Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un destino parallelo

La storia del mondo vista attraverso lo sguardo dell'Islam

Di

Editore: Fazi

4.5
(39)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8864110933 | Isbn-13: 9788864110936 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: T. Fazi

Genere: History , Religion & Spirituality

Ti piace Un destino parallelo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'antico Egitto, la Mesopotamia, la Grecia e Roma, la nascita della cristianità, i secoli bui, il Rinascimento e la Riforma, l'Illuminismo, l'industrializzazione, infine il raggiungimento della democrazia: questa è la nostra metà della storia, la nostra versione dei fatti. Ma c'è un'altra storia che scorre sotto la pelle dell'Occidente: parallela alla nostra, assente dai manuali scolastici, ma sempre più alla ribalta nella scena globale. La storia dell'Islam. La comunità musulmana, proprio come l'Europa, si è sentita per mille anni al centro del mondo: a partire dalla vita di Maometto, attraverso il succedersi di grandi imperi, fino alle lotte e ai movimenti ideologici che hanno sgretolato l'unità dell'islam e portato all'11 settembre e ai più recenti conflitti. Ma mai come ora è necessario che queste storie si incontrino. Tamim Ansary - metà afghano, metà americano - affonda le sue radici personali in tale duplicità, e proprio per questo si propone di colmare il vuoto che la cultura occidentale ha nei confronti di quella musulmana. Documentato e imparziale, questo libro fornisce una visione complementare indispensabile per sanare l'incomunicabilità tra due civiltà che hanno avuto storie diverse, ma indissolubilmente intrecciate, almeno fino a quando l'Islam ha realizzato che l'Occidente aveva dirottato a proprio favore il destino del mondo.
Ordina per
  • 4

    Il giusto compromesso tra un trattato storico esaustivo e una carrellata superficiale.
    Esco dalla lettura sicuramente più conscio del mondo in cui vivo e di come siamo arrivati a questo punto.
    Tutta la seconda parte del libro cessa di essere la storia dell'Islam e diventa la storia de ...continua

    Il giusto compromesso tra un trattato storico esaustivo e una carrellata superficiale.
    Esco dalla lettura sicuramente più conscio del mondo in cui vivo e di come siamo arrivati a questo punto.
    Tutta la seconda parte del libro cessa di essere la storia dell'Islam e diventa la storia del mondo a tutto tondo.
    Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 3

    così e così

    devo dire che ero dubbioso dall'inizio. in libreria ho esitato parecchio col volume in mano prima di andare alla casa e pagare. non avevo letto nessuna recensione, ma mi incuriosiva a prima vista. mi incuriosiva ma non mi fidavo del tutto. probabilmente era una sensazione fondata. il libro cominc ...continua

    devo dire che ero dubbioso dall'inizio. in libreria ho esitato parecchio col volume in mano prima di andare alla casa e pagare. non avevo letto nessuna recensione, ma mi incuriosiva a prima vista. mi incuriosiva ma non mi fidavo del tutto. probabilmente era una sensazione fondata. il libro comincia bene o per lo meno, non comincia male. il racconto dei primi secoli dell'era islamica è chiaro, scorrevole. qua e là emergono tra le righe dei pregiudizi anti sciiti. però nel complesso si legge. a tratti risulta fastidioso lo stile forzatamente leggero, qualche battuta neanche così divertente. però, nel complesso, è utile. i guai cominciano quando ci si avvicina al XVII secolo. qui il racconto si sfilaccia, si fa più irregolare e meno efficace. e forse c'è un deficit di preparazione dell'autore. gli ultimi capitoli li ho scorsi molto velocemente per risparmiami noia e "dolore". Non è un libro indispensabile e neanche interessante. applicando una categoria tutta italiana, devo ammettere che è almeno un libro "simpatico". ma nulla di più.

    ha scritto il 

  • 2

    Si presenta come una storia del mondo dal punto di vista dei musulmani, ma è una semplice storia del mondo musulmano; vorrebbe essere divulgativo, ma per divulgare occorre conoscere profondamente la materia di cui si parla, per poi esporla in maniera chiara e accessibile. L'autore invece ha cogni ...continua

    Si presenta come una storia del mondo dal punto di vista dei musulmani, ma è una semplice storia del mondo musulmano; vorrebbe essere divulgativo, ma per divulgare occorre conoscere profondamente la materia di cui si parla, per poi esporla in maniera chiara e accessibile. L'autore invece ha cognizioni storiche sommarie e le espone con uno stile banalizzante e, in molti punti, decisamente idiota.

    ha scritto il 

  • 5

    La storia a volo d'uccello; magari ci fossero insegnanti con questo ritmo e abilità affabulatoria !!. La storia raccontata dagli altri. Utilte per ridimensionare la nostra "grandezza", e per capire come gli altri ci vedono e scoprire i perchè dei motivi di non comprensione; bellissimo.
    Lo s ...continua

    La storia a volo d'uccello; magari ci fossero insegnanti con questo ritmo e abilità affabulatoria !!. La storia raccontata dagli altri. Utilte per ridimensionare la nostra "grandezza", e per capire come gli altri ci vedono e scoprire i perchè dei motivi di non comprensione; bellissimo.
    Lo suggerirei anche alle scuole; non c'è nulla di offensivo, di blasfemo, mai dice che "loro" sono meglio; dice che siamo diversi. leggerlo sarebbe una speranza in più per una reciproca comprensione.

    ha scritto il 

  • 4

    il mondo visto dall'altra parte dello specchio...

    lettura assolutamente consigliata per chi vuole rilegersi la storia da un punto di vista complementare a quello occidentale. Si ripercorrono 1500 anni della storia del mondo attraverso quella dell'islam, e personalemente l'ho trovato scorrevole e molto ben scritto. Credo sia fondamentale per capi ...continua

    lettura assolutamente consigliata per chi vuole rilegersi la storia da un punto di vista complementare a quello occidentale. Si ripercorrono 1500 anni della storia del mondo attraverso quella dell'islam, e personalemente l'ho trovato scorrevole e molto ben scritto. Credo sia fondamentale per capire da lontano come si e' arrivati all'attuale stallo del dialogo fra questi due mondi.

    ha scritto il 

  • 5

    ...non mi sono sentita mai così ignorante in termini di conoscenza della storia..... ma è servito a farmi capire tante cose, incluse quelle che avevo vissuto e sulle quali giravano un sacco di "balle"!

    ha scritto il 

  • 5

    Quando pensiamo alla Storia ci riferiamo alla storia dell'Europa e dell'occidente, dimenticando un bel pezzo di civiltà che ha influenzato il nostro cammino e tutt'oggi anima lo scenario internazionale. Ansary prova con un testo divulgativo, e apparentemente completo, a colmare questa lacuna cult ...continua

    Quando pensiamo alla Storia ci riferiamo alla storia dell'Europa e dell'occidente, dimenticando un bel pezzo di civiltà che ha influenzato il nostro cammino e tutt'oggi anima lo scenario internazionale. Ansary prova con un testo divulgativo, e apparentemente completo, a colmare questa lacuna culturale non solo dal punto di vista storico, ma anche socio-culturale. Ne esce un testo affascinante e scorrevole che come tutti i grandi saggi ci ricorda quanto c'è ancora da scoprire e da capire.

    ha scritto il 

  • 4

    ma lo sapevate?

    lo sapevate che i semibarbari Parti, quelli che i romani cercavano di tenere a bada, come pulci impazzite ai bordi dell'impero, erano un solido e civile impero, infastidito da dei semibarbari che si chiamavano romani?
    Lo sapevate che le guerre Persiane, pietra miliare della storia dell'occi ...continua

    lo sapevate che i semibarbari Parti, quelli che i romani cercavano di tenere a bada, come pulci impazzite ai bordi dell'impero, erano un solido e civile impero, infastidito da dei semibarbari che si chiamavano romani?
    Lo sapevate che le guerre Persiane, pietra miliare della storia dell'occidente, non furono che un accidente senza grandi conseguenze peer i persiani (a parte i meschini uccisi in battaglia, ma si sa quelli non fanno Storia)
    E quanti filosofi bizantini conoscete? E chi erano i Sassanidi? Se vi dicessi che quando gli sfigatissimi contadini dell'occidente condividevano biada e pochi prodotti dell'orto faticosamente grattato con un aratro senza efficacia, questi sassanidi regnavano su splendide e prospere città?
    E che sapete di Omar? Di Alì? degli Sciti e dei Sufi?

    Qualche tempo fa leggevo in una storia della Cina che, confrontando la durata del "successo" dell'Occidente rispetto a quella dell'egemonia cinese, si può dire che le magnifiche sorti progressive del Mondo Libero,non siano che un effimera parentesi della storia.
    E nella parentesi abbiamo avuto dei vicini davvero straordinari, superiori per tecnologia, arte e sistema sociale per almeno 900 anni.
    E' forse il caso di approfondire e questo libro pare adatto al caso,
    scritto come un bel romanzo, smaliziato, avvincente

    ha scritto il 

Ordina per