Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un giorno, cose terribili

By Laurent Botti

(214)

| Paperback | 9788820045418

Like Un giorno, cose terribili ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un'occhiata al computer prima di andare a scuola e il piccolo Bastien vede qualcosa che lo sconvolge. E un messaggio raggelante, che gli arriva dal fratellino Jules, morto due anni prima. Da quando si è trasferito in quella cittadina, le sue giornate Continue

Un'occhiata al computer prima di andare a scuola e il piccolo Bastien vede qualcosa che lo sconvolge. E un messaggio raggelante, che gli arriva dal fratellino Jules, morto due anni prima. Da quando si è trasferito in quella cittadina, le sue giornate sono un crescendo di episodi strani e di sinistre sensazioni. E non accade soltanto a lui. Sarà l'atmosfera del luogo, la misteriosa Laville-Saint-Jour, con le sue lugubri architetture gotiche, sarà la presenza di quella nebbia persistente che, quando cala, sembra avvolgere tutto in un oscuro maleficio. "Succedono cose terribili il primo giorno di nebbia", gli hanno detto. Ma ci sono anche altre voci che corrono: storie di morti violente e di roghi inspiegabili, di bambini uccisi per riti demoniaci, di una segreta e potente setta satanica. Perseguitato da incubi notturni e dalla sensazione di inquietanti presenze, Bastien si sente tuttavia investito di una forza particolare per combattere contro il Male che da secoli soffoca quel luogo. Un thriller che spalanca una porta sul mondo delle tenebre.

38 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    5 stelle che però diminuiscono un pò per il finale però trattasi di un buonissimo libro.

    Primo thriller che provo e posso affermare con piacere che l' autore abbia fatto il suo dovere, sia con i personaggi, che con la trama, che con i misteri e l' i ...(continue)

    5 stelle che però diminuiscono un pò per il finale però trattasi di un buonissimo libro.

    Primo thriller che provo e posso affermare con piacere che l' autore abbia fatto il suo dovere, sia con i personaggi, che con la trama, che con i misteri e l' intreccio dei fatti.
    Sono stata completamente presa da come è stata descritta l' atmostfera di Laville ma CERTO non ci passerei nemmeno mezza giornata XD
    Bisogna dire che comunque è pesantino su certi argomenti, già per il massacro compiuto sui bambini poi ci sono riti, sette e organizzazioni dedite alla tratta e loro commercio.
    SI', ad un certo punto la tensione e la brutalità era troppa e sono scoppiatata a piangere!
    Tuttavia è stata proprio la descrizione del male di Laville che è radicato in profondità nella città e nella gente a giocare un ruolo fondamentale; interessantissime come la tradizione di passare
    l' eredità ai figli sulle nefandezze che venivano compiute e di come gli stessi abitanti bambini di Laville, una volta divenuti adulti, dopo essere stati cresciuti da tale atmosfera malsana, si siano dati alle crudeltà come a voler tramandare tutta a pazzia che avevano mano a mano incorporato.

    Che succede?...un po' di trama
    Succede che la famiglia Moreau è purtroppo devastata dal lutto del loro figlio minore, investito da una misteriosa auto; per cercare di riprendersi e raccogliere quello che rimane delle loro vite decidono un trasferimento in un altra città. Laville St. Jour appunto.
    Madre, padre e il figlio maggiore, Bastien di 11 anni, iniziano a vivere in questa nuova cittadina che sembra sempre avvolta uno strato di nebbia che gli confersce un' aria strana e un' atmosfera che incute timore e brivide a chiunque.
    Laville è strana, a Laville succedono cose strane, è per la nebbia, di notte la nebbia fa accadere delle cose: tutti al paese spiegano gli strani avvenimenti con queste motivazioni.
    E di cose a Laville ne sono accadute tante e ne accadono di continuo, nel passato atrocità sono state compiute su innocenti infanti e si dice che la nebbia sia composta dalle anime di questi poveri bambini.

    Man mano che la storia scorre facciamo la conoscenza di tutti: del piccolo Bastien che dopo il dolore di aver perso il fratellino inizia a ricevere inspiegabilmente mail dal questo;
    del commissario Bertengui alla ricerca di una risposta fra la storia della città, con suoi riti ancestrali e maledetti e gli omicidi che prendono a verificarsi;
    di Audrey Miller maestra di Bastien amante del direttore della scuola che vorebbe solo riuscire a portare via il figlio da Laville prima che si verifichino altri fatti;
    di Nicolas le Garrec autore di libri che sembrano accomuniarsi con i fatti al giorno accaduti.

