Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un devin m'a dit

Voyages en Asie

By

4.3
(4476)

Language:Français | Number of pages: 459 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) Chi traditional , English , Italian , Polish , Portuguese , Spanish

Isbn-10: 2916355413 | Isbn-13: 9782916355412 | Publish date: 

Category: Biography , Religion & Spirituality , Travel

Aimez-vous Un devin m'a dit ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Il mio colpo di fulmine per Terzani

    Ho letto questo libro per caso ormai alcuni anni fa e da lì è iniziato il mio grande amore per Tiziano Terzani. Si viaggia e si riflette, come sempre con i suoi libri, i suoi saggi ed i suoi articoli, ...continuer

    Ho letto questo libro per caso ormai alcuni anni fa e da lì è iniziato il mio grande amore per Tiziano Terzani. Si viaggia e si riflette, come sempre con i suoi libri, i suoi saggi ed i suoi articoli, mettendosi a confronto con culture e modi di ragionare e sentire diversi e lontani dai nostri. Un libro appassionante!

    dit le 

  • 4

    Un viaggio dentro se stessi

    Mi sono avvicinato a Terzani seguendo l'indicazione di un amico. Inizialmente ero scettico, vedevo il suo essere "diverso" come una moda del momento cavalcata da coloro che in realtà vorrebbero essere ...continuer

    Mi sono avvicinato a Terzani seguendo l'indicazione di un amico. Inizialmente ero scettico, vedevo il suo essere "diverso" come una moda del momento cavalcata da coloro che in realtà vorrebbero essere in questo modo, ma preferiscono celarsi dietro gli agi della modernità. Andando avanti con la lettura, invece, mi sono accorto del bisogno di conoscenza che l'autore aveva; la necessità di farsi domande e provare a cercare risposte. Mi è piaciuta la voglia di analizzare una cultura (quella orientale) così diversa dalla nostra, senza alcun tipo di preconcetto e con la profonda umanità che caratterizza Tiziano Terzani. Ho trovato alcuni passaggi forse troppo descrittivi, troppo finalizzati a trovare elementi "magici" anche dove non non erano palesemente presenti. Questo è il bello e il brutto di Terzani: la ricerca, sempre e comunque, la voglia di approfondire, di vedere oltre. Instancabile viaggiatore, Tiziano permette a tutti di chiudere gli occhi e ragionare sull'impatto che la nostra civiltà ha avuto sull'oriente e su quanto si possa imparare dalle occasioni (belle o brutte) che la vita ti mette davanti. Consigliato a chi ha bisogno di riflettere su se stesso; molto di più di un semplice libro di "viaggi".

    dit le 

  • 5

    ho solo una parola per descrivere questo libro... meraviglioso. non soloTiziano ti porta a scoprire nuove culture, paesi, mondi paesaggi, ma ti apre un mondo, ti porta con lui, diventi suo compagno di ...continuer

    ho solo una parola per descrivere questo libro... meraviglioso. non soloTiziano ti porta a scoprire nuove culture, paesi, mondi paesaggi, ma ti apre un mondo, ti porta con lui, diventi suo compagno di viaggio. bellissimo, bellissimo, bellissimo. posso dire che mi sono innamorato di questo libro.

    dit le 

  • 4

    Un po' ripetitivo

    Sempre un grande Terzani, che inventa un anno di vita completamente diverso dal solito pur senza smettere di essere un grande giornalista. Solo un po' ripetitivo.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    "...Perchè la storia esiste solo se qualcuno la racconta"

    "Ero felice. Ero solo e trovavo la solitudine una magnifica compagna." L'uomo Terzani prende una decisione unica, strana, che permette di potersi dedicare a se stesso, di guardarsi dentro e attorno co ...continuer

    "Ero felice. Ero solo e trovavo la solitudine una magnifica compagna." L'uomo Terzani prende una decisione unica, strana, che permette di potersi dedicare a se stesso, di guardarsi dentro e attorno con occhi nuovi e vecchi allo stesso tempo. "Più ci si guarda attorno, più ci si rende conto che il nostro modo di vivere si fa sempre più insensato. Tutti corrono, ma verso dove? Perchè? Molti sentono che questo correre non ci si addice e che ci fa perdere tanti vecchi piaceri. Ma chi ha ormai il coraggio di dire: Fermi! Cambiamo strada?". Più progrediamo tecnologicamente, più perdiamo certe qualità e abitudini e più abdichiamo del nostro Io e della sua conoscenza.
    "Viaggiare ha senso solo se si torna con una qualche risposta nella valigia". Il viaggio diventa strumento di conoscenza di nuove civiltà e di riscoperta di sane abitudini ormai perse nell'occidente; è meta esso stesso, è indagine, analisi di quel che siamo e di ciò che ha davvero senso. In modo da poter affermare finalmente di pensare a se stessi, ossia trovare il senso vero di vita.
    "Avevo il tempo di pensare al tempo, a come per istinto trovo sempre il passato più affascinante del futuro, a come il presente spesso mi annoia e debbo immaginarmelo nel modo in cui lo ricorderò per poterne godere sul momento."

    dit le 

  • 4

    Viaggiare diverso

    Le alternative ci sono: nel muoversi viaggiando, nel guardare tacendo, nel raccontare non giudicando. Terzani è un maestro in questo.
    Da leggere e rileggere.

    dit le 

  • 4

    Un viaggio lungo un anno senza prendere aerei.
    L'oriente più nascosto e quello più scoperto.
    Libro pieno di riflessioni, lucide, a volte distaccate ma ugualmente sentite.
    Terzani mi piace perché non g ...continuer

    Un viaggio lungo un anno senza prendere aerei.
    L'oriente più nascosto e quello più scoperto.
    Libro pieno di riflessioni, lucide, a volte distaccate ma ugualmente sentite.
    Terzani mi piace perché non giudica troppo.
    E osserva.

    dit le 

  • 2

    Sopravvalutato

    Il libro parte bene ma presto diventa lento noioso e ripetitivo (le storie degli indovini sono tutte uguali).
    Anche le critiche di Terzani sul progresso, sul capitalismo sono fine a se stesse, l'argom ...continuer

    Il libro parte bene ma presto diventa lento noioso e ripetitivo (le storie degli indovini sono tutte uguali).
    Anche le critiche di Terzani sul progresso, sul capitalismo sono fine a se stesse, l'argomento non viene mai approfondito, non vengono mai proposte delle credibili alternative.
    Il fatto che Terzani è diventato una sorta di guru mi lascia alquanto perplesso.

    dit le 

  • 5

    un anno di viaggi, con mezzi alternativi all'aereo, portano il grande viaggiatore Terzani a raccontarci luoghi e persone, percorsi, incontri, storie. Ricco di storia e colori, di vita, leggendo ti sem ...continuer

    un anno di viaggi, con mezzi alternativi all'aereo, portano il grande viaggiatore Terzani a raccontarci luoghi e persone, percorsi, incontri, storie. Ricco di storia e colori, di vita, leggendo ti sembra di essere lì con lui, ad osservare quegli occhi, ad ascoltare.

    dit le 

Sorting by