Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Twitter e le rivoluzioni

La primavera araba dei social network: nulla sarà più come prima

By Giovanna Loccatelli

(14)

| Paperback | 9788835990451

Like Twitter e le rivoluzioni ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

2 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Twitter e le rivoluzioni, i cinguettii della Primavera araba

    Mentre alcuni eventi nati su internet hanno avuto vita breve, le rivolte nel mondo arabo, trovando linfa vitale nei social network e nella rete in generale, sono passate dal tweet alla street: dal messaggino di 140 caratteri alle strade, dal virtuale ...(continue)

    Mentre alcuni eventi nati su internet hanno avuto vita breve, le rivolte nel mondo arabo, trovando linfa vitale nei social network e nella rete in generale, sono passate dal tweet alla street: dal messaggino di 140 caratteri alle strade, dal virtuale al reale.
    È vero che la rete ha svolto un ruolo cruciale nel far mature un sentimento di rivalsa sociale soprattutto tra i giovani, ma è anche vero che i regimi hanno saputo organizzare una capillare opera di censura, quando non addirittura di “blackout”, per impedire ai manifestanti di comunicare con l’estero.
    Piazza Tahrir, nel cuore del Cairo, ha visto nascere una rivoluzione che tuttora si coordina e si incoraggia proprio facendo uso di ciò che la rete mette a disposizione. Twitter, Facebook, Youtube, Skype, Flickr, parecchi blog e il network televisivo Al Jazeera sono diventati strumenti, oserei dire “armi”, indispensabili per una nuova generazione di giovani, alfabetizzati e informatizzati.
    Twitter, nato appena cinque anni fa, ha assurto il ruolo di agenzia stampa internazionale: un inesauribile archivio di dati e informazioni, spesso anche molto dettagliate e documentate. Quasi tutti i filmati amatoriali che troviamo sui nostri telegiornali, pensiamo solo ai manifestanti uccisi che vengono gettati dai soldati in mezzo all’immondizia, sono stati messi in rete immediatamente dopo la ripresa. I video sono stati pubblicati su Youtube e nel giro di poche ore li abbiamo ritrovati su tutti i telegiornali del mondo. Con queste nuove risorse tecnologiche il compito dei giornalisti professionisti spesso si limita al verificare le fonti e accertarsi che gli autori dei tweet siano attendibili.
    Giovanna Loccatelli, con dovizia di particolari, descrive la genesi di alcune rivolte e il loro rapporto con i social network. Citando numerosi tweet estrapolati dalla rete rende bene il clima che anima queste rivolte. Facebook e Twitter sono le nuove armi usate per sconfiggere i regimi. E i dittatori li temono. Cercano di bloccarli, censurarli e, se possibile, di fermare i responsabili.
    A mio avviso è un ottimo libro anche se forse pecca di eccessivo ottimismo. Se è vero che la Primavera araba ha giovato dei social network, è anche vero che bisognerebbe indagare più approfonditamente le cause che hanno portato tante persone così diverse tra loro a scendere in piazza.

    Is this helpful?

    Roby said on Nov 30, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un documento giornalistico di qualita'. E non solo!

    Più che libro, definirei il lavoro di Giovanna Loccatelli un vero e proprio documento giornalistico.

    Sono riportati i Tweet più significati e delle fonti più autorevoli dal cuore delle manifestazioni avute luogo in Tunisia, Egitto e Libia evidenzian ...(continue)

    Più che libro, definirei il lavoro di Giovanna Loccatelli un vero e proprio documento giornalistico.

    Sono riportati i Tweet più significati e delle fonti più autorevoli dal cuore delle manifestazioni avute luogo in Tunisia, Egitto e Libia evidenziando il ruolo fondamentale dei Social Network nell'economia dell'informazione.

    Le sezioni dedicate ai tre stati nordafricani sono un esempio di come le notizie devono essere date facendo affidamento sui nuovi mezzi (i Social Media): oltre alle parole dei protagonisti che narravano i fatti, notevole è il lavoro di contestualizzazione degli stessi. Credo che i documenti siano fruibili anche per chi non è esperto dei social media ma, al tempo stesso, per le argomentazioni portate, sono convinto che l'intero volume rappresenti una lezione di come il giornalismo deve essere fatto nella nostra epoca.

    Questo è il post nel mio blog con una recensione dettagliata http://mdplab.blogspot.com/2011/06/twitter-e-le-rivoluz…

    Is this helpful?

    Marco Dal Pozzo said on Jun 22, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (14)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 238 Pages
  • ISBN-10: 8835990459
  • ISBN-13: 9788835990451
  • Publisher: Editori Internazionali Riuniti
  • Publish date: 2011-05-01
Improve_data of this book