    TUTTI saranno coinvolti da Laville e si scoprirà il loro ruolo.

    Quello che non mi è piaciuto sono stata un poco delusa dal finale aperto,
    non che sia un brutto finale (nel senso come idea dei fatti e personaggi magari ognuno ha la sua opinione), ma comunque non mi aspettavo che le cose venissero lasciate così;
    fino alla fine credevo si avesse una vera fine, poi è successo che ad un certo punto mi sono resa conto che, sorpresa!, mancavano più poche pagine alla fine del libro e quindi no era come avevo sperato :X
    Se ci fosse una seconda parte la comprerei subito anche perche voglio sapere come va con Nicolas e Bastien e se alla fine Audrey avesse la sua parte di giustizia (mi sono rosa dalla rabbia per lei povera!).

    Poi ci sarebbero certe cose dei misteri che mi pare siano state lasciate in sospeso, solo che siccome il libro l' ho finito da un pò non ricordo con precisione e potrei essere colta in errore. Appena posso rilettura!

    Is this helpful?

    cice said on May 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    3 stelle che valgono 7/10

    Romanzo ben scritto, scorre fluido l'intreccio thriller/horror, svelando lentamente i legami tra personaggi che non sembravano averne.
    A volte un pò scontato, ma l'atmosfera creata dalla nebbia e dall'atteggiamento chiuso degli abitanti è fantastica ...(continue)

    Romanzo ben scritto, scorre fluido l'intreccio thriller/horror, svelando lentamente i legami tra personaggi che non sembravano averne.
    A volte un pò scontato, ma l'atmosfera creata dalla nebbia e dall'atteggiamento chiuso degli abitanti è fantastica.
    Il finale poi, che resta sospeso, salvando alcuni, condannando altri, uccidendo chi pensavi non potesse morire, vale la lettura del libro!

    Un'ultima cosa: un libro di questo genere deve spaventare.... Bene, allora è perfetto: ti lascia un'inquietudine addosso che ti tiene sospeso tra la voglia di sapere e l'ansia degli scricchiolii e delle ombre!

    Is this helpful?

    Mirca said on Nov 27, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Consigliato

    Gran bel libro. La trama interessante è resa movimentata dall'intreccio, che personalmente trovo davvero ben gestito: si passa da un personaggio all'altro, da una situazione all'altra per poi arrivare ad un filo comune. Come stato detto da qualcun al ...(continue)

    Gran bel libro. La trama interessante è resa movimentata dall'intreccio, che personalmente trovo davvero ben gestito: si passa da un personaggio all'altro, da una situazione all'altra per poi arrivare ad un filo comune. Come stato detto da qualcun altro il finale "mezzo aperto" lascia un po' di amaro in bocca, ma una conclusione c'è comunque. Alcune soluzioni non sono originalissime, forse, ma questo libro mi ha tenuto incollato alle pagine, soprattutto nella parte centrale. Personaggi ben caratterizzati e atmosfera cittadina (sono anch'io uno di quelli che pensava esistesse realmente) davvero impeccabile.

    Is this helpful?

    Pipkin said on Jul 22, 2013 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Una creatura pallida, con una criniera di fumo al posto dei capelli e il volto sfocato, solo uno schizzo di foschia attraversato da due buchi. Si aggrappava alle corde dell'altalena, con il vestitino di nebbia che si agitava al più piccolo soffio di vento

    Questa volta non era per niente un'illusione! Era...Reale!

    (libro preso in prestito da mia zia Lory)

    La nebbia... quanto mi affascina la nebbia...di quante emozioni e sensazioni mi inonda!
    Ho sempre visto la nebbia come qualcosa di mistico ...(continue)

    Questa volta non era per niente un'illusione! Era...Reale!

    (libro preso in prestito da mia zia Lory)

