Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un divorzio tardivo

By Abraham Yehoshua

(1012)

| Others | 9788806147846

Like Un divorzio tardivo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nel corso di nove giorni si consuma l'estremo soggiorno in patria di YehudàKaminka, fuggito da Israele per rifarsi una vita in America e ritornato persciogliere ogni legame con Na'omi, sua moglie. Sotto lo sguardo severo deifigli, che in un do Continue

Nel corso di nove giorni si consuma l'estremo soggiorno in patria di YehudàKaminka, fuggito da Israele per rifarsi una vita in America e ritornato persciogliere ogni legame con Na'omi, sua moglie. Sotto lo sguardo severo deifigli, che in un doloroso rovesciamento di ruoli assumono con lui le pose delgenitore, Yehudà gioca la sua partita contro se stesso, cercando un qualsiasiostacolo che gli impedisca il passo doloroso e necessario del divorzio, ma ifigli e la moglie lo tengono a distanza e ne osservano con sadico piacere itentennamenti. Nove giorni culminanti nella Pasqua (in ebraico "passaggio")che diventa lo spartiacque tra ciò che è stato, e non potrà mai più tornare, eciò che sarà.

93 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    I flussi di coscienza non fanno per me...

    Io ci ho provato, davvero, ma lo stile me lo rendeva ostico e la trama mi faceva annoiare... Magari, prima o poi, lo riprenderò in mano.

    Is this helpful?

    Josephine.March. said on Jul 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    in fondo, nude individualità

    e l'autore non giudica, anzi, quasi le canta...

    Is this helpful?

    MrMaatt said on Apr 26, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il libro è piuttosto lento ma poco alla volta riesce a coinvolgerti nella storia.
    Mi è piaciuto da subito il piccolo Gadi, anche se non ha un ruolo da protagonista principale, ma spesso io trovo più interessanti i personaggi secondari.
    Il nonno è sic ...(continue)

    Il libro è piuttosto lento ma poco alla volta riesce a coinvolgerti nella storia.
    Mi è piaciuto da subito il piccolo Gadi, anche se non ha un ruolo da protagonista principale, ma spesso io trovo più interessanti i personaggi secondari.
    Il nonno è sicuramente un personaggio interessante, ma nonostante sia uno dei protagonisti principali, per non dire il principale, a volte viene messo da parte a favore di altri…soprattutto dei i tre figli che non mi sono piaciuti molto, nessuno dei tre. Di sicuro ho apprezzato di più Horatius, il cane.

    Questo libro narra la storia del divorzio tra i nonni materni di Gadi…non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che le persone in questione non sono più ragazzini ma soprattutto è interessante sapere cosa ha portato il nonno a trasferirsi già da diversi anni in America e lasciare tutti i parenti in Israele. E poi perché chiedere il divorzio ora? Ecco, se questo vi interessa e non vi spaventa la lentezza a volte eccessiva, questo libro è adatto a voi. Se invece trovate tutto questo noioso lasciate perdere…io posso dire di aver letto un bel libro (ne avevo già letto uno dell’autore che avevo apprezzato) però, ripeto, bisogna abituarsi alla narrazione lenta lenta. E’ vero che da metà libro in poi tutto diventa meno lento, ma poi subentra una piccola parte che trasporta il lettore a 3 anni dopo i fatti accaduti e che poi, dopo poco, lo riporta lì e quindi in quel lasso di tempo ci si sente un po’ spaesati perché vengono rivelate alcune cose che poi si scopriranno più chiaramente nel corso della lettura successiva…è anche vero che forse verso la fine mi sono un po’ persa perché mi sono mancate le risposte ad un paio di miei quesiti…mi sa che dovrò rileggermi con più calma le ultime pagine per vedere dove ho perso il filo degli avvenimenti, perché mi sembra strano che non ci siano state spiegazioni per questi fatti.

    Nel complesso comunque un bel libro, nonostante tutto.

    Is this helpful?

    greeneyes said on Feb 21, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Perdonate la superficialità.

    Ho letto che Un divorzio tardivo sarebbe una metafora dell’identità ebraica.
    Sarà, ma non mi interessa.

    Perché – perdonate la superficialità – io vi ho letto storie, che sono storie prima ancora che metafore o pretesti.
    Storie di uomini tormentati e ...(continue)

    Ho letto che Un divorzio tardivo sarebbe una metafora dell’identità ebraica.
    Sarà, ma non mi interessa.

    Perché – perdonate la superficialità – io vi ho letto storie, che sono storie prima ancora che metafore o pretesti.
    Storie di uomini tormentati e anime complesse.
    Storie che magnetizzano, perché il tormento, visto da dentro, ha una forza ipnotica.

    (Ora Yehoshua si è definitivamente conquistato quel pezzettino del mio cuore su cui aveva messo le mani con L’amante.)

    Is this helpful?

    Marvivio said on Feb 16, 2014 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book