Um Contrato com Deus & Outras Histórias de Cortiço

Por

Editor: Devir

4.4
(309)

Language: Português | Number of Páginas: 200 | Format: Hardcover | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Italian , French

Isbn-10: 8575322796 | Isbn-13: 9788575322796 | Data de publicação:  | Edition 1

Category: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , History

Do you like Um Contrato com Deus & Outras Histórias de Cortiço ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Lançado originalmente em 1978, UM CONTRATO COM DEUS é uma obra revolucionária que recria as memórias da infância de Will Eisner num cortiço do Bronx nos anos 30.</p><p>Através de quatro histórias que são, ao mesmo tempo, engraçadas, profundas e trágicas, o autor nos mostra os dramas e as alegrias de pessoas comuns na mítica Avenida Dropsie.</p><p>Considerada a primeira graphic novel da história, esta é uma obra de importância monumental na coleção de qualquer fã de histórias em quadrinhos!
Sorting by
  • 4

    La raccolta contiene A Contract with God, The Street Singer, The Super e Cookalein, tutti ambientati nella mitica Dropsie Avenue del Bronx. È un lavoro fantastico. Spesso si perde il filo del racconto ...continuar

    La raccolta contiene A Contract with God, The Street Singer, The Super e Cookalein, tutti ambientati nella mitica Dropsie Avenue del Bronx. È un lavoro fantastico. Spesso si perde il filo del racconto per guardare un muro o una pozza.

    dito em 

  • 4

    Tre libri costituiti da una serie di racconti accomunati dall'essere tutti ambientati nella Dropsie Avenue.
    Tralasciando il primo racconto del primo libro (appunto, Contratto con Dio) e pur consideran ...continuar

    Tre libri costituiti da una serie di racconti accomunati dall'essere tutti ambientati nella Dropsie Avenue.
    Tralasciando il primo racconto del primo libro (appunto, Contratto con Dio) e pur considerando magnifico lo sviluppo del terzo, ho adorato il secondo libro (La forza della vita) per le tematiche e la maturità (già sessantacinquenne) di Eisner. È un canto alla vita e alla voglia di vivere nonostante le ideologie, nonostante il danaro, nonostante l'età, nonostante tutto. Uomini e scarafaggi per cosa differirebbero dunque se, per entrambi, la vita si riduce al sopravvivere?

    dito em 

  • 4

    Se Dio non risponde, vivi

    Con la consueta delicatezza, Eisner tratteggia i caratteri di gente comune e le loro vicende a volte un po' fuori dal comune partendo dai propri ricordi d'infanzia. Tra Dickens e Capra, uno dei miglio ...continuar

    Con la consueta delicatezza, Eisner tratteggia i caratteri di gente comune e le loro vicende a volte un po' fuori dal comune partendo dai propri ricordi d'infanzia. Tra Dickens e Capra, uno dei migliori lavori del maestro dell'arte sequenziale. Bello perché semplice e diretto.

    dito em 

  • 4

    The Contract With God Trilogy - Life On Dropsie Avenue

    Contratto con Dio: allegria portami via. Cookalein è il capitolo migliore per personaggi e intreccio
    La forza della vita: interessanti gli estratti di stampa e l'ambientazione post-crisi del '29, anch ...continuar

    Contratto con Dio: allegria portami via. Cookalein è il capitolo migliore per personaggi e intreccio
    La forza della vita: interessanti gli estratti di stampa e l'ambientazione post-crisi del '29, anche qui allegria non pervenuta
    "I ricordi delle cose sono l'anima di un quartiere" p.486
    Dropsie Avenue: dei 3 quello che ho preferito, ben strutturato per lo scorrere del tempo e il riproporsi dei personaggi

    dito em 

  • 4

    A hard rain's a-gonna fall

    La pioggia batte dura e tagliente su queste pagine, le buca e snuda il corpo di una città, la New York della Grande Depressione, riverso nell'angolo buio della Storia. Qualcuno (migliaia e migliaia di ...continuar

    La pioggia batte dura e tagliente su queste pagine, le buca e snuda il corpo di una città, la New York della Grande Depressione, riverso nell'angolo buio della Storia. Qualcuno (migliaia e migliaia di poveri migranti) l'ha fatta nascere, l'ha fatta crescere, l'ha illusa di poter toccare il cielo come una moderna Tower of Babel, e poi forse - se una città può possedere un'unica grande V.I.T.A. - l'ha uccisa. Ogni singola pagina di questo Contratto con Dio, ognuna di queste quattro novelle grafiche, diviene così un brano di pelle scoperto, levato davanti agli occhi di un autopsista cosmico, alla ricerca del momento esatto in cui s'è raggiunto il punto di rottura, in cui l'anima s'è staccata, in cui il mattone è crepato e tutto è crollato in una teoria di archi interrotti, di volti a metà, di frasi incomplete. Quello che rimane è desolante. C'è il costo sociale di questa operazione, il costo morale, quando l'illusione scema in delusione. Ci sono caseggiati arenati in un mare di cemento, ci sono scale come latrine, la tristezza del crumiro, la paura del pensionante, poca speranza, neppure i bambini si salvano, torturatori di adulti quasi quanto gli adulti torturano i bambini; eppure si procede, pagina dopo pagina, strato dopo strato. Si cerca quel punto, quel punctum barthesiano... e un po' ci si perde anche noi. Un viaggio circolare. Una città sola - ma anche tante città - tante storie. A volte inconciliabili.

    E così finisce l'estate... e come uccelli migratori i vacanzieri fanno ritorno al rifugio del loro caseggiato, dove ricomincia la vita di tutti i giorni.

    dito em