Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ultime poesie d'amore

Testo francese a fronte

Di

Editore: Passigli

4.4
(28)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 237 | Formato: Altri

Isbn-10: 8836806244 | Isbn-13: 9788836806249 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Ti piace Ultime poesie d'amore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sotto il titolo "Derniers poèmes d'amour" sono stati raccolti in Francia, nel1962, quattro volumetti di poesie scritti e pubblicati da Eluard tra il 1946 eil 1951. Non si tratta esclusivamente di poesie d'amore, ma l'intitolazionepuò essere di buon grado accettata poiché rispecchia fedelmente una dellecostanti eluardiane più sicure: la costante sentimentale. Anche se molte diqueste poesie non sono state scritte per una donna, ma in occasione dellamorte di una donna e nel ricordo di lei, il fatto sentimentale rimane sempresotteso, indispensabile.
Ordina per
  • 5

    Certezza

    Se ti parlo è per sentirti meglio Se ti sento sono sicuro di capire

    Se tu sorridi è per colmarmi di te Se tu sorridi io vedo il mondo intero

    Se ti stringo è per perpetuarmi Se viviamo sarà tutto ...continua

    Se ti parlo è per sentirti meglio Se ti sento sono sicuro di capire

    Se tu sorridi è per colmarmi di te Se tu sorridi io vedo il mondo intero

    Se ti stringo è per perpetuarmi Se viviamo sarà tutto a piacere

    Se ti lascio ci ricorderemo Nel lasciarci noi ci ritroveremo.

    ha scritto il 

  • 3

    De nuit entre les yeux, de jour entre les jambes / J'ètais si près de toi que j'ai froid près des autres

    C'è anche un pò di erotismo in questa raccolta di poesia sentimentale di Eluard (1946/1951). Non si tratta esclusivamente di poesie d'amore anche se l'autore offre senz'altro il meglio di sè in ...continua

    C'è anche un pò di erotismo in questa raccolta di poesia sentimentale di Eluard (1946/1951). Non si tratta esclusivamente di poesie d'amore anche se l'autore offre senz'altro il meglio di sè in questo specifico comparto. Nella poesia di Eluard l'amore è un sentimento che deborda, oltrepassa dei margini precisi, diventa universale. Personalmente non mi ha entusiasmato più di tanto, ma ci sono alcuni passaggi che ho gradito e che riporto in basso.

    Con baci e con parole La sua bocca seguì il cammino dei suoi occhi Ci furono dei vivi dei morti e dei vivi

    E nell'intimo nostro Tutto fiorisce e matura Sul giaciglio della tua vita Dove poso le mie vecchie ossa

    Dove finisco

    Pronta ai baci resuscitanti

    Non posso vivere povero nell'ignoranza Mi occorre vedere sentire e abusare Sentirti nuda e vederti nuda Per abusare delle tue certezze

    Per fortuna o per disgrazia Io conosco a memoria il tuo segreto Tutte le porte del tuo impero Quelle degli occhi quelle delle mani Dei seni e della bocca dove ogni lingua si scioglie

    E la porta del tempo aperta tra le tue gambe Il fiore delle notti d'estate alle labbra della folgore Alla soglia del paesaggio dove il fiore ride e piange Pur serbando questo pallore di perla morta Pur donando il tuo cuore pur aprendo le tue gambe

    Sei come il mare tu culli le stelle Sei il campo d'amore tu unisci e separi I folli e gli amanti Sei la fame il pane la sete la grande ebbrezza E l'ultimo connubio tra sogno e virtù.

    La sua opera più bella è questa, dal titolo, Ventotto novembre millenovecentoquarantasei:

    Non invecchieremo insieme Ecco il giorno. E' di troppo: il tempo straripa. Il mio amore così leggero prende il peso di un supplizio

    ha scritto il 

  • 5

    1965 Ed.Seghers Paris e Lerici Editori

    Quest'opera non necessita di recensione ma ho ritenuto necessario dire della bellissima edizione italiana, a mie mani, del 1965 in brossura con tanto di custodia, con introduzione, traduzione note ...continua

    Quest'opera non necessita di recensione ma ho ritenuto necessario dire della bellissima edizione italiana, a mie mani, del 1965 in brossura con tanto di custodia, con introduzione, traduzione note biografiche e bibliografia a cura di Vincenzo Accame.All'intero è altresì visibile l'immagine di un dipinto( o disegno)di Marc Chagall con dedica all'autore che gli aveva, a sua volta, dedicato una poesia.

    ha scritto il