Un giorno della mia vita

L'inferno del carcere e la tragedia dell'Irlanda in lotta

Voto medio di 571
| 71 contributi totali di cui 70 recensioni , 1 citazione , 0 immagini , 0 note , 0 video
Uno dei momenti cruciali della lotta per la libertà in Irlanda del Nord attraverso la testimonianza di un militante morto nel 1981 in carcere dopo sessantasei giorni di sciopero della fame.Attraverso il lucido e impietoso resoconto di “un giorno dell ...Continua
DwayneHistomp
Ha scritto il 01/02/16
Drammatico
Ci sono storie dimenticate. Una di questa è la lotta irlandese. Soprattutto per tutti quelli che considerano la civilissima Gran Bretagna come un evolutissimo modello di sviluppo e democrazia, in un’immagine che cozza tragicamente con la realtà dei f...Continua
Paranoid John
Ha scritto il 29/03/15
Un giorno della mia vita

diario dal carcere dell'attivista Bobby Sands e dei suoi compagni di lotta. Storie di soprusi e sofferenze tra le mura delle carceri controllate dal governo inglese, in quel di Belfast.
Un libro essenziale.

Bobby
Ha scritto il 06/12/14
Spesso leggo perché sono ignorante. Questo libro è stato il regalo di un amico per via di un mio lungo viaggio in Irlanda fatto quest'estate. Mi ha detto: "Non puoi non conoscere la storia di Bobby Sands." Non sapevo chi fosse e il libro mi ha levato...Continua
Arcadia
Ha scritto il 10/10/14
Avevo molta fame. Sembravo uno scheletro rispetto a quello che ero stato un tempo, ma questo non aveva importanza. L'unica cosa che importava era continuare a resistere. Mi girai di nuovo. Il freddo mi stava penetrando tutto. "Non c'è nulla nel loro...Continua
Massimo Carcano
Ha scritto il 13/03/14
Un pugno nello stomaco
Ero un bambino quando sentivo parlare di Bobby Sand e del suo sciopero della fame e andavo all'università quando studiavo la questione irlandese. Però questo libro è stato un vero e proprio pugno nello stomaco. La durezza e l'infamia della repression...Continua

nenetm
Ha scritto il Dec 19, 2014, 00:28
Mi venne in mente un film che avevo visto quand'ero piccolo, ambientato in un campo di concentramento nazista in inverno. Ricordo ancora che ne ero rimasto impressionato, ma mi ero sentito al sicuro, seduto sulla mia sedia accanto al fuoco. Avevo pen...Continua
Pag. 64

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi