Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tutto Sherlock Holmes**

Le memorie di Sherlock Holmes - Il mastino dei Baskerville

Di

Editore: Newton Compton (Grandi Tascabili Economici Newton)

4.3
(296)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 368 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8879831755 | Isbn-13: 9788879831758 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Nicoletta Rosati Bizzotto

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Tutto Sherlock Holmes**?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Carino

    Il fiuto di Holmes è sempre la stesso,ma questa volta il tema centrale della storia è Watson perchè la maggior parte del racconto è lasciata a lui.Comunque carino e stimolante anche se il ritmo ...continua

    Il fiuto di Holmes è sempre la stesso,ma questa volta il tema centrale della storia è Watson perchè la maggior parte del racconto è lasciata a lui.Comunque carino e stimolante anche se il ritmo narrativo non è regolare.

    ha scritto il 

  • 4

    Sherlock è sempre Sherlock, ma...

    ...ma ho preferito le "Memorie" (bellissima "L'ultima avventura") che non "Il mastino dei Baskerville". Nelle storie brevi secondo me c'è più gusto, nei romanzi Doyle la tira un po' troppo per le ...continua

    ...ma ho preferito le "Memorie" (bellissima "L'ultima avventura") che non "Il mastino dei Baskerville". Nelle storie brevi secondo me c'è più gusto, nei romanzi Doyle la tira un po' troppo per le lunghe. "Il mastino" non mi ha preso e poi gran parte della storia è lasciata al solo Watson. Lettura comunque sempre gradevole e intelligente.

    ha scritto il 

  • 5

    questi quattro volumi si possono considerare come un unicum, un piccolo capolavoro di giallo per ragazzi(al giorno d'oggi per ragazzi, ai tempi di Doyle era il corrispettivo di Camilleri e anche di ...continua

    questi quattro volumi si possono considerare come un unicum, un piccolo capolavoro di giallo per ragazzi(al giorno d'oggi per ragazzi, ai tempi di Doyle era il corrispettivo di Camilleri e anche di più). gialli divertentissimi e appassionanti, che presentano questa storica coppia al mondo: Sherlock Holmes e il dottor Watson sono una dei personaggi più famosi della letteratura di ogni tempo: talmente amati dai lettori che Conan Doyle fu costretto a "resuscitare" Sherlock Holmes, dopo averlo fatto morire perché non voleva scriverne più. ricordo con particolare piacere i primi tre volumi come i migliori, ma come si vede dalle stellette, il quarto segue di appena un'incollatura. certo, se non li avete letti ad una certa età, adesso potranno anche sembrarvi un po' troppo naif; ma stiamo comunque parlando di capisaldi della letteratura mondiale, da avere e da conoscere assolutamente.

    ha scritto il 

  • 5

    I libri di Sherlock Holmes sono stati una piacevole scoperta. Al di là di quello che si vede nei film, leggendo riesci ad entrare davvero nell'appartamento di Baker street e nella testa del folle e ...continua

    I libri di Sherlock Holmes sono stati una piacevole scoperta. Al di là di quello che si vede nei film, leggendo riesci ad entrare davvero nell'appartamento di Baker street e nella testa del folle e geniale Holmes. Tutti i casi raccontati dal fido compagno Watson sono affrontati con metodo e logica e coinvolgono una vasta gamma di aspetti. Dalle analisi chimiche allo studio delle impronte, dall'esame della carta di una lettera all'inchiostro usato per scriverla. Se si pensa che tutto questo è stato scritto prima della comparsa dei RIS e simili c'è davvero da stupirsi dell'abilità che l'autore dedica ai particolari. Quello che Doyle, infine, ci fa capire è che dietro ad ogni caso, per quanto grottesco, incomprensibile e misterioso possa apparire c'è sempre una soluzione logica e perfettamente "normale". Importante anche la figura del dottor Watson, abile biografo ma anche spalla perfetta e complementare del "maestro". E' anche grazia a lui che vediamo i difetti (oltre alle ben note capacità) di Sherlock Holmes che, in questo modo, ci appare più umano e meno mito.

    ha scritto il 

  • 5

    quando un personaggio segna l'immaginario al punto che alcuni credono sia davvero esistito, non c'è più molto da dire, salvo che per me si è guadagnato sul campo l'essere considerato non più ...continua

    quando un personaggio segna l'immaginario al punto che alcuni credono sia davvero esistito, non c'è più molto da dire, salvo che per me si è guadagnato sul campo l'essere considerato non più romanzo ma storia. in fin dei conti, quanti di noi finita l'esistenza lasciamo poco o niente... lunga vita al mio cocainomane preferito!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    per il gdl
    http://www.anobii.com/forum_thread?topicId=63198#new_thread

    il mastino dei baskerville.
    cap 5
    appassionante e divertente. mi piace molto. sono incuriosita dalla storia degli stivali, anche ...continua

    per il gdl
    http://www.anobii.com/forum_thread?topicId=63198#new_thread

    il mastino dei baskerville.
    cap 5
    appassionante e divertente. mi piace molto. sono incuriosita dalla storia degli stivali, anche se non credo che la storia abbia molto di soprannaturale: ci sono fin troppi soldi che girano!
    bellissima l'ambientazione non vedo l'ora di passeggiare nella brughiera, vedere la hall, il viale dei cipressi..

    cap 11
    la brughiera cupa, il vento, la solitudine, la palude che si ciuccia pony e cagnolini.... tutto ha contribuito a mettermi i brividi. oltretutto nel momento stesso in cui watson e sir henry si trovano da soli al buio a caccia dell'evaso e sentono il mastino io ero in una stanza in silenzio e dall'altra camera mi è arrivato un ululato da un documentario in tv! mi è venuta la pelle d'oca!! :)
    allora c'è un ergastolano che è però il fratello della cameriera e da questo dipendono le lacrime di lei e il girovagare notturno del marito.
    ci sono i fratelli stapleton: lei è pazza e isterica? lui è morboso e geloso? ancora non si è capito.
    c'è un altro uomo che spia tutti, un uomo misterioso che nessuno conosce.
    c'è una lettera firmata l. l. che forse è stata indirizzata a sir charles da laura figlia di frankland donna di dubbia reputazione.
    e c'è, infine il piccolo spaniel scomparso inghiottito dalle sabbie mobili o mangiato dal mastino...
    per ora abbiamo escluso i barrymore, ma potrebbe essere chiunque... mortimer ad esempio che dopo essere stato così importante ora è stato relegato a semplice comparsa a caccia di "fossili"

    finito
    scopriamo che la spia misteriosa non è altri che sherlock e che laura e stempleton sono sì amanti, ma stempleton è pure sposato con l' affascinante donna che lui fa passare per sua sorella.
    tutto torna tranne una cosa: il primo scalino.
    holmes non ci spiega mai come ha fatto a capire che laura era l'amante di stempleton. come ha fatto a scoprirlo? e come avrei potuto scoprirlo io? ad intuito?
    questa leggerezza mi ha un po' scocciato, devo ammetterlo.
    come mi ha scocciato scoprire troppo presto il cattivo, abituata come sono ai gialli dove tutto viene spiegato nell'ultima pagina :)
    avrei dovuto arrivarci quando la moglie/sorella cerca di avvertire sir henry appena arrivato: per farlo doveva per forza sapere qualcosa!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho letto in questi giorni solo alcuni dei racconti che mi mancavano per finire questo libro, avendo già letto da anni Il Mastino dei Baskerville. Decisamente geniale: Sherlock Holmes con le sue ...continua

    Ho letto in questi giorni solo alcuni dei racconti che mi mancavano per finire questo libro, avendo già letto da anni Il Mastino dei Baskerville. Decisamente geniale: Sherlock Holmes con le sue acutissime osservazioni, Conan Doyle con i suoi racconti perfetti dove alla fine tutto quadra, Mycroft Holmes - altro fantastico personaggio, come Alan Moore ha intuito usandolo per la La Lega degli Straordinari Gentlemen - più intelligente (!!!) del più famoso fratello, ma non portato per l'azione.

    ha scritto il