Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tutti i romanzi e i racconti, Vol. 3: Il sogno

Tutte le storie oniriche e fantastiche

Di

Editore: Newton & Compton (Grandi Tascabili Economici, 241)

4.1
(230)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 462 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8879832247 | Isbn-13: 9788879832243 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Sebastiano Fusco , Gianni Pilo ; Illustrazione di copertina: Otto Dix

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Tutti i romanzi e i racconti, Vol. 3: Il sogno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A Lovecraft va indubbiamente ascritto il merito di avere aperto nuovi orizzonti all’interno del genere dell’Orrore Soprannaturale, di cui è l’indiscutibile caposcuola: egli ha infatti portato le sue storie terrificanti al di là dell’uomo e della sua dimensione, investendo gli imperscrutabili abissi dello spazio, e ha indagato tutte le possibilità della paura in un universo allucinante e spaventoso.

Spazi extra-galattici, alieni, dimensioni sconosciute, estremi confini del cosmo: questo l’universo del terrore soprannaturale partorito dalla fervida mente di un maestro di storie dell’orrore.

* * *

NOTA: A questa scheda corrisponde anche la ristampa con copertina bianca del settembre 2004.

Ordina per
  • 5

    Bellissimo libro, contiene le migliori storie fantastiche di questo Narratore molto particolare. Tuffarsi negli orrori remoti, nelle angoscie ancestrali, questo e HP Lovecraft

    ha scritto il 

  • 4

    Edizione ormai superata da quella, per gli stessi tipi, in un volume unico. Questo libro ha il pregio di contenere i racconti onirici (in particolar modo la saga di Randolph Carter), alcune lettere e spunti e soprattutto alcuni saggi.

    ha scritto il 

  • 5

    Una raccolta di suggestivi capolavori fantastici più che horror, contiene quasi tutte le mie storie preferite di H.P. Lovecraft: "Polaris", "Il fato che colpì Sarnath", "I gatti di Ulthar", "La ricerca onirica dello sconosciuto Kadath" e il meraviglioso "Ricordo", un frammento di straordinaria be ...continua

    Una raccolta di suggestivi capolavori fantastici più che horror, contiene quasi tutte le mie storie preferite di H.P. Lovecraft: "Polaris", "Il fato che colpì Sarnath", "I gatti di Ulthar", "La ricerca onirica dello sconosciuto Kadath" e il meraviglioso "Ricordo", un frammento di straordinaria bellezza e suggestione.

    ha scritto il 

  • 3

    sicuramente un libro non troppo leggero..contiene vari racconti che si trovano anche in altre raccolte (come la morte alata per esempio) e certe storie sono un pò ardue da seguire in quanto semplici sogni di Lovecraft e che hanno poco a che vedere con dei racconti veri e propri...<br />solo ...continua

    sicuramente un libro non troppo leggero..contiene vari racconti che si trovano anche in altre raccolte (come la morte alata per esempio) e certe storie sono un pò ardue da seguire in quanto semplici sogni di Lovecraft e che hanno poco a che vedere con dei racconti veri e propri...<br />solo per i fan di Lovecraft e del suo mondo Onirico

    ha scritto il 

  • 4

    Kublai Kan troverebbe in H.P. Lovecraft un altro degno interlocutore, al posto del Marco Polo delle Città invisibili. Mi chiedo se Calvino sia mai stato un lettore di HPL: qualcuno dovrebbe mettere il naso nella sua biblioteca. Le analogie sono moltissime: le città hanno sempre significati ...continua

    Kublai Kan troverebbe in H.P. Lovecraft un altro degno interlocutore, al posto del Marco Polo delle Città invisibili. Mi chiedo se Calvino sia mai stato un lettore di HPL: qualcuno dovrebbe mettere il naso nella sua biblioteca. Le analogie sono moltissime: le città hanno sempre significati simbolici, nomi esotici, toponimie dettagliate e le migliori descrizioni di HPL sono veloci tratteggi di tetti guglie templi e atmosfere urbane oniriche del tutto simili a quelle che si troveranno nelle Città di Calvino.
    Non sarebbe male uno scavo archeologico, un po' compilativo un po' maniacale, alla ricerca delle rovine lovecraftiane al di sotto delle città calviniane.

    ha scritto il 

  • 0

    I racconti e i romanzi onirici di Lovecraft. Cominciamo a scoprire una parte delle divinità esterne che compongono il suo pantheon ma soprattutto ci si lascia trasportare dal sogno e nel sogno. Si va alla ricerca di Kadath, si cominciano a temere i Magri Notturni e si scopre il potere mentale dei ...continua

    I racconti e i romanzi onirici di Lovecraft. Cominciamo a scoprire una parte delle divinità esterne che compongono il suo pantheon ma soprattutto ci si lascia trasportare dal sogno e nel sogno. Si va alla ricerca di Kadath, si cominciano a temere i Magri Notturni e si scopre il potere mentale dei gatti, estrema risorsa in nostro aiuto nel mondo onirico. Alla fine del libro, alcuni saggi ci aiutano a conoscere meglio la visione del mondo di Lovecraft.

    ha scritto il 

  • 1

    Commento preliminare di pre-lettura: Lovecraft, mai letto niente di lui eccetto alcuni scritti una decina d'anni fa (e quindi in ben più giovane età) che non mi hanno mai detto niente. Ora mi accingo a leggermi tutti i suoi scritti, voglio proprio vedere la differenza.
    Commento finale: un'a ...continua

    Commento preliminare di pre-lettura: Lovecraft, mai letto niente di lui eccetto alcuni scritti una decina d'anni fa (e quindi in ben più giovane età) che non mi hanno mai detto niente. Ora mi accingo a leggermi tutti i suoi scritti, voglio proprio vedere la differenza.
    Commento finale: un'accozzaglia di scritti fantastici e onirici. Alcuni non male di per sé, altri mi sembrano totalmente inutili, come lo scritto di apertura che tratta un tema totalmente fantastico e campato in aria.
    Rimane sempre Lovecraft, è storia della letteratura ha contribuito a molte altre opere ispirate, però questa raccolta è brutalmente decontestualizzata (visto che per lo più questi racconti erano pubblicati su riveste/giornali, con un certo taglio, una certa introduzione) e a me sinceramente non dice niente.

    ha scritto il