Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un anno in Provenza

Di

Editore: EDT

3.8
(189)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Altri

Isbn-10: 8870635716 | Isbn-13: 9788870635713 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: E. Castellani

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature , Home & Gardening , Travel

Ti piace Un anno in Provenza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Dopo tutto, però, eravamo in Provenza. C'eravamo stati più volte da turisti,insoddisfatti della nostra razione annuale di due o tre settimane di caldo edi luce brillante. Ogni volta, andandocene con il naso spellato e con moltorimpianto, ci ripromettevamo, prima o poi, di venire a vivere qui. Ne avevamodiscorso durante inverni lunghi e grigi, o verdi e umide estati, riguardandocon un sospiro di nostalgia le foto dei mercatini di paese o dei vigneti,sognando di essere svegliati da un sole abbagliante attraverso i vetri dellefinestre della camera da letto. E ora, quasi con nostra sorpresa, c'eravamobuttati nell'impresa, avevamo comprato una casa, preso lezioni di francese[...] ed eravamo diventati due stranieri."
Ordina per
  • 3

    Letto in occasione di una breve vacanza in Provenza, ho trovato questo libro molto gradevole.
    Diciamo che il fatto che sia stato scritto più dieci anni fa lo rende un po' datato per certi aspetti, ma ...continua

    Letto in occasione di una breve vacanza in Provenza, ho trovato questo libro molto gradevole.
    Diciamo che il fatto che sia stato scritto più dieci anni fa lo rende un po' datato per certi aspetti, ma in queste pagine si ritrova comunque la magia di una terra con ritmi e sapori propri, dove sono la terra e il paesaggio a dettare i tempi alle persone e non il contrario. La lettura è scorrevole, ricca di aneddoti simpatici e curiosità senza trasformarsi in una guida turistica. Lettura consigliata (consigliato anche il viaggio!)

    ha scritto il 

  • 5

    Divorato in un paio di giorni nel tempo libero, questo libro mi ha messa di buonumore dalla prima pagina. Il racconto del primo anno di vita di questa coppia di inglesi nella 'mitica' Provenza, risult ...continua

    Divorato in un paio di giorni nel tempo libero, questo libro mi ha messa di buonumore dalla prima pagina. Il racconto del primo anno di vita di questa coppia di inglesi nella 'mitica' Provenza, risulta un connubio di allegria, ilarità, bellezza, curiosità e rispetto verso la nuova avventura intrapresa. Molti di noi avranno pensato almeno una volta "faccio la valigia e parto!", Mayle e la moglie l'hanno fatto e andando oltre le pur molte segnalazioni di buon cibo e bei posti da vedere, si assapora davvero il profumo della Franca di campagna e dei ritmi lenti e armoniosi che in fondo in fondo tutti vorremmo provare almeno una volta nella vita. Buon viaggio!

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura leggera

    Ho iniziato a leggere questo libro nel momento in cui prendevo l'aereo per Marsiglia e passare una settimana in giro per la Provenza. Il libro scorre veloce e, senza la pretesa di voler essere una gui ...continua

    Ho iniziato a leggere questo libro nel momento in cui prendevo l'aereo per Marsiglia e passare una settimana in giro per la Provenza. Il libro scorre veloce e, senza la pretesa di voler essere una guida turistica della regione, in qualche modo mi ha indirizzato su alcune scelte nel mio itinerario di viaggio. Scrittura leggera ed a tratti simpatica che entra nel merito della personalità dei provenzali.

    ha scritto il 

  • 3

    Simpatico

    E' un libro vintage, risale all' '89 però offre una panoramica molto interessante sulla vita nelle campagne provenzali.
    La scrittura di Mayle è a tratti divertente e brillante. E' curioso osservare la ...continua

    E' un libro vintage, risale all' '89 però offre una panoramica molto interessante sulla vita nelle campagne provenzali.
    La scrittura di Mayle è a tratti divertente e brillante. E' curioso osservare la Provenza dal punto di vista di chi l'ha realmente vissuta, inclusi i vari grattacapi, sfatando un pò il mito dell'idillio bucolico.
    Per una vegetariana come me, leggere di tutto quel cibo a base di selvaggina, di caccia e di fois gras non è il massimo, ma è un parere personale.
    Nel complesso è una lettura che soddisfa molte curiosità.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è piaciuto un sacco leggere le "disavventure" di Mayle con gli abitanti della Provenza!!!
    Ti viene voglia di andarci... parola della mia carissima amica Gabry!!!

    ha scritto il 

  • 5

    splendido

    mi stanno raccontando la mia vita quotidiana e provo lo stupore della verità.
    dettagli che vivendoli non noto più, e l'autore mi fà accorgere della loro grandezza.
    la descrizione dei caratteri dei var ...continua

    mi stanno raccontando la mia vita quotidiana e provo lo stupore della verità.
    dettagli che vivendoli non noto più, e l'autore mi fà accorgere della loro grandezza.
    la descrizione dei caratteri dei vari personaggi del paese sono universali e conosciuti come autentici.
    ed è vero che solo un foresto può sottolinearci la meraviglia del nostro essere e vivere in paese.
    e l'autore me lo dice incantandomi.

    ha scritto il 

  • 5

    Beato te, caro Peter Mayle, che da pubblicitario londinese hai deciso, così su due piedi, dopo soli 15 anni di lavoro, di trasferirti in Provenza, in una casa che fra acquisto e restauro ti sarà costa ...continua

    Beato te, caro Peter Mayle, che da pubblicitario londinese hai deciso, così su due piedi, dopo soli 15 anni di lavoro, di trasferirti in Provenza, in una casa che fra acquisto e restauro ti sarà costata più di quanto io guadagni in una vita (altro che 15 anni...)e che ti godi nella totale nullafacenza fra un pastis, una capatina dal panettiere, un tuffo in piscina al tramonto e una passeggiata coi tuoi cani fra le vigne. Beato te.
    Ora io non sono invidiosa, Peter Mayle, ma c'è da dire che indubbiamente mi hai fatto venire una gran voglia di Provenza. E mi fermo qui, perché sono una signora.

    ha scritto il