Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tutti i racconti di fantasmi

By Montague Rhodes James

(65)

| Paperback | 9788854134539

Like Tutti i racconti di fantasmi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Possiamo chiuderli in sepolcri di marmo, seppellirli o abbandonarli alle bestie feroci, bruciarli e spargerne al vento le ceneri: a volte i morti ritornano sulla terra per perseguitarci, ammonirci, tormentarci. Continuano, come pallide ombre, a frequ Continue

Possiamo chiuderli in sepolcri di marmo, seppellirli o abbandonarli alle bestie feroci, bruciarli e spargerne al vento le ceneri: a volte i morti ritornano sulla terra per perseguitarci, ammonirci, tormentarci. Continuano, come pallide ombre, a frequentare la nostra memoria e la nostra fantasia. Orrori memorabili, agghiaccianti apparizioni, spiriti o fantasmi affollano le storie soprannaturali di M.R. James. In questo volume è compresa tutta la produzione fantastica dell’autore inglese, da lui stesso ordinata in corpus: trentuno racconti diventati degli autentici classici del genere.

4 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ogni racconto è sempre più bello man mano che si va avanti. L'autore usa uno stile di scrittura che attira e coinvolge, senza mai cadere nella banalità o nella noia (cosa che mi sorprende perché personalmente ho un rapporto difficile con i racconti). ...(continue)

    Ogni racconto è sempre più bello man mano che si va avanti. L'autore usa uno stile di scrittura che attira e coinvolge, senza mai cadere nella banalità o nella noia (cosa che mi sorprende perché personalmente ho un rapporto difficile con i racconti). Difficilmente sono riuscito a lasciare a metà anche un solo racconto perché la curiosità era sempre tanta. Soprattutto, la cosa che mi è piaciuta maggiormente è che, come in ogni racconto di fantasmi che si rispetti, l'autore decide di non giungere a una conclusione ma lasciare il dubbio e il mistero nella mente del lettore!

    Is this helpful?

    Aνδρέας said on Dec 24, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    RACCONTI DI FANTASMI DI UN ANTIQUARIO
    - L'album del canonico Alberico
    - Cuori strappati
    - La mezzatinta
    - Il frassino
    - La numero 13
    - Il conte Magnus
    - «Fischia e verrò da te, ragazzo mio»
    - Il tesoro dell'abate Thomas

    ALTRI RACCONTI DI FANTASMI DI ...(continue)

    RACCONTI DI FANTASMI DI UN ANTIQUARIO
    - L'album del canonico Alberico
    - Cuori strappati
    - La mezzatinta
    - Il frassino
    - La numero 13
    - Il conte Magnus
    - «Fischia e verrò da te, ragazzo mio»
    - Il tesoro dell'abate Thomas

    ALTRI RACCONTI DI FANTASMI DI UN ANTIQUARIO
    - Una storia dei tempi di scuola
    - Il roseto
    - Il trattato Middoth
    - Il sortilegio dei runi
    - Gli stalli della Cattedrale di Barchester
    - Il Recinto di Martin
    - L'eredità del signor Humphreys

    UNO SPETTRO SCARNO E ALTRE STORIE
    - La residenza di Whitminster
    - Il diario del signor Poynter
    - Un episodio di storia cattedrale
    - Storia di una scomparsa e di una ricomparsa
    - Due dottori

    AVVERTIMENTO AI CURIOSI
    - La casa di bambola animata
    - Il libro di preghiere non comune
    - La pietra confinaria del vicino
    - Una vista dalla collina
    - Avvertimento ai curiosi
    - Un intrattenimento serale

    ULTIMI RACCONTI
    - C'era una volta un uomo che abitava vicino a un camposanto
    - Topi
    - Dopo il calar del sole nei campi da gioco
    - Il pozzo dei lamenti
    - L'esperimento (Un racconto di fantasmi per la vigilia di Capodanno)
    - La malignità degli oggetti inanimati
    - Una vignetta

    Is this helpful?

    Mariko1988 said on Oct 10, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Narra, non spiegare

    L’autore, vissuto tra il 1862 e il 1936, è un caposaldo della letteratura gotica. Finora lo conoscevo soltanto di nome, per averne letto lusinghieri elogi da parte di Stephen King e Howard Phillips Lovecraft; il che era già un validissimo biglietto d ...(continue)

    L’autore, vissuto tra il 1862 e il 1936, è un caposaldo della letteratura gotica. Finora lo conoscevo soltanto di nome, per averne letto lusinghieri elogi da parte di Stephen King e Howard Phillips Lovecraft; il che era già un validissimo biglietto di garanzia; e quando ho trovato in libreria a poco prezzo (4,9 € / 354 pagine / 31 racconti) questa sua raccolta omnia di ghost stories, non ho resistito.
    La narrativa di MRJ è elegante, le sue storie (che era solito inviare agli amici come regalo di Natale) perturbanti. Fa leva sull’inquietudine sottile più che sul terrore aperto. I protagonisti sono spesso professori, bibliofili, chierici; le locations chiese, biblioteche, brughiere. Degno di nota è che spesso l’autore descrive un fatto, ma non ne dà alcuna spiegazione, neppure di ordine sovrannaturale: l’effetto suggestivo prodotto sulla fantasia del lettore è potentissimo.

    Prendiamo ad esempio il racconto che mi è piaciuto di più, Una storia dei tempi di scuola. In una sala d’albergo un uomo rievoca fatti strani che accaddero al suo professore di latino, il quale portava sempre con sé un ciondolo con incise le sue iniziali, GWS, e una data, 24/07/1864 (la storia si svolge nel 1870). Accadde dunque che una volta questo professore avesse assegnato per esercizio la composizione di frasi con il verbo “ricordare”, ed uno degli studenti scrisse – senza saper spiegare come gli fosse saltata in testa – la frase memento putei inter quatos taxos (ricordati del pozzo tra i quattro tassi), ciò che rese molto pensoso l’insegnante; un’altra volta aveva assegnato la composizione di frasi con il condizionale, ed uno degli esercizi sulla scrivania – i fogli erano diciassette; ma gli studenti erano solo sedici – diceva si tu non veneris ad me, ego veniam ad te (se tu non verrai da me, verrò io da te); ed infine il narratore riporta de auditu che una notte un suo compagno di classe, guardando nelle finestre dell’appartamento del docente, vide “una figura magra e bagnata” fare “dei cenni” al professore. Il giorno dopo l’insegnante scomparve dalla scuola e non se ne seppe più niente. La rievocazione dei tempi di scuola finisce qui. Qualche tempo dopo uno degli uomini che ascoltavano la storia, trovandosi in un altro albergo in compagnia di altri commensali, viene a sapere di un piccolo mistero della zona: anni prima erano stati trovati, in un pozzo al centro di un boschetto di tassi, i cadaveri di due persone, di cui una abbracciava l’altra. Tra i brandelli di vestiario di uno dei due era stato trovato un ciondolo con l’incisione GWS 24/07/1864.
    Tutto qui. L’autore non dice nulla sul chi, come, perché. Non sapremo mai quale sia l’evento accaduto il 24 luglio del 1864. C’è solo un fatto: un uomo riceve un richiamo dall’oltretomba e obbedisce. Di quell’abbraccio nella morte, e delle circostanze che lo hanno determinato, non sapremo mai nulla, possiamo solo supporre: eppure proprio per questo colpisce e stimola così tanto la nostra immaginazione.

    MRJ era un grande scrittore. Qui c’è molto da imparare.

    Is this helpful?

    ClaudioLXXXI said on Apr 15, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    dal blog Giramenti

    Volendo dare un’idea dei testi di Rhodes James, fate finta di guardare una serie di “Alfred Hitchcock presenta” e di metterci sempre in mezzo uno spettro.
    L’ambientazione è quella classica e fantasmatica: un piccolo paese di campagna, un’antica unive ...(continue)

    Volendo dare un’idea dei testi di Rhodes James, fate finta di guardare una serie di “Alfred Hitchcock presenta” e di metterci sempre in mezzo uno spettro.
    L’ambientazione è quella classica e fantasmatica: un piccolo paese di campagna, un’antica università, una villa scalcagnata. C’è l’ingenuo studioso a fare da protagonista, il manufatto che nasconde il fantasma incattivito – l’antico vaso andava portato in salvo, ma è meglio lasciarlo lì! –, il cattivo che esce dal suo anfratto e le atmosfere cimiteriali a fare il resto. A volte il protagonista fa una brutta fine, altre volte no. All’autore invece non capita mai niente ed è sempre pronto a raccontarne un’altra, come fanno i barzellettieri.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2012/02/01/tutti-i-ra…

    Is this helpful?

    Giramenti said on Feb 1, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (65)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 354 Pages
  • ISBN-10: 8854134538
  • ISBN-13: 9788854134539
  • Publisher: Newton & Compton
  • Publish date: 2012-01-01
Improve_data of this book