Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un jour cette douleur te servira

By

3.8
(5266)

Language:Français | Number of pages: 229 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) Italian , English , German , Spanish

Isbn-10: 2743618191 | Isbn-13: 9782743618193 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Aimez-vous Un jour cette douleur te servira ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    È un diario redatto da un adolescente di 18 anni.
    James è un ragazzo di 18 anni, figlio di genitori separati, vive con la mamma e la sorella.
    Ha un rapporto speciale con la nonna, sua amica/confidente ...continuer

    È un diario redatto da un adolescente di 18 anni.
    James è un ragazzo di 18 anni, figlio di genitori separati, vive con la mamma e la sorella.
    Ha un rapporto speciale con la nonna, sua amica/confidente, ogni volta che ha un problema si rifugia da lei, lo conforta e l'ascolta senza fare domande.
    Non ha amici, non si trova bene con i suoi coetanei li ritiene stupidi.
    Ha un carattere chiuso, si confronta solo con John e la nonna.
    John è un operaio della galleria della madre, complice di marachelle.
    Trova conforto solo nella lettura, su questo punto rispecchia un po' me stessa...
    Si sente fuori posto e anche questo mi rispecchia; non si sente capito da nessuno, solo la nonna riesce a farlo parlare, perché si sente capito e non giudicato.
    I genitori, non riuscendolo a capire, decidono di mandarlo da una psicologa.
    Viene raccontato passo dopo passo emozioni, rabbia e problematiche che molti adolescenti hanno.
    Come ho già detto sopra molte cose mi hanno fatto pensare a me stessa, a quell'età, nelle difficoltà ad inserirmi...
    Voto 8/10

    dit le 

  • 0

    Perché nella vita bisogna per forza "dover far qualcosa"? Perché le persone, con la presunzione di conoscerti, pensano di sapere cosa è giusto per te? Perché non si può piu sbagliare a questo mondo? E ...continuer

    Perché nella vita bisogna per forza "dover far qualcosa"? Perché le persone, con la presunzione di conoscerti, pensano di sapere cosa è giusto per te? Perché non si può piu sbagliare a questo mondo? Ecco questo libro fa tutte queste domande e tutte queste domande me le faccio anche io tutti i giorni..

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    2

    mah.. non è niente che... è una storia come un'altra, e non riesco nemmeno a individuare una trama ben definita... è la storia di un ragazzo che preferisce stare da solo e non ama la compagnia. perciò ...continuer

    mah.. non è niente che... è una storia come un'altra, e non riesco nemmeno a individuare una trama ben definita... è la storia di un ragazzo che preferisce stare da solo e non ama la compagnia. perciò non vuole andare all'università ma tutti cercano di persuaderlo e alla fine ci riescono. è la storia di un ragazzo che ha fatto una bravata e che in precedenza ha avuto un "attacco di panico" (se così si può definire). è la storia di un ragazzo costretto dai genitori ad andare da una psichiatra odiosa, ed è la storia di un ragazzo che vuole bene a sua nonna più di tutti e a cui si confida fino a che lei muore. insomma, in conclusione, è una storia come tante altre.

    dit le 

  • 4

    A James, il suo giovane Holden, Cameron non fa dire che il divorzio dei genitori lo ha rovinato, devastato. Gli fa dire che lo ha deluso. E quando a stretto contatto con i suoi simili, troppo stretto ...continuer

    A James, il suo giovane Holden, Cameron non fa dire che il divorzio dei genitori lo ha rovinato, devastato. Gli fa dire che lo ha deluso. E quando a stretto contatto con i suoi simili, troppo stretto per lui, il ragazzo mette la mano sul fuoco della sua originalità, grasso terreno di solitudine, ne prova si' dolore ma non si lascia incenerire. " Mi ha fatto desiderare [...] di non essere vivo": è un sussurro alternativo all'urlo di volerla fare finita. Il dolore lo fa divincolare dalla vita per un attimo, solo per un attimo.
    Con un disincanto sorridente e melanconico Cameron nutre una storia e percorre una scrittura che sa di terza strada tra la tragedia e la stessa ribaltata in farsa.
    Un romanzo di formazione, per i lettori.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Cameron meglio di Salinger!

