Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un indovino mi disse

Ediz

Di

Editore: TEA

4.3
(4407)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 644 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Polacco , Portoghese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8850213964 | Isbn-13: 9788850213962 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Biography , Religion & Spirituality , Travel

Ti piace Un indovino mi disse?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel 1976 un indovino cinese avverte Tiziano Terzani, corrispondente dello"Spiegel" dall'Asia: "Attento. Nel 1993 corri un gran rischio di morire. Inquell'anno non volare mai". Nel 1992 Terzani si sente stanco, dubbioso sulsenso del suo lavoro. Gli torna in mente quella profezia e la vede comeun'occasione per guardare il mondo con occhi nuovi. Decide di non prendereaerei per un anno, senza rinunciare al suo mestiere. Il risultato diquell'esperienza è un libro che è insieme romanzo d'avventura, autobiografia,racconto di viaggio e reportage.
Ordina per
  • 4

    Un viaggio lungo un anno senza prendere aerei.
    L'oriente più nascosto e quello più scoperto.
    Libro pieno di riflessioni, lucide, a volte distaccate ma ugualmente sentite.
    Terzani mi piace perché non g ...continua

    Un viaggio lungo un anno senza prendere aerei.
    L'oriente più nascosto e quello più scoperto.
    Libro pieno di riflessioni, lucide, a volte distaccate ma ugualmente sentite.
    Terzani mi piace perché non giudica troppo.
    E osserva.

    ha scritto il 

  • 2

    Sopravvalutato

    Il libro parte bene ma presto diventa lento noioso e ripetitivo (le storie degli indovini sono tutte uguali).
    Anche le critiche di Terzani sul progresso, sul capitalismo sono fine a se stesse, l'argom ...continua

    Il libro parte bene ma presto diventa lento noioso e ripetitivo (le storie degli indovini sono tutte uguali).
    Anche le critiche di Terzani sul progresso, sul capitalismo sono fine a se stesse, l'argomento non viene mai approfondito, non vengono mai proposte delle credibili alternative.
    Il fatto che Terzani è diventato una sorta di guru mi lascia alquanto perplesso.

    ha scritto il 

  • 5

    un anno di viaggi, con mezzi alternativi all'aereo, portano il grande viaggiatore Terzani a raccontarci luoghi e persone, percorsi, incontri, storie. Ricco di storia e colori, di vita, leggendo ti sem ...continua

    un anno di viaggi, con mezzi alternativi all'aereo, portano il grande viaggiatore Terzani a raccontarci luoghi e persone, percorsi, incontri, storie. Ricco di storia e colori, di vita, leggendo ti sembra di essere lì con lui, ad osservare quegli occhi, ad ascoltare.

    ha scritto il 

  • 3

    3 vecchie stelle (7/10)

    signora mia, come si stava meglio quando si stava peggio!

    Un sacco di sagge banalità, piuttosto superficiale e al quinto veggente ero arcistufissima. Perché Terzani è diventato un idolo dei nostrani ...continua

    signora mia, come si stava meglio quando si stava peggio!

    Un sacco di sagge banalità, piuttosto superficiale e al quinto veggente ero arcistufissima. Perché Terzani è diventato un idolo dei nostrani radical chic? Devo dargli un'altra chance perché non mi spiego.

    ha scritto il 

  • 4

    Non importa, pazienza, lascia stare, perchè preoccuparsi?

    E' stata una lettura insolita per me che sono abituato a leggere romanzi gialli, thriller e da poco anche fantasy e fantascienza. Non avrei mai pensato di poter leggere un libro scritto da un giornali ...continua

    E' stata una lettura insolita per me che sono abituato a leggere romanzi gialli, thriller e da poco anche fantasy e fantascienza. Non avrei mai pensato di poter leggere un libro scritto da un giornalista e probabilmente non mi capiterà mai più. Il titolo mi ha colpito in mezzo ad altri mille e una volta letto la trama mi sono convinto all'acquisto. Ho viaggiato insieme a Terzani in questa sua bizzarra avventura. Alcune parti mi hanno annoiato a dire il vero, ma in generale il libro mi è piaciuto moltissimo. Quando l'ho finito ho fatto un giro sul web per vedere le immagini dei posti che lui ha toccato e annusato, compresa anche l'ormai mitica Turtle House dove ha vissuto con la famiglia.

    "Si invecchia, il mondo cambia, e la malinconia del passato ci fa apparire brutto il presente e terrificante il futuro"
    "La televisione fa vedere il resto del mondo e tutti vogliono diventare come tutti. E' triste, ma è così."

    ha scritto il 

  • 5

    solo Terzani ne è capace

    già solo lui... solo lui riesce a sfruttare una profezia per sfruttare a pieno un anno della sua vita in modo vero ed intenso. ti porta con lui con i suoi racconti, ti fa vivere il suo vissuto, ti fa ...continua

    già solo lui... solo lui riesce a sfruttare una profezia per sfruttare a pieno un anno della sua vita in modo vero ed intenso. ti porta con lui con i suoi racconti, ti fa vivere il suo vissuto, ti fa emozionare con i suoi sentimenti.

    ha scritto il 

  • 3

    Forse ho letto questo libro troppi anni dopo la sua pubblicazione ma non mi è piaciuto nè il modo di raccontare nè i fatti narrati. Lo spunto della narrazione era molto intrigante - la descrizione di ...continua

    Forse ho letto questo libro troppi anni dopo la sua pubblicazione ma non mi è piaciuto nè il modo di raccontare nè i fatti narrati. Lo spunto della narrazione era molto intrigante - la descrizione di un anno trascorso senza prendere aerei per la profezia fatta da un indovino che predisse che Terzani sarebbe morto se avesse preso aerei nel 93 - purtroppo lo spunto si esaurisce nelle prime 100 pagine e quel che avanza è di una noia mortale. Sarebbe stato un grande racconto.

    ha scritto il 

Ordina per