Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un infinito numero

By Sebastiano Vassalli

(356)

| Hardcover | 9788806173241

Like Un infinito numero ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Timodemo, ex schiavo di origine greca, racconta di quando accompagnò il suopadrone e Mecenate in terra etrusca per scoprire le origini di Roma, cheVirgilio, per volere di Augusto, avrebbe dovuto immortalare in un grandepoema. Giunti nella citt Continue

Timodemo, ex schiavo di origine greca, racconta di quando accompagnò il suopadrone e Mecenate in terra etrusca per scoprire le origini di Roma, cheVirgilio, per volere di Augusto, avrebbe dovuto immortalare in un grandepoema. Giunti nella città sacra di Sacni, i due cives romani e il libertoriescono a essere ammessi nei sotterranei del tempio di Mantus. Attraverso unrito esoterico, in una sola notte rivivono circa mille anni di storia: losbarco nel Lazio degli scampati da Troia, gli eccidi, gli stupri e itradimenti del sanguinario Enea e dei suoi uomini, la mescolanza etnica chediede vita alla civiltà etrusca, la nascita delle 12 città confederate e dellatredicesima, Roma, mai riconosciuta dalle altre perchè fondata da banditi.

44 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Accompagnati da Timodemo,schiavo liberato nato in Grecia a nauplia poi scrivano di Virgilio, viaggiamo nel tempo e nei luoghi di quella che chiamiamo la ns cultura classica, scoprendo - grazie alla magica scrittura di Vassalli - un'Etruria e un passa ...(continue)

    Accompagnati da Timodemo,schiavo liberato nato in Grecia a nauplia poi scrivano di Virgilio, viaggiamo nel tempo e nei luoghi di quella che chiamiamo la ns cultura classica, scoprendo - grazie alla magica scrittura di Vassalli - un'Etruria e un passato vivo e presente come raramente abbiamo la grazia di percepire. E come non bastasse, leggera, si insinua la domanda se l'inconsapevolezza del tempo e del suo passare non abbia un suo valore.

    Is this helpful?

    latona said on Aug 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho un bellissimo ricordo di questo libro. In una calda estate bolognese venni rapito in estasi dallo spirito di uno scrittore che mi trasportò in un indimenticabile viaggio nel tempo...

    Is this helpful?

    Giampy said on May 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo breve e piacevole, non l'ho trovato mai pesante e mi è piaciuta molto la parte centrale, in cui i protagonisti visitano il passato del popolo etrusco, rivivendone i momenti più importanti.

    Is this helpful?

    Arya said on Feb 28, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Perché questo libro, che riflette a fondo sul senso della scrittura e della memoria, ha ricevuto un'accoglienza tiepida anche tra gli estimatori di Vassalli? Non so dirlo. Io ci ho ritrovato la sua affabulazione come sempre radicata nella storia, i s ...(continue)

    Perché questo libro, che riflette a fondo sul senso della scrittura e della memoria, ha ricevuto un'accoglienza tiepida anche tra gli estimatori di Vassalli? Non so dirlo. Io ci ho ritrovato la sua affabulazione come sempre radicata nella storia, i suoi personaggi così vivi e la vita di un'epoca lontanissima. Il viaggio immaginifico di Virgilio e Mecenate, assieme al liberto Timodemo, nell'Etruria e nei segreti dei suoi dei, che costituisce il cuore e il senso del romanzo, è tracciato con la grazia e la sicurezza di un grande narratore. Le voci di un passato cruento riemergono a brandelli e raccontano di una civiltà che ha rifiutato di consegnare la sua esistenza alla storia scritta. Vassalli parte da qui, dalla domanda di fondo sul perché gli etruschi, pur conoscendo lingua e scrittura, non abbiano lasciato tracce sulla loro origine, per ricreare (sulla base, però, di ipotesi reali) questa storia negata e, anche, per guardare alla scrittura dal suo rovescio. La scrittura, alla quale la nostra cultura ci ha abituato a pensare come baluardo della memoria, è o può essere anche ciò che distrugge e uccide la storia. E, a pensarci bene, poiché ogni scrittore sceglie cosa affidare o meno al futuro, allo stesso tempo condanna ciò che resta all'oblio. Ma questa tensione non resta teorica: Vassalli la incarna nel suo Virgilio, alle prese con l'Eneide. E' il tormento dell'autore, cui Augusto mette fretta per avere finalmente il "suo" poema epico, che il romanzo mette in scena, come dubbio possibile di chiunque - anche oggi - affida alle pagine le proprie parole e, con esse, tutto un mondo.

    Is this helpful?

    Chicca said on Nov 25, 2013 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Avrei voluto dare come voto 3 e 1/2, ma non potendo ho optato per 4 stelle. Libro originale, interessante che sicuramente stimola la curiosità ad approfondire la storia degli etruschi e non solo. Nell'immediatezza mi è piaciuta più la prima parte, pe ...(continue)

    Avrei voluto dare come voto 3 e 1/2, ma non potendo ho optato per 4 stelle. Libro originale, interessante che sicuramente stimola la curiosità ad approfondire la storia degli etruschi e non solo. Nell'immediatezza mi è piaciuta più la prima parte, perchè più concreta e dinamica, la seconda parte, più riflessiva e fantastica, l'ho apprezzata dopo un po' che avevo terminato il libro.

    Is this helpful?

    Poldobix said on Nov 5, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    ...tutti gli stati che questo mondo può raggiungere, li ha già raggiunti, e non una sola volta, ma un infinito numero di volte...

    ... mi abituai a guardare il mondo con cento occhi, anziché con i miei due soli, e a sentire nella mia testa cento pens ...(continue)

    ...tutti gli stati che questo mondo può raggiungere, li ha già raggiunti, e non una sola volta, ma un infinito numero di volte...

    ... mi abituai a guardare il mondo con cento occhi, anziché con i miei due soli, e a sentire nella mia testa cento pensieri diversi, anziché il mio solo pensiero. Diventai consapevole di me stesso e degli altri. Gli uomini, senza la lettura, non conoscono che una piccolissima parte delle cose che potrebbero conoscere. Credono di essere felici perché fottono, si riempiono le pance di cibo e di vino e addolciscono le loro vite con questi piaceri, assolutamente uguali per tutti; ma la lettura gli darebbe cento, mille vite, e una sapienza ed un dominio sulle cose del mondo che appartengono solamente agli dei...

    Is this helpful?

    ellelibon said on Jun 2, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (356)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Hardcover 258 Pages
  • ISBN-10: 8806173243
  • ISBN-13: 9788806173241
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2005-01-01
  • Also available as: Paperback , Others
Improve_data of this book