    La nebbia... quanto mi affascina la nebbia...di quante emozioni e sensazioni mi inonda!
    Ho sempre visto la nebbia come qualcosa di mistico di magico, bella che si espande per le campagne, così misteriosa, così bella!
    Forse sono una delle poche persone a cui la nebbia non mette timore, ne quando guido, ne se ci cammino. Certo vivendo a Roma non è che siamo immersi di nebbia, ma è capitato visitando altri posti! E visto che la protagonista principale di questo libro è la nebbia, come non poterlo leggere?
    Un libro intrigante veramente, dotato di suspance, e capace di farmi avere degli incubi, strano ma vero, li ho avuti!
    Mi piace molto come descrive i personaggi lo scrittore e sembra quasi di vederli davvero! Saranno anche tanti i personaggi nel libro, ma ogni volta che si riproponevano tra le pagine, li ricordavo perfettamente, cosa che non mi succede con altri libri pieni zeppi di personaggi!
    Mi piace molto il personaggio Nicolas Le Garrec, mi ha affascinata fin subito la figura dello scrittore horror misterioso.
    Anche Audrey Miller mi è rimasta subito simpatica ed è entrata nelle mie grazie.
    Bastien... che dire di Bastien? Ti ci affezioni subito, il classico bambino particolare, con i suoi problemi, con i suoi incubi... che vive in un mondo tutto suo... popolato da ombre bianche, da assassini e da tenebre!
    E che dire di Laville Saint Jour? Mi sono innamorata subito di questa città!!! La sono andata a cercare su google, ma niente... sembra non esistere è solo un'invenzione dello scrittore, che la descrive così perfettamente e anche con tanta passione... la chiesa con i suoi doccioni... mi ha fatto tornare alla mente il castello che ho visitato a Praga... con quei suoi mostri. Se fosse esistita come città avrei voluto davvero visitare Laville Saint Jour... mi è rimasta impressa veramente!!!
    Il libro, comunque, ha un finale aperto... ciò vuol dire che ci dovrebbe essere un continuo... lo spero tanto, perché sono rimasta con un po' di dubbi... mi pare di aver letto tra le recensioni che dovrebbe uscire in Francia il continuo e lo aspetto vivamente anche qui in Italia!
    Io ve lo consiglio questo libro, e sicuramente lo acquisterò visto che l'ho preso in prestito.

    Is this helpful?

    Morgana1981 (Emily Noir su Amazon!) said on May 3, 2012 | 2 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    Libro francese, definito il King d'oltralpe...
    ma perchè?
    Come per la narrativa italiana, anche quella francese ha la fortuna di poter contare su una lingua fantastica (mica come l'inglese che ha tre parole in croce) e quindi quando si leggono frasi ...(continue)

    Libro francese, definito il King d'oltralpe...
    ma perchè?
    Come per la narrativa italiana, anche quella francese ha la fortuna di poter contare su una lingua fantastica (mica come l'inglese che ha tre parole in croce) e quindi quando si leggono frasi create da uno scrittore capace, c'è solo da goderne.
    Un Giorno Cose Terribili è quindi scritto molto bene, con descrizioni e ambientazioni gestite con maestria e bravura.
    Quello che ha faticato a convincermi è la storia.
    Laville Saint Jour, piccola cittadina francese nascosta nella nebbia per gran parte dell'anno. I suoi abitanti hanno imparato a conoscerla e a volte ad amarla, ma siamo sicuro che dietro quella nebbia non si nasconda nessuno? E che proprio gli abitanti di Laville non abbiano un segreto mostruoso da nascondere? Forse la nebbia non è solo acqua, prende delle strane forme andando a ricordare tutti i bambini morti nei tempi.
    La narrazione dice poco e non ha nessuna particolarità. Le concatenazioni mi son sembrate poco studiate e si arriva alla fine... contenti di girare l'ultima pagina.
    Il finale, per quanto inaspettato in alcune parti e appoggiando alcune scelte dello scrittore, non mi ha esaltato eccezionalmente.
    In definitiva quindi... scritto bene, belle le ambientazioni e la scelta del paese (non son sicuro che Laville Saint Jour esista davvero, google non ne parla e ammetto di non aver avuto la voglia di andare oltre la seconda pagina di link) ma la storia è troppo terra terra, con momenti di spiritismo e stregoneria che se non trattati davvero bene, è facile che si cada nel banale.

    Is this helpful?

    dampy said on Apr 6, 2012 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Irreale, cupo, personaggi degni della "protagonista" del loro paese, la nebbia. Mi è piaciuto,sopratutto l'ultima metà del libro. A volte si cade nello scontato, ma non per questo non è degno di interesse. E' come dire una lettura poco impegnativa ch ...(continue)

    Irreale, cupo, personaggi degni della "protagonista" del loro paese, la nebbia. Mi è piaciuto,sopratutto l'ultima metà del libro. A volte si cade nello scontato, ma non per questo non è degno di interesse. E' come dire una lettura poco impegnativa che ti coinvolge.

    Is this helpful?

    Lady Starlight said on Mar 4, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (214)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 441 Pages
  • ISBN-10: 8820045419
  • ISBN-13: 9788820045418
  • Publisher: Sperling & Kupfer (Narrativa; 489)
  • Publish date: 2008-06-01
Improve_data of this book

Collection with this book