembrano inizialmente leggeri, quasi spensierati; più vai avanti nella lettura, più ti rendi conto che in realtà nascondono pensieri e dubbi assai pesanti. È quasi impossibile n ...continua

    Questi libri di Hornby sembrano inizialmente leggeri, quasi spensierati; più vai avanti nella lettura, più ti rendi conto che in realtà nascondono pensieri e dubbi assai pesanti. È quasi impossibile non riconoscersi nei personaggi. Una bella lettura, è sempre un successo.

    ha scritto il 

  • 5

    Il seguito ideale di Alta fedeltà

    Se avete amato Alta fedeltà; se il vostro protagonista letterario ideale dovrebbe essere sia un po' scanzonato e pigro come Rob, che saggio e risoluto come Laura: allora le disavventure della povera A ...continua

    Se avete amato Alta fedeltà; se il vostro protagonista letterario ideale dovrebbe essere sia un po' scanzonato e pigro come Rob, che saggio e risoluto come Laura: allora le disavventure della povera Annie sono esattamente ciò che fa per voi. Piccola, personalissima chicca: circa un anno fa, beccai Nick Hornby sul red carpet del film Wild assieme all'autrice Cheryl Strayed e all'attrice Reese Witherspoon. Non potei fare a meno di urlargli "You are my Tucker Crowe!" in mezzo alla folla, e sotto la pioggia londinese. Lui (piuttosto incredibilmente) colse al volo il mio grido e mi alzò i pollicioni in segno di approvazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo autore non mi delude mai. E' un libro molto umano, in cui è possibile riconoscersi sia nelle passioni che nelle debolezze dei protagonisti. Ovviamente sempre con quella nota di humor e di ironi ...continua

    Questo autore non mi delude mai. E' un libro molto umano, in cui è possibile riconoscersi sia nelle passioni che nelle debolezze dei protagonisti. Ovviamente sempre con quella nota di humor e di ironia che nella vita serve sempre...

    ha scritto il 

  • 3

    I personaggi come al solito strappano un sorriso, il libro si legge facilmente e con piacere, ma la storia non riesce ad emozionarmi come speravo e come Hornby riusciva a fare con i suoi primi libri. ...continua

    I personaggi come al solito strappano un sorriso, il libro si legge facilmente e con piacere, ma la storia non riesce ad emozionarmi come speravo e come Hornby riusciva a fare con i suoi primi libri.

    ha scritto il 

Ordina per