Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un calice di soli, un piatto di pianeti

Undici racconti di "fantascienza gastronomica", due saggi e tante fantaricette

Di ,,,,,,,,,,,,,,

Editore: Edizioni Della Vigna

3.7
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8862760957 | Isbn-13: 9788862760959 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Luigi Petruzzelli

Genere: Science Fiction & Fantasy

Ti piace Un calice di soli, un piatto di pianeti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Testi contenuti:
Luigi Petruzzelli - Prefazione
Mauro Antonio Miglieruolo - Come ho salvato la Terra da una Orrenda Invasione
Mike Resnick - Nella vecchia fattoria
Antonio Bellomi - Il numero non numero [nuova edizione]
Andrea Coco - Operazione Ambrosia
Franco Piccinini - Tre boccali di birra ottobrina
Michele Piccolino - Selezionare menu
Robert Silverberg - Le Jardin des Supplices
Massimo Mongai - A cena con SeeMawNuh
Francesco Troccoli - Strudel alla viennese
Giovanni Mongini - Alla ricerca del cibo degli dei
Adalberto Cersosimo - Carissimi compagni di merende...
Antonino Fazio - Cibo e fantascienza
Nicola Vianello - Star Trek e il cibo
Luigi Petruzzelli e Mauro Sbaraini - Il mostro delle paludi venusiane
Claudia Marinelli - Dost Distern, un cuoco fantastico
Ordina per
  • 3

    la raccolta dovrebbe contenere racconti di fantascienz a tema "culinario", tema che viene declinato in vari modi dai diversi autori (tutti italiani eccetto due racconti di Resnik e Silverberg). ...continua

    la raccolta dovrebbe contenere racconti di fantascienz a tema "culinario", tema che viene declinato in vari modi dai diversi autori (tutti italiani eccetto due racconti di Resnik e Silverberg). purtroppo alcuni lavori sembrano tradire questa specifica, trattando l'argomento gastronomico in modo del tutto marginale, altri lo utilizzano come spunto piuttosto banale. alcuni racconti rimangono quindi abbastanza insipidi (imperdonabile in una raccolta con queste intenzioni!), mentre ce ne sono un paio di buon livello. interessante il breve saggio su fantascienza e cibo.

    ha scritto il