Tutti i racconti (1927-1930)

Oscar Narrativa 1158

Di

Editore: Mondadori

4.4
(892)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 582 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8804347694 | Isbn-13: 9788804347699 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuseppe Lippi , Claudio De Nardi , Gianna Lonza ; Illustrazione di copertina: Karel Thole

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Tutti i racconti (1927-1930)?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    È rimasto sul mio scaffale per troppo tempo, dopo aver superato la pesantezza iniziale l'ho anche, finalmente, letto tutto. Unica pecca, l'uso esagerato del concetto di "indescrivibile"

    ha scritto il 

  • 5

    H. P. Lovecraft

    Questa finestra sui racconti di Lovecraft scritti tra il 1927 e il 1930 presenta scritti gotici che affondano le loro radici in Edgar Allan Poe, ma che ne aggiornano il romanticismo alla psicanalisi e ...continua

    Questa finestra sui racconti di Lovecraft scritti tra il 1927 e il 1930 presenta scritti gotici che affondano le loro radici in Edgar Allan Poe, ma che ne aggiornano il romanticismo alla psicanalisi e alla relatività. L’orrore di Lovecraft diventa fantascientifico, gettando le basi per molta della migliore letteratura sci-fi che lo seguirà. L’ignoto spazio profondo è sede di un male tanto spaventoso quanto inconoscibile, che unisce il tempo e i mondi in un circolo di oscurità. L’alieno proviene dall’antichità con la sua mitologia esoterica; l’iniziato potrà solo soccombere alla sua primordiale energia distruttrice.

    C’è una componente di invisibilità in tutti gli orrori e terrori qui narrati: il mostruoso si cela sempre dietro a una porta chiusa, si nasconde nel buio, è relegato in segrete inaccessibili. Si manifesta sempre attraverso suoni disumani e odori pestilenziali, ma l’occhio difficilmente lo vedrà. Il mostro è invisibile, non vuole rivelarsi.

    Terzo volume dell’opera omnia di H. P. Lovecraft, basata sui testi stabiliti dallo studioso di letteratura fantastica S. T. Joshi.

    ha scritto il 

  • 5

    I racconti:

    Il caso di Charles Dexter Ward ****1/2
    Il colore venuto dallo spazio *****
    L'antica gente dei monti ***
    Storia del Necronomicon (s.v.)
    Ibid *
    L'orrore di Dunwich ****1/2
    Colui che sussurra ...continua

    I racconti:

    Il caso di Charles Dexter Ward ****1/2
    Il colore venuto dallo spazio *****
    L'antica gente dei monti ***
    Storia del Necronomicon (s.v.)
    Ibid *
    L'orrore di Dunwich ****1/2
    Colui che sussurrava nelle tenebre ****

    L'ultimo esperimento **1/2
    La maledizione di Yig ***1/2
    Il boia elettrico **
    K'n-yan ***1/2
    L'abbraccio di Medusa *** (premio speciale per il racconto più razzista mai scritto da Lovecraft - il che è tutto dire!)

    ha scritto il 

  • 4

    Non è proprio il periodo migliore di Lovecraft, non è il volume di questa raccolta dal quale cominciare per appassionarsi a questo grandissimo scrittore, tuttavia contiene alcuni racconti ottimi ed il ...continua

    Non è proprio il periodo migliore di Lovecraft, non è il volume di questa raccolta dal quale cominciare per appassionarsi a questo grandissimo scrittore, tuttavia contiene alcuni racconti ottimi ed il bellissimo "Il caso di Charles Dexter Ward", un must della letteratura horror.

    ha scritto il 

  • 4

    Bei racconti, veramente originali. Dai primi romanzi del terrore, alla Poe, si perviene a lavori che sfociano nella distopia o nella satira, per approdare ad una insolita e affascinante fantascienza " ...continua

    Bei racconti, veramente originali. Dai primi romanzi del terrore, alla Poe, si perviene a lavori che sfociano nella distopia o nella satira, per approdare ad una insolita e affascinante fantascienza "nera". In tutti, i famosi mostri di Lovecraft emergono da passati remoti o da formule cabalistiche, devastano con una violenza biblica, hanno usi e gusti e costumi abominevoli, e non sono semplici alieni o fantasmi, ma rappresentano un ignoto assoluto e pertanto ancora più terrificante. Incredibile a dirsi, ciò li rende ancora più realistici, come realistiche e credibili sono le descrizioni delle tragedie umane e naturali che provocano, l'esistenza di antiche leggende tramandate per generazioni, le superstizioni e le paure di un mondo di contadini e boscaioli dallo spirito ingenuo, l'incredulità dei forestieri, l'atteggiamento sprezzante delle autorità, la curiosità di intrepidi esploratori dell'ignoto. Il tutto con sullo sfondo paesaggi e atmosfere spesso inquietanti, ma sempre ben rese e affascinanti.

    ha scritto il 

  • 4

    "Il caso di Charles Dexter Ward" - *****
    "Il colore venuto dallo spazio" - *****
    "L'antica gente dei monti" - ***
    "Storia del Necronomicon" - ****
    "Ibid" - ****
    "L'orrore di Dunwich" - ****
    "Colui che
    ...continua

    "Il caso di Charles Dexter Ward" - *****
    "Il colore venuto dallo spazio" - *****
    "L'antica gente dei monti" - ***
    "Storia del Necronomicon" - ****
    "Ibid" - ****
    "L'orrore di Dunwich" - ****
    "Colui che sussurrava nelle tenebre" - ****

    "L'ultimo esperimento" - **
    "La maledizione di Yig" - ***
    "Il boia elettrico" - ***
    "K'n-Yan" - *****
    "L'abbraccio di Medusa" - *****

    ha scritto il