Un bel morir

By

4.1
(197)

Language: Español | Number of Pages: 164 | Format: Others | In other languages: (other languages) Italian , French

Isbn-10: 9580418713 | Isbn-13: 9789580418719 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature

Do you like Un bel morir ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Con questo libro Mutis chiude o tenta di chiudere la trilogia del Gabbiere e del suo vagabondare di viandante di mare in una morte incerta. L'equivoco, la duplicità, la tragedia, la leggerezza innanzi ...continue

    Con questo libro Mutis chiude o tenta di chiudere la trilogia del Gabbiere e del suo vagabondare di viandante di mare in una morte incerta. L'equivoco, la duplicità, la tragedia, la leggerezza innanzi al destino è il tono di una scrittura come di una vicenda, elegante e atroce, alta e poverissima, segnata da un protagonista tra i piu' affascinanti tra quelli che ho incontrato, che si muove tra Trieste e il Sudamerica, il Libano, con la naturalezza di chi la vita sembra dipingerla piu' che viverla. Opponendosi all'orrore come se Marlowe ne fosse il dirimpettaio oscuro, come se Melville ne fosse l'altro lato enfatico e filosofico. La formula narrativa è simile a quella di Montalban, Camilleri. Si ritrovano negli altri romanzi di Mutis gli stessi personaggi familiari Maqroll, Abdul Bashur. Mutis è di quegli autori che legge la tua vita.

    said on 

  • 4

    Le seducenti suggestioni di Mutis

    La vita di Maqroll è una suggestione. E' un piano inclinato oscillante con l’ombra minacciosa della morte che incombe a ogni passo. Ogni atto ha l’impronta ineludibile del fato, l'implacabile sguardo ...continue

    La vita di Maqroll è una suggestione. E' un piano inclinato oscillante con l’ombra minacciosa della morte che incombe a ogni passo. Ogni atto ha l’impronta ineludibile del fato, l'implacabile sguardo della consapevolezza. Ogni passo è borderline. Le donne gli regalano amori intensi guidate dalla percezione dell'imminenza degli eventi. I ricordi tracciano il tempo, riempiono le notti. La vita di San Francesco addolcisce le angosce, breviario per il sonno. Il Gabbiere sa. E si ferma nella falsa immobilità di La Plata.

    "Quella notte in cui il treno si fermò nell'ardente avvallamento. Lo scandalo delle acque che colpivano le pietre, appena intravviste alla lattea luce degli astri. Un pianto tra i bananeti. La solitudine che corrode come ossido. L'esalazione vegetale che proviene dalle tenebre. Tutte le storie e le frottole sul suo passato, accumulate fino a formare un altro essere, sempre presente e, naturalmente, più mirabile della sua personale, pallida e vana esistenza fatta di nausee e di sogni."

    said on 

  • 3

    Mutis promosso

    Terza e ultima di quelle che sono conosciute come le " Imprese e tribolazioni Maqroll il Gabbiere".Vale quanto detto per la seconda parte.Piacevole,sicuramente.Ben scritto,certo.Ma le vette si raggiun ...continue

    Terza e ultima di quelle che sono conosciute come le " Imprese e tribolazioni Maqroll il Gabbiere".Vale quanto detto per la seconda parte.Piacevole,sicuramente.Ben scritto,certo.Ma le vette si raggiungono solo con la prima parte.Mutis comunque promosso.

    said on 

  • 3

    UN BEL MORIR

    Epilogo delle Tribolazioni del Gabbiere. Maqroll sta trascinando pigramente l'esistenza in un villaggio fantasma, quando si lascia tentare da un losca impresa che si rivelerà essere la sua ultima atti ...continue

    Epilogo delle Tribolazioni del Gabbiere. Maqroll sta trascinando pigramente l'esistenza in un villaggio fantasma, quando si lascia tentare da un losca impresa che si rivelerà essere la sua ultima attività.
    La scrittura di Mutis rimane memorabile, ma questa breve storia non aggiunge nulla di nuovo alla filosofia del suo personaggio già esaurientemente espressa nei precedenti romanzi. Non ha altro significato che quello di fornire una versione metaforica, possibile ma non certa, della morte di Maqroll, dopo una vita irrequieta e avventurosa vissuta nella disperanza. “Tutto svanirà lentamente nell’oblio / e il grido di una scimmia, / lo sgorgare biancastro della linfa / dalla corteccia ferita del caucciù, / lo sciabordio delle acque contro la chiglia in viaggio, / saranno argomenti più memorabili dei nostri lunghi / abbracci.”

    said on 

  • 4

    Negli addii tutto precipita all'improvviso verso il passato e il presente si svuota di senso

    Ho provato a leggere una porzione del Canzoniere ma non sono riuscito ad isolare nessun verso all'altezza di
    “Tu ài li strali et l’arco:
    fa’ di tua man, non pur bramand’io mora,
    ch’un bel morir tutta ...continue

    Ho provato a leggere una porzione del Canzoniere ma non sono riuscito ad isolare nessun verso all'altezza di
    “Tu ài li strali et l’arco:
    fa’ di tua man, non pur bramand’io mora,
    ch’un bel morir tutta la vita honora."
    Ho ritagliato chilometri di prosa con una penna, con un lapis o con un dito; per i versi invece ho bisogno che qualcuno lo faccia per me
    L'ultimo libro della saga del Gabbiere è il meno poetico. Maqroll non è per mare, ma sulla terra ferma a La Plata, un luogo sinistro ed umido come un bagno turco. Le donne che ha amato e perduto gli fanno visita nei sogni, senza il loro discernimento finirà implicato in un losco traffico organizzato da un belga di nome van Branden
    Così come tutti i van Brenden che incrociavano la sua strada servivano solo a fargli constatare la sua irrimediabile solitudine, o il suo scetticismo di fronte all'ostinata vanità degli uomini, questi sventurati ciechi, che entrano nella morte senza aver sospettato la meraviglia del mondo
    Entrare nella morte senza aver sospettato della meraviglia del mondo, ecco Mutis, la sua insopprimibile nostalgia, l'insoddisfazione che gli fa scrivere: “Non esisteva paese dove mettere fine ai suoi passi”.
    La commistione fra la natura di Mutis e le sue frequentazioni europee ne hanno fatto un fuoriclasse. E' successo a lui come a taluni calciatori sudamericani che al talento innato hanno aggiunto il pragmatismo appreso nel vecchio continente. Se dovessi schierare un'ipotetica formazione dei miei scrittori preferiti, gli darei una maglia da titolare. Da lui ci si può aspettare una bicicleta alla Osvaldo Ardiles, o una chiusura degna di Esteban Cambiasso
    Addio Gabbiere pazzo, mi ha fatto piacere godere di nuovo della tua compagnia

    1998 ★★★★
    2014 ★★★★

    said on 

  • 5

    il Gabbiere , Mutis, è pratico di vita e conosce l'uomo e gli uomini
    e ce li racconta con sincerità.
    se vogliamo conoscerci meglio è una grande lettura.
    "anche se sappiamo come siamo ( e siamo quel ch ...continue

    il Gabbiere , Mutis, è pratico di vita e conosce l'uomo e gli uomini
    e ce li racconta con sincerità.
    se vogliamo conoscerci meglio è una grande lettura.
    "anche se sappiamo come siamo ( e siamo quel che siamo)e a volte peggio di quello che siamo"

    hasta siempre maqroll

    said on 

  • 4

    un personaggio Maqroll detto anche il Gabbiere, le sue avventure, la sua vita, il suo essere, il mare, la cordigliera tutto raccontato con estrema precisione e poesia. Bellissima trilogia di Alvaro Mu ...continue

    un personaggio Maqroll detto anche il Gabbiere, le sue avventure, la sua vita, il suo essere, il mare, la cordigliera tutto raccontato con estrema precisione e poesia. Bellissima trilogia di Alvaro Mutis

    said on 

  • 3

    Gabbiere, sei un "personaggio" ma... cosa ti manca?

    caro Gabbiere,
    sei ben descritto, il tuo creatore ha un'ottima penna, le ambientazioni riuscite, la trama e i casini in cui ti cacci pian piano arrivano anche a prendere il lettore...
    ma ti manca qual ...continue

    caro Gabbiere,
    sei ben descritto, il tuo creatore ha un'ottima penna, le ambientazioni riuscite, la trama e i casini in cui ti cacci pian piano arrivano anche a prendere il lettore...
    ma ti manca qualcosa
    forse un senso delle cose, non so, quel qualcosa dentro che mi faccia innamorare di te (si fa per dire eh) e della tua storia... un libro che non ho mai preso in mano con vera emozione da lettore, pur avendolo generalmente apprezzato
    sono i misteri de La Plata?

    said on