Sul risvolto:
Lorenzo, Antonio, Elena. Due adolescenti, un'insegnante. Un amore, un rimpianto, un atto di violenza. E un bacio.
Sulla quarta di copertina:
"Pensavo di essere un ragazzo forte che non cadeva mai"
Lucafons
Ha scritto il 06/01/18

Un ottimo racconto; i tre punti di vista ti fanno comprendere meglio lo svolgersi della storia. Cotroneo è un buon scrittore.

Moreno Brivio
Ha scritto il 09/04/17
Bello ma...peccato!!!
Ho deciso di leggere questo libro dopo essere stato colpito dal film per freschezza e originalità, purtroppo però non posso dire la stessa cosa del libro. Il messaggio che vuole trasmettere è chiaro e importantissimo e la storia avrebbe una grande po...Continua
lelena che dice...
Ha scritto il 23/11/16
Un racconto che fonda le sue radici in un fatto di cronaca. Un adolescente uccide un compagno di classe che, innamoratosi di lui, lo ha fatto sentire "diverso". La storia è vista da tre punti di vista: la vittima, l'omicida, l'insegnante omosessuale...Continua
  • 3 mi piace
  • 3 commenti
Sandina
Ha scritto il 11/08/16
" Il ragazzo è capace ma non si applica" cit.

Tematica profonda, ma lo stile dell'autore lascia a desiderare.

  • 1 mi piace
  • 1 commento
Simo
Ha scritto il 05/07/16
Questa novella racchiude sicuramente un messaggio importante, anche se forse poteva essere un pochino più approfondito. Scritto in modo nudo e crudo, pulito, dritto al sodo. Basato su una storia vera, il che fa un po' venire la pelle d'oca. E' incred...Continua

Gardy
Ha scritto il Feb 21, 2011, 12:30
Aveva deciso di non portarsi quasi niente. Al limite avrebbe ricomprato tutto quello che le serviva. Ma che le serviva davvero poi? E cosa c'era dentro a casa sua per cui ogni volta era necessario chiudere la porta con tutte le mandate? Cosa sarebbe...Continua
Pag. 55
...
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:18
Sarebbe partita per un viaggio, e questo viaggio poteva essere brevissimo o lunghissimo, e lei stessa non sapeva, e non sapeva cosa sperare.
Pag. 54
...
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:16
Elena non ricordava se qualcuno avesse mai scritto un romanzo, magari un giallo, in cui si cercava un assassino, e invece di essere una persona, il colpevole alla fine era una città, con le sue quattro strade in croce e la sua brutta chiesa.
Pag. 51
...
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:15
Avevano già rinunciato alle parole, come rinunciavano a tutto il resto.
Pag. 48
  • 1 commento
...
Ha scritto il Nov 19, 2010, 14:14
Uno dei libri che le aveva dato da leggere aveva almeno fatto nascere un nome, una traccia che rimaneva. Era sicuramente qualcosa.
Pag. 48

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi