Un albero cresce a Brooklyn

Voto medio di 1467
| 359 contributi totali di cui 307 recensioni , 52 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
È l'estate del 1912 a Brooklyn. I raggi obliqui del sole illuminano il cortile della casa dove abita Francie Nolan, riscaldano la vecchia palizzata consunta e le chiome dell'albero che, come grandi ombrelli verdi, riparano la dimora dei Nolan. ... Continua
Ha scritto il 14/07/17
Tutto in un libro
Mi è piaciuto molto, perché ci ho trovato tanti spunti di riflessione, molto lontani tra loro, in un singolo libro. Si legge bene, trama semplice come semplice è stata la vita dell'autrice, e nello stesso tempo drammatica, perché non sempre la ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 29/06/17
UN ALBERO CRESCE A BROOKLYN
Il romanzo è strutturato come un’autobiografia in cui la vita di Francie Nolan, il personaggio principale, ricalca in più momenti quella dell’autrice. Siamo a Brooklyn, nell’estate del 1912, nel quartiere di Williamsburg, terra di ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 17/05/17
Non voglio avere bisogno di nessuno, voglio che qualcuno abbia bisogno di me
Solo se si è amato tanto il proprio padre si può piangere per il padre di altri?
Io ho pianto
  • 4 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 28/04/17
Ho affrontato questo romanzo grazie ad un gruppo di lettura a cui partecipo, ed ammetto che non ne avevo mai sentito parlare prima. Le mie aspettative erano molto alte visti i tanti commenti entusiastici rivolti a questo libro. Purtroppo però a me ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 05/03/17
...le radici della vita...
Un libro che si lascia amare. Pagine che ti prendono il cuore per condurlo dentro, tra le righe raccontante dalla piccola ma "grande" Francie (alter ego della stessa scrittrice). Quando la poverta' diventa sinonimo di umanita', semplicita' e a volte ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Apr 28, 2017, 17:25
Prima di andare a scuola bisognava farsi vaccinare: era la legge. Che paura! I medici del servizio di igiene cercavano di spiegare ai poveri analfabeti di Brooklyn che vaccinare significava inoculare il vaiolo in forma blanda per impedire che i ... Continua...
Pag. 173
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 28, 2017, 16:43
"Che diceva sempre nonna Rommely? Che bisogna sempre guardare le cose come se si vedessero per la prima o per l'ultima volta e che questo era il solo modo di passare gloriosamente il tempo su questa terra".
Pag. 552
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 28, 2017, 16:38
Desiderava una donna con la quale parlare, a cui confidare tutti i suoi pensieri. Desiderava una donna che gli parlasse dolcemente, con saggezza e con affetto. Se avesse trovato una donna così, l'avrebbe desiderata anche fisicamente. Ciò che ... Continua...
Pag. 363
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 28, 2015, 13:09
Si crede che la felicità sia qualcosa di lontano e inaccessibile, complicato e difficile da raggiungere. Eppure, qualche volta, basta poco per essere felici. Un posto in cui ripararsi quando piove, una buona tazza di caffé, una sigaretta, un libro ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 28, 2015, 13:07
L'intolleranza è qualcosa che genera i pogrom, le crocifissioni e i linciaggi. Spinge gli uomini a essere crudeli verso i bambini e anche fra loro. L'intolleranza è responsabile della cattiveria, delle violenze, del terrore e dei dolori che ... Continua...
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi