Un'eco nella tempesta

Voto medio di 18161
| 1.827 contributi totali di cui 1.601 recensioni , 219 citazioni , 3 immagini , 3 note , 1 video
RebeccaFacchini
Ha scritto il 18/02/18
I figli della tempesta
IL FATTO: Per trovare rifugio e ristoro dopo una cocente delusione d’amore, Mr. Lockwood decide di cercare dimora nella solitudine della campagna: è così che il ricco gentiluomo di città si imbatte nel Thrushcross Grange, un casale nella brughiera de...Continua
Mrs Bluthner
Ha scritto il 01/02/18
È davvero un classico perché contiene l'amore, l'odio, la vendetta, la verità della povertà umana, e sono sentimenti in cui tutti si ritrovano da sempre e per sempre. È un gran libro perché è scritto con cognizione di causa e con gran maestria. È tut...Continua
Alessandro Ferretti
Ha scritto il 29/01/18
Vado forse controcorrente, ma non ho apprezzato partiolarmente questo classico della letteratura. La scrittura mi è apparsa in molti punti "pesante", con poca attenzione al lettore; la trama confusa e contemporaneamente semplice. Insomma, niente che...Continua
Zerlina (anche...
Ha scritto il 18/01/18
Che angoscia! Un libro veramente angosciante! Vendetta, odio e amore mancato traspaiono in ogni singola parola! Ho fatto fatica a finire questo libro. La trama di per sé non è male, ma ho trovato la lettura faticosa e in alcuni punti la vicenda era u...Continua
Fede
Ha scritto il 17/01/18
Non mi è mai capitato prima d'ora di detestare così tanti personaggi, perchè per una volta, in un libro scritto a quell'epoca e per di pù da una donna, le vicende non sono scontate e neanche i personaggi, forse perchè siamo troppo abituati alle stori...Continua
  • 2 mi piace

GJ.
Ha scritto il Apr 18, 2017, 17:29
"Ha mentito fino alla fine! Dov'è ora? Non è là, non in paradiso, non fra i morti, dov'è? Oh dicesti che non ti importava delle mie sofferenze! E io elevo una sola preghiera, la ripeterò fino a che la lingua non si sia seccata – Catherine Earnshaw, p...Continua
  • 1 mi piace
*Bi*
Ha scritto il Mar 29, 2017, 20:54
Mi sentirei umiliata sposando Heathcliff adesso; e lui perciò non saprà mai quanto lo amo. Non lo amo perché è bello, Nelly, ma perché è ancora di più uguale a me stessa di quanto possa esserlo io. Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la su...Continua
Pag. 95
Anna
Ha scritto il Aug 21, 2016, 15:00
"Non era lo spino che si curvava verso i caprifogli, ma i caprifogli che abbracciavano lo spino. Nessuna concessione reciproca: l'una non cedeva mai, e gli altri si piegavano sempre."
Da-Nee Oslo
Ha scritto il Jan 03, 2016, 21:44
Le mie grandi pene a questo mondo sono state le pene di Heathcliff, e io le ho osservate e provate tutte fin dall'inizio; il mio grande pensiero nella vita è lui. Se tutto scomparisse e lui rimanesse, continuerei ancora a esistere; se tutto rimanesse...Continua
dolceamara89
Ha scritto il Jan 02, 2016, 14:36
Per me, cosa non è collegato con lei? Che cosa non me la ricorda? In ogni nuvola, in ogni albero...pronta a colmare l'aria della notte e ad essere catturata in ogni oggetto che mi sta davanti durante il giorno, vedo la sua immagine intorno a me di co...Continua

Ladyoceano
Ha scritto il Nov 25, 2016, 10:52
In ogniuno di noi esistono altezze o abissi tali  di sentimenti dove concetti come quiete e stabilità sono impensabili, poiché c'è spazio solo per la tempesta. Questo è  tipico di un sentire forte ed estremo,  resistente a ogni confronto con la ragione.


Caterina e Heathcliff sono cresciuti insieme nella composta e misteriosa brughiera inglese, ribelli, complici e volutamente liberi dalle regole convenzionali; con  loro cresce un sentimento che, inequivocabilmente, è d' amore.  Ma che di amore si tratti, in realtà, è  inequivocabile solo per il lettore, non per Caterina,  che, giovane e capricciosa, non lo comprende e, sottovalutandolo, finisce con il tradirlo, sposando il giovane Linton. Ma la giovane ama Heathcliff e presto comprenderà come, sposando un altro uomo, ha  finito con il tradire solo se stessa.
  "Tu mi amavi: che diritto avevi, allora, di lasciarmi? Che diritto, rispondimi, di sacrificarmi al tuo miserabile capriccio per Linton? Mentre né la miseria, né la degradazione, né la morte, nulla di tutto quel che Dio e Satana potevano infliggerci, ci avrebbe separato, tu, di tua piena volontà hai fatto ciò. Non io ti ho spezzato il cuore, ma tu stessa: e il mio col tuo."  ...dice un disperato Heathcliff prima di perdere la donna  amata e, con essa, ogni ultimo tratto di umanità. Ed è  così che questo amore soffocato  implode prima ed esplode poi,  divenendo logoratore e generatore di odio e vendetta , tempesta,  che solo il velo nero e pacificatore della morte potrà estinguere in una nuova quiete. Un protagonista dal volto disumano e crudele davanti al quale ragione e sentimento  si dividono,  perché in lui si coglie il sottile confine fra odio ed amore e di come egli stesso sia, al tempo stesso, carnefice e vittima.  Un classico su cui si può scrivere e si sono scritti fiumi di parole,  le mie, questa volta,  non vogliono essere una recensione ma solo una considerazione.
In ogniuno di noi esistono altezze o abissi tali di sentimenti dove concetti come quiete e stabilità sono impensabili, poiché c'è spazio solo per la tempesta. Questo è tipico di un sentire forte ed estremo, resistente a ogni confronto con la ragione. Caterina e Heathcliff sono cresciuti insieme nella composta e misteriosa brughiera inglese, ribelli, complici e volutamente liberi dalle regole convenzionali; con loro cresce un sentimento che, inequivocabilmente, è d' amore. Ma che di amore si tratti, in realtà, è inequivocabile solo per il lettore, non per Caterina, che, giovane e capricciosa, non lo comprende e, sottovalutandolo, finisce con il tradirlo, sposando il giovane Linton. Ma la giovane ama Heathcliff e presto comprenderà come, sposando un altro uomo, ha finito con il tradire solo se stessa. "Tu mi amavi: che diritto avevi, allora, di lasciarmi? Che diritto, rispondimi, di sacrificarmi al tuo miserabile capriccio per Linton? Mentre né la miseria, né la degradazione, né la morte, nulla di tutto quel che Dio e Satana potevano infliggerci, ci avrebbe separato, tu, di tua piena volontà hai fatto ciò. Non io ti ho spezzato il cuore, ma tu stessa: e il mio col tuo." ...dice un disperato Heathcliff prima di perdere la donna amata e, con essa, ogni ultimo tratto di umanità. Ed è così che questo amore soffocato implode prima ed esplode poi, divenendo logoratore e generatore di odio e vendetta , tempesta, che solo il velo nero e pacificatore della morte potrà estinguere in una nuova quiete. Un protagonista dal volto disumano e crudele davanti al quale ragione e sentimento si dividono, perché in lui si coglie il sottile confine fra odio ed amore e di come egli stesso sia, al tempo stesso, carnefice e vittima. Un classico su cui si può scrivere e si sono scritti fiumi di parole, le mie, questa volta, non vogliono essere una recensione ma solo una considerazione.
Beatrice
Ha scritto il Oct 01, 2015, 16:49
Albero genealogico
Albero genealogico
Beatrice
Ha scritto il Oct 01, 2015, 16:45
Albero genealogico
Albero genealogico

Giorgia Gia
Ha scritto il Jul 01, 2016, 13:52
ebook all'interno del mammut I grandi romanzi d'amore
Absit
Ha scritto il Apr 26, 2016, 19:06
n. 381 - 1° rist. O.M. giugno 1975 - L8 - Ottimo.
Pag. 1
Biblioteche...
Ha scritto il Apr 18, 2016, 15:14
823 TRO 3410 Letteratura Inglese

ღ▪єℓℓiє☆
Ha scritto il Mar 26, 2015, 16:26
Wuthering heights
Autore: Kate Bush
  • 1 mi piace

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi