Un indovino mi disse

di | Editore: TEA
Voto medio di 4897
| 627 contributi totali di cui 537 recensioni , 90 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Nella primavera del 1976, a Hong Kong, un vecchio indovino cinese avverte l’autore di questo libro: «Attento! Nel 1993 corri un gran rischio di morire. In quell’anno non volare. Non volare mai». Dopo tanti anni Terzani non dimentica la ...Continua
Ha scritto il 30/08/17
Un indovino mi disse
Tiziano Terzani in Asia: una storia lunga una vita. Ma è Terzani a raccontarci l'Asia o è l'Asia che ci racconta Terzani? Difficile dirlo, tanto forte è il legame che quest'uomo ha deciso di stringere, fin dal 1965, con il più contraddittorio e ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 28/08/17
avendo in mente il Terzani "santone laico" come è stato dipinto nell'ultima parte della sua vita mi ha abbastanza sorpreso scoprire il giornalista attento, l'osservatore scettico, il narratore appassionato e preciso.il lungo viaggio descritto in ...Continua
Ha scritto il 19/08/17
Puo'un "fiorentino scettico" ,come si definiva Terzani, credere a un indovino? Si e no, in effetti. Seppe sfruttare la profezia che gli intimava di non prender mai un aereo per l'intero 1993 a suo favore: perché non cercare di raccontare l'Asia da ...Continua
Ha scritto il 14/08/17
Per me, appassionato di libri, di viaggi, di esperienze quanto mai differenti dalla nostra vita quotidiana, questo libro è una unione di tutte queste cose e lo consiglio a chi vuole leggere dell'Est, a chi vuole leggere di viaggi, a chi vuole ...Continua
Ha scritto il 23/06/17
Molto bello. L'essenza del Viaggio con la V maiuscola.Talvolta un po' lento, ma questa è proprio la bellezza del libro: niente aerei, niente frenesia, la ricerca di quell'anima orientale nascosta nella culla dell'Asia ormai travolta dallo stile di ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jun 17, 2017, 18:31
Allo stesso modo io evitai di farmi sedurre da Singapore andando a vederla, appena alzata, senza trucco, dalla parte sbagliata e impreparata della sua faccia.
Pag. 187
Ha scritto il Jun 17, 2017, 18:27
La stazione, invece, aveva un'aria cadente che mi piacque. Quando fu costruita, negli anni '20, fu tutta pavimentata e piastrellata di gomma colorata che attutiva i suoni. Alla silenziosa eleganza di quei tempi s'era aggiunta nel frattempo la ...Continua
Pag. 188
Ha scritto il Jun 17, 2017, 18:23
< Quello di cui hai pauraè la paura e non gli aerei.Se vuoi non aver paura,devi volare.Siediti su un aereoconvinto che niente succederà,e niente succederà.Il suo modo di parlare era straordinario. Ogni frase era come il verso di una poesia ...Continua
Pag. 210
Ha scritto il Jun 17, 2017, 18:12
Rajamanickam parlava, il mio registratore girava, io prendevo automaticamente delle note e la mia mente giocava con le parole che venivano da lui. Sentivo che in fondo aveva ragione. Non che mi aspettassi una vita migliore di quella che ho fatto, ma ...Continua
Pag. 217
Ha scritto il Jun 17, 2017, 17:26
E l'arte, quella scorciatoia alla percezione di grandezza? Anche lei non aiuta più la gente a capire l'essenza delle cose. La musica sembra ormai fatta per arrivare alle orecchie, non all'anima; la pittura è spesso un'offesa agli occhi; la ...Continua
Pag. 260

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi