Sul risvolto:
Lorenzo, Antonio, Elena. Due adolescenti, un'insegnante. Un amore, un rimpianto, un atto di violenza. E un bacio.
Sulla quarta di copertina:
"Pensavo di essere un ragazzo forte che non cadeva mai"
Ha scritto il 09/04/17
Bello ma...peccato!!!
Ho deciso di leggere questo libro dopo essere stato colpito dal film per freschezza e originalità, purtroppo però non posso dire la stessa cosa del libro. Il messaggio che vuole trasmettere è chiaro e importantissimo e la storia avrebbe una ...Continua
Ha scritto il 23/11/16
Un racconto che fonda le sue radici in un fatto di cronaca. Un adolescente uccide un compagno di classe che, innamoratosi di lui, lo ha fatto sentire "diverso". La storia è vista da tre punti di vista: la vittima, l'omicida, l'insegnante ...Continua
  • 3 mi piace
  • 3 commenti
Ha scritto il 11/08/16
" Il ragazzo è capace ma non si applica" cit.
Tematica profonda, ma lo stile dell'autore lascia a desiderare.
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 05/07/16
Questa novella racchiude sicuramente un messaggio importante, anche se forse poteva essere un pochino più approfondito. Scritto in modo nudo e crudo, pulito, dritto al sodo. Basato su una storia vera, il che fa un po' venire la pelle d'oca. E' ...Continua
Ha scritto il 25/06/16
Un bacio
La storia si svolge nel napoletano, in una piccola città.Un ragazzo, Lorenzo, adottato, si innamora di un un compagno di classe. Un bacio causerà una tragedia sotto gli occhi della classe e dell'insegnate di italiano (unica a capire ed aiutare ...Continua

Ha scritto il Feb 21, 2011, 12:30
Aveva deciso di non portarsi quasi niente. Al limite avrebbe ricomprato tutto quello che le serviva. Ma che le serviva davvero poi? E cosa c'era dentro a casa sua per cui ogni volta era necessario chiudere la porta con tutte le mandate? Cosa sarebbe ...Continua
Pag. 55
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:18
Sarebbe partita per un viaggio, e questo viaggio poteva essere brevissimo o lunghissimo, e lei stessa non sapeva, e non sapeva cosa sperare.
Pag. 54
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:16
Elena non ricordava se qualcuno avesse mai scritto un romanzo, magari un giallo, in cui si cercava un assassino, e invece di essere una persona, il colpevole alla fine era una città, con le sue quattro strade in croce e la sua brutta chiesa.
Pag. 51
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:15
Avevano già rinunciato alle parole, come rinunciavano a tutto il resto.
Pag. 48
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:14
Uno dei libri che le aveva dato da leggere aveva almeno fatto nascere un nome, una traccia che rimaneva. Era sicuramente qualcosa.
Pag. 48

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi