Tutto Sherlock Holmes

Di

Editore: Newton Compton

4.4
(1820)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 381 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000009918 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Cofanetto , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Tutto Sherlock Holmes?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questa scheda è DOPPIA.

Non aggiungerla alla tua libreria o se già l'hai aggiunta, deselezionala e usa invece quella che trovi al seguente url:

http://www.anobii.com/books/0167103c549f61ed90/

Non unire questa scheda con quella corretta.

Ordina per
  • 5

    Capolavoro!

    Che voglia di tornare a Londra, che voglia di avere un Tardis per tornare a quella Londra fumosa, piovosa e vittoriana, con le sue etichette, le sue cupe storie e le campagne inglesi così misteriose! ...continua

    Che voglia di tornare a Londra, che voglia di avere un Tardis per tornare a quella Londra fumosa, piovosa e vittoriana, con le sue etichette, le sue cupe storie e le campagne inglesi così misteriose! Un'opera enorme, immensa, non solo per le dimensioni del canone di Doyle ma per la grandezza artistica. Alcune storie sono meno riuscite di altre e credo di averle anche dimenticate in questi mesi di lettura (dilazionata per cause di forza maggiore). Per quanto le storie più famose siano altre, la mia preferita in assoluta è stata La valle della paura. Non dimenticherò mai il salto che ho fatto sul divano per lo stupore e l'emozione, sopraffatta dalla lettura! Consiglio vivamente a tutti di leggerlo almeno una volta nella vita!

    ha scritto il 

  • 3

    Accuratamente sbarbato

    "Ma torniamo a Conan Doyle. Conan Doyle è un bravo
    ragazzo, e lo sapete bene perché: Sherlock Holmes.
    Uno dei massimi personaggi popolari della letteratura,
    o uno dei massimi personaggi della letterat ...continua

    "Ma torniamo a Conan Doyle. Conan Doyle è un bravo
    ragazzo, e lo sapete bene perché: Sherlock Holmes.
    Uno dei massimi personaggi popolari della letteratura,
    o uno dei massimi personaggi della letteratura popolare,
    e la fondazione definitiva del genere giallo, o così
    ho letto, in questo caso come portatore di razionalismo
    atto a decifrare enigmi e svelare l'irrazionalità
    delle credenze, un rappresentante delle istanze positiviste
    e scientifiche dell'uomo moderno. Almeno finchè
    Conan Doyle non decise di credere agli spiriti, di
    frequentare ville infestate e di sostenere la veracità di
    una foto che ritraeva delle fate svolazzare in un boschetto,
    invece di considerarlo semplicemente un fotomontaggio.
    In Doyle c'è evidentemente il gusto della
    narrazione, non impacciata da troppa rigidezza e
    tecnicismo come nel caso di Verme - c'è una storia, un
    romanzo personale che si svela dietro ogni enigma, in
    particolare nella novella La Valle della Paura, che mi
    introdusse nel fantastico mondo dell'investigatore più
    cocainomane di tutti i tempi. Lo stile è comunque
    asciutto, e trovo particolarmente appassionante che in
    quasi ogni storia Doyle riesca a trovare almeno un
    personaggio da descrivere come "accuratamente
    sbarbato". In seguito, sentendosi prigioniero di questa
    sua invenzione, laddove la sua aspirazione era di essere
    considerato uno scrittore serio, e di diventare immortale
    grazie ai romanzi storico-avventurosi che
    scriveva parallelamente, soppresse Sherlock, assassinandolo
    in una storia. Ma non c'era bisogno di Sherlock
    Holmes per scoprire chi era l'autore del delitto: ci
    fu una mezza insurrezione popolare a Londra. Tempo
    dopo ritornò sui propri passi. Intanto, scriveva anche
    altri racconti fantastici e fantascientifici. Anche vari di
    questi si ricordano ancora. Spassosamente, quello che
    non si ricorda più è proprio il lavoro che lui considerava
    serio."

    da "Alcune note su una non entità" di Umberto Bieco

    ha scritto il 

  • 0

    Uno studio in rosso. ****
    Iniziato il 05/03/2017, finito il 07/03/2017.
    Con questo romanzo iniziamo a fare la conoscenza di Holmes e dei suoi fantastici metodi deduttivi, e di Watson. Avvincente e pia ...continua

    Uno studio in rosso. ****
    Iniziato il 05/03/2017, finito il 07/03/2017.
    Con questo romanzo iniziamo a fare la conoscenza di Holmes e dei suoi fantastici metodi deduttivi, e di Watson. Avvincente e piacevole. Molto carina la digressione della seconda parte del romanzo che mette luce sui fatti antecedenti a quelli del delitto.

