Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tutte le anime

Di

Editore: Einaudi

3.6
(496)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 222 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Tedesco

Isbn-10: 8806179586 | Isbn-13: 9788806179588 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Glauco Felici

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Tutte le anime?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Anni Ottanta. Un giovane professore spagnolo capita quasi per caso a insegnare nel college di Oxford AlI Souls (nome che dà il titolo al romanzo). Inizia cosí per lui un biennio di rocambolesche avventure per vivere i ruoli di professore, amico, marito e amante, in una storia ricca di intrighi, che lascia spazio a profonde riflessioni sull'esistenza e a minuziose descrizioni di ambienti e personaggi.
Mistero, colpi di scena, pettegolezzi piccanti e sofferte esperienze d'amore, etero e omosessuali, caratterizzano le pagine di questo romanzo dal ritmo incalzante, alternando il senso del tragico al puro divertimento.
È l'incontro di due culture, un viaggio nell'anacronistico mondo dell'accademia britannica narrato con surrealista umorismo spagnolo.
Ordina per
  • 4

    capiamoci: javier marias non è mica autore che tu possa leggere sgranocchiando patatine e popcorn.
    Anzi, è arrogante e presuntoso: pretende la tua massima attenzione, devi per forza fare la barriera intorno a te, eliminare tutto ciò che dà disturbo a te e a lui. Se ti trova appena appena distrat ...continua

    capiamoci: javier marias non è mica autore che tu possa leggere sgranocchiando patatine e popcorn. Anzi, è arrogante e presuntoso: pretende la tua massima attenzione, devi per forza fare la barriera intorno a te, eliminare tutto ciò che dà disturbo a te e a lui. Se ti trova appena appena distratto, ti tratta sprezzamente e rischi di fermarti lì, senza andare avanti. Ma sei gli fai capire che sei tutto per lui e che niente potrà spezzare quel cerchio, allora la lettura si fa magica e Marias ti ripaga, con interessi, di tutta l'attenzione che gli hai dedicato.

    "Non esistono peggiori nemici di coloro che sono anche amici"

    ha scritto il 

  • 2

    Domani nella libreria pensa a qualcun altro

    La realtà è straordinaria: un sasso e un pezzo di plastica, per il solo fatto di percepirli, vederli, toccarli, ci danno la dimostrazione che siamo vivi.
    Tutto è miracoloso di per sé, le piante, i profumi, poter baciare una spalla della donna amata, strizzare l'occhio a un bimbo sconosciuto.
     E i ...continua

    La realtà è straordinaria: un sasso e un pezzo di plastica, per il solo fatto di percepirli, vederli, toccarli, ci danno la dimostrazione che siamo vivi. Tutto è miracoloso di per sé, le piante, i profumi, poter baciare una spalla della donna amata, strizzare l'occhio a un bimbo sconosciuto.  E infine l'estasi pura, a metà mattina, la fragranza della pizza bianca appena sfornata e generosamente riempita di mortadella, sottile, sottile. 

    Un mio amico inglese ha appeso all'interno della porta d'ingresso un cartello, è l'ultima cosa che vede prima di uscire di casa.  C'è scritto "don't be banal". Siamo noi a rischiare di essere insulsi, pesanti, tristi: l'uomo è in grado di mistificare e banalizzare tutto, il sesso, il mondo, la letteratura con due semplici vocali: io, io, io, io.. Il romanzetto in questione ci tiene a raccontare i due anni ad Oxford di un noiosissimo professore madrileno. Troppe pagine fuori dal bordo esterno del bello e dell'utile,  pochi faticosi periodi, lunghi e annidati.  Non riuscendo a sviscerare i contenuti mi limito a riportare il risultato di una breve ma significativa indagine statistica tra pagina 160 e 170: Punto e a capo: uno ogni 3,3 pagine Punto: 2,5 a pagina Parentesi (aperte e chiuse). 12 a pagina Trattini: 6 a pagina.