    ”A volte le brutte esperienze aiutano, servono a chiarire che cosa dobbiamo fare davvero. Forse ti sembro troppo ottimista, ma io penso che le persone che fanno solo belle esperienze non sono molto in ...continuer

    ”A volte le brutte esperienze aiutano, servono a chiarire che cosa dobbiamo fare davvero. Forse ti sembro troppo ottimista, ma io penso che le persone che fanno solo belle esperienze non sono molto interessanti. Possono essere appagate, e magari a modo loro anche felici, ma non sono molto profonde.”

    Sull’utilità del dolore ho sempre nutrito molte perplessità però è anche vero che trovare la propria strada nel mondo non sempre è facile, soprattutto se non si trovano affinità con i propri coetanei e non si ha una famiglia solida e presente su cui contare.
    James Sveck racconta in queste pagine la sua vita di diciottenne che non vuole adattarsi ad un mondo e ad una società che non sopporta. Lo fa isolandosi, preferendo il silenzio alle parole (bisognerebbe parlare solo se si ha da dire qualcosa di interessante o di necessario). L’unica persona con cui riesce a comunicare è sua nonna Nanette, forse perché anche lei è un po’ anticonformista o forse solo perché è l’unica che non lo vorrebbe diverso da come è ma semplicemente lo aiuta a guardarsi dentro.
    Avevo già visto il film di Faenza, perciò la trama non mi era nuova. Le differenze sono molte, alcune ininfluenti ai fini della storia altre forse dettate da esigenze cinematografiche (una psicanalista fighetta fa più effetto di quella triste e incapace descritta da Cameron), quella del finale però cambia tutto, prima non lo sapevo perché non conoscendo la storia scritta da Cameron mi ero illusa che il messaggio che Nanette lascia al nipote lo avrebbe aiutato a costruirsi il suo futuro. In realtà quel messaggio non c’è mai stato, James, probabilmente in seguito a tutti gli avvenimenti descritti nel libro, ad un certo punto capisce che deve muoversi pur non avendo certezze su cosa il futuro serberà per lui.

    «Le persone felici cucinano bene e creano cose eleganti. Chi è felice non ha voglia di mangiare carne in scatola e frattaglie tritate. Ha voglia di mettere un vestito che gli doni, non scarpe vecchie e golfoni. Forse lo stato d'animo non influisce sul clima, ma non è detto».

    Ci sono persone che si sentono a disagio se stanno in silenzio e si affrettano a riempirlo pensando che qualsiasi cosa sia meglio di niente, ma io non sono così. Io in silenzio mi sento a mio agio […]

    dit le 

  • 3

    Un futuro migliore

    La vita non è quasi mai una cosa semplice e di certo non lo è a diciotto anni, quando tutto appare proprio come un grande dilemma e il mondo sembra parlare una lingua completamente ignota e ci si sent ...continuer

    La vita non è quasi mai una cosa semplice e di certo non lo è a diciotto anni, quando tutto appare proprio come un grande dilemma e il mondo sembra parlare una lingua completamente ignota e ci si sente soli ed estranei a tutto quello che ci capita intorno ma solo in pochi riescono a comprendere il vero significato di tutta quella sofferenza, necessaria per crescere e per diventare un domani delle persone certamente migliori.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Ni...

    Per quanto riesca ad immedesimarmi in James e nella sua totale sfiducia verso un mondo nel quale non si rispecchia e di cui razionalmente non vuol far parte, l'ho trovato a lungo andare fastidioso. Co ...continuer

    Per quanto riesca ad immedesimarmi in James e nella sua totale sfiducia verso un mondo nel quale non si rispecchia e di cui razionalmente non vuol far parte, l'ho trovato a lungo andare fastidioso. Come lui, a volte, mi capita di condividere il pensiero secondo cui siamo immersi nella mediocrità: non è presunzione, ma è la capacità di guardare lucidamente con occhi obiettivi ciò che ci circonda, capacità che non posseggono tutti. E quello che ci circonda, purtroppo, è spesso e volentieri un ammasso di persone e situazioni tutte quante stereotipate, svuotate di ogni contenuto. Ciononostante, è evidente che James avverta quanto questo 'potere' sia una lama a doppio taglio: è un escluso, anzi, si autoesclude dal mondo poiché sente di non essere capace di reggerne le dinamiche. Se da un lato fa di tutto per non conformarsi ai 'costumi' di una società banale ed ipocrita, dall'altro sa che non conformarsi significa vivere da eremiti, essere soli. E questo lo dilania.
    Eppure, è un personaggio che mi ha preso poco, forse proprio perché mi ricorda tanto una versione estremizzata di me stesso. Forse non bisognerebbe giudicare un libro da questo particolare, ma essendo raccontato addirittura in prima persona ha fatto sì che non vedessi l'ora di finirlo e di porre fine ai continui piagnistei di un ragazzo tanto brillante quanto infantile e capriccioso per alcuni versi.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Credo di aver sbagliato completamente l'età di lettura, nel senso che la fase dei (meravigliosi?) 18 anni l'ho passata da un bel pezzo e quindi ho un po' dimenticato il disagio che probabilmente tutti ...continuer

    Credo di aver sbagliato completamente l'età di lettura, nel senso che la fase dei (meravigliosi?) 18 anni l'ho passata da un bel pezzo e quindi ho un po' dimenticato il disagio che probabilmente tutti abbiamo vissuto in quel periodo per capire bene quale sarebbe stato il nostro posto.
    Sì perché con il senno di poi, ora che so qual'è (stata) la mia strada, è tutto più facile, circa.... però all'epoca non sapevi cosa fare, le persone che ti stavano attorno avevano riposto in te delle aspettative, e tu ne portavi già il fardello, e poi dovevi capire bene anche tu chi eri e cosa ti aspettavi da te stesso.
    Questo a molti può essere sembrato un libro assolutamente assurdo e inconcludente, il fatto è che lo erano anche i 18 anni (i miei quanto meno lo sono stati)... sembravo in balia della tempesta intervallata da una quiete molto strana che presagiva una tempesta peggiore di quella precedente.
    Il libro rappresenta proprio questo, un ragazzo che cerca di capire chi è, cosa prova, quali sono i suoi obiettivi, e che strada prendere, inquieto anche a causa della famiglia disastrosa che si ritrova (papà e mamma separati, mamma al terzo matrimonio durato praticamente meno della luna di miele, sorella che se la fa con un prof sposato con figli). Nel momento di formazione questa situazione non è che aiuti molto a dare certezze e a far camminare un ragazzo appena diciottenne con le proprie gambe.
    Se poi ci mettiamo il fatto che lui sa di essere omosessuale, e i genitori vogliono saperlo per "aiutarlo", abbiamo un'ulteriore problema che si affaccia.
    L'unica persona che sembra rispettarlo è la nonna, che in qualche modo vuole parlare veramente con lui non solo sapere i fatti suoi per giudicarlo.
    Insomma niente di che direi, anche se scorre bene e ha ottimi spunti di lettura!!!

    Comunque il protagonista lo capisco quando dice di non voler andare all'università perché non gli piace l'idea di stare con i suoi coetanei, io quella fase l'ho avuta all'asilo: odiavo gli altri bambini, odiavo i giochi che facevano che erano da bambini ma molto insulsi, odiavo il fatto che mettessero tutto in disordine, odiavo il fatto che urlassero. Insomma odiavo tutto e tutti, e infatti ho smesso di andarci, e per la mia esperienza sono cresciuta serena e felice e se potessi tornare indietro probabilmente ci andrei per eliminarne qualcuno ;)

    dit le 

  • 0

    Bruttissimo

    Ho comprato questo libro perchè mi sono fidata delle recenzioni positive. Purtroppo, ma devo essere io che non capisco un tubo, non mi è piaciuto per niente.
    E' una storia insulsa, scritta male, che n ...continuer

    Ho comprato questo libro perchè mi sono fidata delle recenzioni positive. Purtroppo, ma devo essere io che non capisco un tubo, non mi è piaciuto per niente.
    E' una storia insulsa, scritta male, che non sa di niente e che non raacconta niente.
    Delusione allo stato puro.

    dit le 

  • 5

    Il mio Holden

    Se l'unico problema che ho avuto nel leggere "Il giovane Holden" è stata la lontananza del periodo in cui è stato scritto, Cameron è qui e parla anche per me. Credevo che avrei odiato questo libro e i ...continuer

    Se l'unico problema che ho avuto nel leggere "Il giovane Holden" è stata la lontananza del periodo in cui è stato scritto, Cameron è qui e parla anche per me. Credevo che avrei odiato questo libro e invece l'ho adorato, il che è sempre una piacevolissima sorpresa. Comunque concludere un libro per adolescenti insicuri con una domanda è quantomeno sleale. Sciagura e disonore su di te, Cameron!

    dit le 

Sorting by
Sorting by