Ha scritto il 18/07/17
Tre stelline e 3/4
Strappalacrime, lacrimoso, patetico (in senso buono!)… ma anche coinvolgente ed intrigante. Contorta la trama, quasi un puzzle dove i pezzi (le miserie e le sofferenze umane che sono la carne viva del racconto) lentamente si vanno ad incastrare ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 27/06/17
Poco dopo il ritorno nella Russia europea e la fine del sua deportazione e del suo “esilio” in Siberia, Dostojevskij affronta la stesura di un nuovo romanzo considerato da alcuni , a torto secondo il mio parere, una sorta di romanzo ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 01/05/17
Certo, rispetto...
... alla complessità delle analisi dei rapporti fondamentali per la formazione dell'individuo operate da Dostoevskij nelle opere successive, la sua indagine in Umiliati e offesi si ferma alla superficie e si accontenta dei risvolti clamorosi del " ..." Continua...
  • 8 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 13/04/17
Verité romanesque (Gv 13, 1-15)
..quasi godesse del suo dolore, di quell'egoismo della sofferenza [p. 279]...che ci posso fare se so con certezza che alla base di tutte le virtù umane c'è il più profondo egoismo? E quanto più un'azione è virtuosa, tanto più grande è ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 11/04/17
Primo romanzo scritto dal caro Fedor,nel quale possiamo gia cogliere tutti i semi della grandezza di questo autore; inutile anche farne una recensione,dice già tutto da sé. Forse l'unica "pecca" è che in alcune parti è un po' troppo prolisso( ed ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Jul 23, 2017, 10:32
In certe nature capaci di sentimenti teneri e delicati c'è talvolta una sorta di ostinazione, di pudica ritrosia a esprimere e mostrare la propria tenerezza perfino alla persona amata, non solo in presenza di estranei, ma anche a tu per tu; solo di ... Continua...
Pag. 70
  • Rispondi
Ha scritto il Mar 17, 2017, 06:48
Verso sera, prima del crepuscolo, mi trovai a passare per il Voznesenskij prospekt. Mi piace il sole di marzo a Pietroburgo, specialmente al tramonto, s’intende in una chiara sera di gelo. Tutta la via all’improvviso risplende, lambita da una ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Mar 17, 2017, 06:46
L’anno scorso, la sera del ventidue marzo, mi accadde un’avventura assai strana. Avevo passato la giornata a girare per la città in cerca d’un alloggio. Quello nel quale abitavo era molto umido, e io fin da allora cominciavo ad avere una ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Mar 26, 2014, 20:19
<><><>E lessi nei suoi occhi:<... Continua...
Pag. 351
  • Rispondi
Ha scritto il Mar 26, 2014, 20:16
<<Era mio. Fin dal nostro primo incontro, si può dire, nacque in me l'irresistibile desiderio che fosse mio, mio al più presto, e che non guardasse più nessuno, non conoscesse nessuno all'infuori di me, di me sola.>>
Pag. 298
  • Rispondi

Ha scritto il Aug 22, 2016, 13:29


  • Rispondi

Ha scritto il Sep 05, 2016, 07:34
891.733
DOS 15947
Letteratura delle altre Lingue
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
  • 568
  • 772
  • 220
  • 21
  • 6
Aggiungi