Un'arancia a orologeria

Voto medio di 5018
| 693 contributi totali di cui 616 recensioni , 76 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Il fortunato film di Stanley Kubrick è tratto da questo pirotecnico romanzo del prolifico scrittore inglese, che coltiva felicemente il gusto del paradossale e del grottesco.Con stupefacente abilità mimetica, Burgess fa parlare in puro slang un ... Continua
Ha scritto il 01/08/17
Avendo amato immensamente il film di Kubrick era un po' titubante nell'affrontare la lettura del romanzo, per paura di delusioni. Invece mi sono trovata di fronte a un libro che è davvero difficile non trovare straordinario, pur se inizialmente ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 12/07/17
Alienato e alienante.Capisco lo scossone dato al mondo della letteratura, capisco le questioni etiche che vengono poste; capisco un po' meno il virtuosissimo linguistico, perchè trattandosi di un testo tradotto, i complimenti andrebbero rivolti a ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 25/06/17
Ho letto il romanzo molti anni dopo aver visto il film di Kubrik e prima di farlo temevo che lo avrei trovato datato ma non è stato così. Il romanzo è un vero capolavoro, il tema è sempre attuale e la vicenda si svolge in una dimensione ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 06/06/17
Un'avventura linguistica. Da porre a confronti le soluzioni della traduttrice italiana rispetto allo slang anglo/slavo inventato dall'autore. La trama non è gran cosa e in fondo è un racconto a tesi, ma - dopo il film capolavoro che ne ha fatto ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 04/06/17
ad altavoce
grazie alla nota trasmissione di radiotre, mi sono ricordato di averlo sullo scaffale da tempo in attesa di essere letto. la ricerca linguistica per coniare nuove parole mi ha conquistato, grande merito alla traduttrice, sarebbe interessante leggere ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Mar 10, 2017, 21:55
Che cos'è che Dio vuole? Dio vuole il bene o la scelta del bene? Un uomo che sceglie il male è forse in qualche modo migliore di un uomo cui é stato imposto il bene?
Pag. 112
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 16, 2015, 20:33
Da un punto di vista teologico, il male non è misurabile. Eppure io credo nel principio che un'azione possa essere più malvagia di un'altra, e che l'atto ultimo del male sia la disumanizzazione, l'assassinio dell'anima - il che ci riporta a ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2015, 20:55
Un uomo che non può scegliere cessa di essere un uomo.
Pag. 180
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2012, 18:56
Ma, fratelli, questo mordersi le unghie dei piedi su qual è al causa della cattiveria mi fa solo venir voglia di gufare. Non si chiedono mica qual è la causa della bontà, e allora perché il contrario? Se i martini sono buoni è perché così gli ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2012, 18:53
Oh, estasi, estasi celeste. Giacevo tutto spalandrato verso il soffitto, il planetario sulle granfie, fari chiusi, truglio aperto per la beatitudine, snicchiando il fiotto di suoni meravigliosi. Oh, era magnificienza e magnificità fatte carne. I ... Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Aug 06, 2017, 17:11
In ascolto tramite il podcast della trasmissione Ad alta voce di radiotre nella lettura di Marco Calvalcoli.
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi