Un Natale in Holmes

Di

Editore: Gargoyle Books

3.9
(20)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 273 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8889541636 | Isbn-13: 9788889541630 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Jon L. Lellenberg , Carol-Lynn Waugh , Martin H. Greenberg

Genere: Mistero & Gialli

Ti piace Un Natale in Holmes?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Si tratta di un'antologia di quattordici gialli "apocrifi" scritti in ordine sparso da autori esperti, alcuni dei quali hanno vinto il prestigioso premio letterario "Edgar Allan Poe Awards" dedicato a ...continua

    Si tratta di un'antologia di quattordici gialli "apocrifi" scritti in ordine sparso da autori esperti, alcuni dei quali hanno vinto il prestigioso premio letterario "Edgar Allan Poe Awards" dedicato ai generi giallo, thriller e horror. Un pot-pourri di avventure, misteri e circostanze delittuose che Sherlock Holmes e il fido dottor Watson affrontano e, ovviamente, risolvono, ricevendo tutti coloro che chiedono "soccorso" presso l'appartamento di Baker Street nell'affascinante e luccicante atmosfera natalizia: dal tentato omicidio per la caduta di una grossa campana, alla stesura di un falso testamento per appropriarsi dell'eredità, dall'attentato con risvolti internazionali, per lo scambio di un pino da adibire ad albero di Natale, alla triste storia di un "pedofilo" che cade (o viene fatto cadere?) da un dirupo. Il fascino del metodo deduttivo (che attraverso i più minuti dettagli porta a scoprire le storie personali e psicologiche dei protagonisti) e la varietà delle situazioni non annoiano e invogliano alla lettura, anche se qualche racconto appare poco verosimile - come nel caso dei fantasmi che appaiono di notte ("L'avventura dei tre spettri") - o un po' insolito ("L'avventura dell'uomo che non rideva mai") con improbabili riferimenti di natura medica o psicoanalitica.

    ha scritto il 

  • 3

    Racconti aprocrifi a tema, in attesa del Natale (e della terza stagione di Sherlock BBC, all'alba del gennaio 2014!). Un piacevole tuffo nei festeggiamenti di un'altra epoca, anche se un po' altalenan ...continua

    Racconti aprocrifi a tema, in attesa del Natale (e della terza stagione di Sherlock BBC, all'alba del gennaio 2014!). Un piacevole tuffo nei festeggiamenti di un'altra epoca, anche se un po' altalenante nella qualità dei racconti, e con alcune pecche di traduzione che mi hanno fatto domandare se qualcuno avesse riletto il tutto, prima di mandarlo in stampa, però tutti sono fedeli allo spirito dei personaggi e allo stile originale.
    Ho trovato divertente il 'cross over' con Dickens, con i due racconti che si intrecciavano ai protagonisti del Canto di Natale, e originale il racconto scritto non dal punto di vista del caro vecchio Watson, ma di una giovanissima testimone che si è trovata coinvolta in un'indagine.
    Tre stelline e mezzo (troppo fastidiosi quegli intoppi di traduzione!)

    ha scritto il 

  • 0

    Il mancato omicidio di un anziano e facoltoso Colonnello per mezzo di un’enorme e pesantissima campana le cui corde si sono improvvisamente allentate, il furto di uno splendido smeraldo accuratamente ...continua

    Il mancato omicidio di un anziano e facoltoso Colonnello per mezzo di un’enorme e pesantissima campana le cui corde si sono improvvisamente allentate, il furto di uno splendido smeraldo accuratamente riposto nella credenza del salotto di un’accogliente magione, la fastidiosa apparizione di tre spettri ai danni di un ambizioso banchiere, l’indagine attorno all’assassinio di un vecchio Conte italiano, questi e altri ancora i casi che Sherlock Holmes è chiamato a risolvere, assieme al fido Watson, nei giorni di Natale. Le vicende narrate nella raccolta avvincono il lettore per le trame ben architettate, le atmosfere deliziosamente retrò e per la forza dei personaggi, mentre l’atmosfera natalizia aleggia stuzzicante ma mai invadente.

    ha scritto il 

  • 4

    Alcuni dei racconti sono proprio belli e sanno dell'atmosfera originale. Altri un pò più tirati via. Nel complesso buono, un libro di affetto che fa dimenticare l'orrenda traduzione.

    ha scritto il