    Il segno dei quattro. ***
    Iniziato il 06/04/2017. Finito lo 08/06/2017.
    Un po' più fiacco e prevedibile del primo, ma comunque godibile.

    ha scritto il 

  • 5

    Che dire, se non splendido. Leggerlo nelle caldi notti d'estate non ha eguali. Non ho critiche da porre in essere ma solo "lodi lodi lodi" (cit. R.Arbore)

    ha scritto il 

  • 5

    Un paio di mesi

    mi ci sono voluti tutti per leggere questo imponente tomo (e benedetto sia chi ha inventato l'e-book, così mi ha dato modo di distrarmi in treno con un peso contenuto).
    con qualche alto e basso inevit ...continua

    mi ci sono voluti tutti per leggere questo imponente tomo (e benedetto sia chi ha inventato l'e-book, così mi ha dato modo di distrarmi in treno con un peso contenuto).
    con qualche alto e basso inevitabile (alcuni racconti sono certamente meglio riusciti di altri) si è in ogni caso rivelato una lettura notevole e appassionante.
    consigliatissimo, magari inframmezzandolo con altri romanzi per non fossilizzarsi troppo (e farlo durare ancora di più).

    ha scritto il 

  • 0

    "E quindi, caro lettore, un addio a Sherlock Holmes! Ti ringrazio per la tua costanza in passato e posso solo sperare che sia stata ricompensata con quella evasione dai problemi della vita e con quell ...continua

    "E quindi, caro lettore, un addio a Sherlock Holmes! Ti ringrazio per la tua costanza in passato e posso solo sperare che sia stata ricompensata con quella evasione dai problemi della vita e con quello stimolante svago della mente che solo si può trovare nel regno fatato dell'immaginazione."

    ha scritto il 

  • 4

    Uno studio in rosso ****
    Il segno dei quattro ***
    Le avventure di Sherlock Holmes ****
    Le memorie di Sherlock Holmes ****
    Il mastino dei Baskerville*****
    Il ritorno di Sherlock Holmes****
    La valle del ...continua

    Uno studio in rosso ****
    Il segno dei quattro ***
    Le avventure di Sherlock Holmes ****
    Le memorie di Sherlock Holmes ****
    Il mastino dei Baskerville*****
    Il ritorno di Sherlock Holmes****
    La valle della paura****
    L'ultimo saluto****
    Il taccuino di Sherlock Holmes****

    ha scritto il 

  • 5

    Quasi 2 mesi di lettura. Per me il resto (telefilm, film, ulteriori racconti) sono solo fuffa.

    Uno studio in rosso ****
    Il segno dei quattro ****
    Le avventure di Sherlock Holmes:****
    Le memorie di She ...continua

    Quasi 2 mesi di lettura. Per me il resto (telefilm, film, ulteriori racconti) sono solo fuffa.

    Uno studio in rosso ****
    Il segno dei quattro ****
    Le avventure di Sherlock Holmes:****
    Le memorie di Sherlock Holmes:****
    Il mastino dei Baskerville: *****
    Il ritorno di Sherlock Holmes: ****
    La valle della paura: *****
    L'ultimo saluto di Sherlock Holmes: ****
    Il taccuino di Sherlock Holmes: ***

    ha scritto il 

  • 5

    Uno studio in rosso - ****
    Il segno dei quattro - ***
    Le avventure di Sherlock Holmes - ****
    Il Mastino di Baskerville - *****
    Il ritorno di Sherlock Holmes ****
    La valle della paura *****
    L’ultimo sa ...continua

    Uno studio in rosso - ****
    Il segno dei quattro - ***
    Le avventure di Sherlock Holmes - ****
    Il Mastino di Baskerville - *****
    Il ritorno di Sherlock Holmes ****
    La valle della paura *****
    L’ultimo saluto di Sherlock Holmes ****
    Il taccuino di Sherlock Holmes ***

    ha scritto il 

Ordina per