Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tyrant il Distruttore

Resident Evil 1

Di

Editore: Mondadori (Urania)

3.3
(74)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 242 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000021109 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Stefano Di Marino ; Illustrazione di copertina: Mark Gerber

Genere: Games , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Tyrant il Distruttore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nelle vicinanze di Raccoon City vengono ritrovati alcuni cadaveri mutilati e parzialmente divorati. Un caso troppo difficile per le normali forze di polizia e il sindaco Harris decide di chiedere aiuto allo S.T.A.R.S., un corpo speciale antiterrorismo di cui pochi conoscono l'esistenza. Le indagini dello S.T.A.R.S. si accentrano sulla Umbrella Corporation, un'industria che produce sistemi strategici per la difesa, in particolare armi chimiche e batteriologiche. Ma, per ottenere le prove, è necessario entrare nell'archivio della società e superare i pericoli di cui la Umbrella è costellata, vere trappole genetiche create per distruggere gli intrusi. E, al termine, il più agguerrito degli incubi viventi: Tyrant, il distruttore!

*Supplemento al n. 1424 di Urania.

Ordina per
  • 3

    Mi fu prestato da un amico, una volta venuto a conoscenza della mia passione per la saga di Resident Evil (o almeno quella videoludica). Ricordo che, soprattutto all'inizio, non riusciva mai ad "ingranare": sembrava solo un riassunto del videogioco, quindi lo lasciavo sul comodino e iniziavo altr ...continua

    Mi fu prestato da un amico, una volta venuto a conoscenza della mia passione per la saga di Resident Evil (o almeno quella videoludica). Ricordo che, soprattutto all'inizio, non riusciva mai ad "ingranare": sembrava solo un riassunto del videogioco, quindi lo lasciavo sul comodino e iniziavo altre letture. Una volta preso il ritmo, però, non è stato male, anzi! In alcuni punti è riuscito ad essere persino godibile. Non penso lo consiglierei a chi non conosce il mondo di Resident Evil, però...

    ha scritto il 

  • 3

    Piatto (con aggravante)

    Il libro è la trasposizione letteraria del primo capitolo della saga, ma oltre la storia, è un libro piatto, niente suspance e oltretutto riesce a rovinare uno dei più grandi personaggi di questa saga videoludica: Albert Wesker, sembra che in questo libro abbiano sostituito Wesker con un imbecill ...continua

    Il libro è la trasposizione letteraria del primo capitolo della saga, ma oltre la storia, è un libro piatto, niente suspance e oltretutto riesce a rovinare uno dei più grandi personaggi di questa saga videoludica: Albert Wesker, sembra che in questo libro abbiano sostituito Wesker con un imbecille dai capelli biondi gelatinati

    ha scritto il 

  • 4

    Ho trovato questo romanzo di Resident Evil piacevole. Piacevole perchè è scritto decentemente e non scade mai nella noia. Ovviamente, avendo giocato al videogioco, la trama mi ha catturato subito, cosa che magari può accadere dopo qualche pagina con un lettore che non ha mai conosciuto la saga vi ...continua

    Ho trovato questo romanzo di Resident Evil piacevole. Piacevole perchè è scritto decentemente e non scade mai nella noia. Ovviamente, avendo giocato al videogioco, la trama mi ha catturato subito, cosa che magari può accadere dopo qualche pagina con un lettore che non ha mai conosciuto la saga videoludica.
    L'incedere del racconto è avvincente, ricco di enigmi e con personaggi caratterizzati sì all'osso, ma in maniera sufficiente per la storia. Unico aspetto negativo è il ripetersi di alcune situazioni, come le troppe descrizioni dei luoghi o il girovagare dei protagonisti; c'è anche da pensare che il videogioco era esattamente così, quindi si può benissimo chiudere un occhio. Il finale è un poco inconcludente, ma di sicuro è tale perchè il lettore possa subito iniziare il libro successivo.

    ha scritto il 

  • 3

    Direttamente dal Videogames o quasi...

    Da accanito fan della serie videoludica di Resident Evil non potevo non leggere le "novelle" ufficiali. Buone letture, un pò scontato il libro che si discosta in più punti dalla trama orginale del gioco da cui è tratto (il primo capitolo di Resident Evil) ma piacevole. Da leggere se siete fans de ...continua

    Da accanito fan della serie videoludica di Resident Evil non potevo non leggere le "novelle" ufficiali. Buone letture, un pò scontato il libro che si discosta in più punti dalla trama orginale del gioco da cui è tratto (il primo capitolo di Resident Evil) ma piacevole. Da leggere se siete fans della serie Resident Evil e tutto quello che riguarda il suo universo mediatico.

    ha scritto il 

  • 3

    Carino... ma si poteva dare di più!

    Premesso che, salvo per l'assenza di Milla Jovovich e Michelle Rodriguez è infinitamente migliore il libro rispetto al film, con una trama completamente estranea a quella di quest'ultimo (ragione utile per apprezzarlo), questa storia ha una base potenzialmente ricca ma, purtroppo, uno sviluppo na ...continua

    Premesso che, salvo per l'assenza di Milla Jovovich e Michelle Rodriguez è infinitamente migliore il libro rispetto al film, con una trama completamente estranea a quella di quest'ultimo (ragione utile per apprezzarlo), questa storia ha una base potenzialmente ricca ma, purtroppo, uno sviluppo narrativo incredibilmente povero.

    Intitolato in originale The Umbrella Conspirancy (e qui sarebbe da domandarsi per quale assurda ragione il titolo è stato riadattato come Tyrant Il Distruttore), questo libro è indicato quale novellizzazione del primo capitolo della saga videoludica e, probabilmente, proprio a questo fattore ha da essere imputata la sua stessa povertà quale romanzo.
    Dopo le prime pagine, l'autrice, ancor prima che nell'imbastire una storia degna di essere letta, sembra infatti impiegare tutti i propri sforzi nel voler proporre una sorta di riassunto della trama del videogioco, negando in questo ogni atmosfera utile a coinvolgere il lettore, ad appassionarlo, ponendolo, banalmente, a confronto con una lista interminabile di trabocchetti, stanze segrete, passaggi nascosti e mostri di ogni natura senza alcuna reale possibilità di apprezzamento per tutto ciò.

    Insomma... un'occasione mancata, per quanto in molti potranno dire "Ma che ti aspettavi da un libro tratto da un videogioco?!".
    Spero che, con il secondo volume della saga, non più novellizzazione di alcun capitolo del videogioco, S.D. Perry riesca a rifarsi...

    ha scritto il 

  • 3

    Non sarà un capolavoro letterario, ma la trasposizione in romanzo del primo capitolo della saga survival horror videoludico è decisamente efficace. L'autrice rimane sostanzialmente fedeli agli eventi narrati nel videogame arricchendo la trama con efficaci descrizioni psicologiche.

    ha scritto il 

  • 4

    La trasposizione del primo grande capit0lo della saga rimane fedele alla trama del gioco, seguendo come in esso le diverse ottiche dei personaggi, ma approfondendone inoltre gli stati d'animo e la psicologia.

    ha scritto il