    Noia.  Pollice verso.

    ha scritto il 

  • 4

    Dovrei iniziare raccontando la trama, ma non c’è; ovvero, in realtà una leggera storia di sottofondo che fa da filo conduttore c’è: un giovane professore spagnolo che trascorre 2 anni a insegnare a Oxford. Ma il libro non è questo: è ciò che parte da questo. Ci sono personaggi che ruotano attorno ...continua

    Dovrei iniziare raccontando la trama, ma non c’è; ovvero, in realtà una leggera storia di sottofondo che fa da filo conduttore c’è: un giovane professore spagnolo che trascorre 2 anni a insegnare a Oxford. Ma il libro non è questo: è ciò che parte da questo. Ci sono personaggi che ruotano attorno, amici stretti e nemici, donne, una in particolare, quella che diventerà la sua amante, e forse non una semplice amante per lui, qualcosa di più, ma proprio per il fatto che è amante, pur se amata, doverosamente a tempo determinato. Ci sono le descrizioni, molto ironiche e precise devo dire, degli oxoniani e della vita universitaria, dei riti inglesi, delle cose nascoste e di quelle alla luce del sole. Ci sono tante parole, tante elucubrazioni, e tante riflessioni che partono dalla vita personale per andare al generale malinconico e vero di tutti noi.

    Quando un uomo va a vivere per tanto tempo in una terra straniera, diventa senza luogo, e finisce per dare importanza al cestino delle immondizie che raccoglie tutto quello che elimina e poi si svuota, raccoglie e si svuota, raccoglie e si svuota, raccoglie i resti di una vita e poi si svuota. È strana la figura della donna di cui si invaghisce, la Clare dai piedi scalzi e dalle calze nere, che ha molti amanti e a nessuno di loro si affeziona. Fin dall’inizio, lei è la fine.

    Verrebbe benissimo un film, molto inglese, con un protagonista spagnolo. Se Banderas la smettesse di fare pane e biscotti, ad esempio. Ma no, ci vorrebbe qualcuno di più giovane.

    Denso. Veramente denso, di carattere e di scrittura.

    ha scritto il 

  • 5

    Scoperta

    Marìas sì, che rappresenta una rivelazione per me.
    Scoperto per caso. Lettura chiara ma non sempre semplice, ma basta un minimo di immersione per ritrovarsi nel circolo vizioso della riflessione e della digressione, ingredienti immancabili per il signor Marìas. Fantastico come non si riesce più a ...continua

    Marìas sì, che rappresenta una rivelazione per me. Scoperto per caso. Lettura chiara ma non sempre semplice, ma basta un minimo di immersione per ritrovarsi nel circolo vizioso della riflessione e della digressione, ingredienti immancabili per il signor Marìas. Fantastico come non si riesce più a smettere - parto con la Trilogia Sentimentale e sono sicura che non me ne pentirò.

    ha scritto il 

  • 4

    Marìas, il mio autore contemporaneo preferito, non tradisce mai. Attraverso il mondo accademico, ennessimo excursus tra passioni e vicissitudini, vita ed imprevisti. Gradevole e formativa analisi esistenziale. Come sempre, alcuni passaggi indimenticabili nello scandagliamento dell'animo umano ...continua

    Marìas, il mio autore contemporaneo preferito, non tradisce mai. Attraverso il mondo accademico, ennessimo excursus tra passioni e vicissitudini, vita ed imprevisti. Gradevole e formativa analisi esistenziale. Come sempre, alcuni passaggi indimenticabili nello scandagliamento dell'animo umano

    ha scritto il 

  • 4

    Javier Marìas come al solito ha la capacità di affascinare con la sua scrittura quasi ipnotica. Anche in questo romanzo riesce a incollare il lettore alle pagine. Forse a questo romanzo manca un po' la trama che qui è abbastanza semplice: un professore spagnolo ci racconta la sua esperienza ed in ...continua

    Javier Marìas come al solito ha la capacità di affascinare con la sua scrittura quasi ipnotica. Anche in questo romanzo riesce a incollare il lettore alle pagine. Forse a questo romanzo manca un po' la trama che qui è abbastanza semplice: un professore spagnolo ci racconta la sua esperienza ed in particolare i legami affettivi che instaura nella città di oxford dove insegna letteratura spagnola. Il modo in cui viene raccontata questa vicenda e le riflessioni che ne scaturiscono sono però inconfondibili e affascinanti

    ha scritto il 

Ordina per