Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un manifesto hacker

Lavoratori immateriali di tutto il mondo unitevi!

Di

Editore: Feltrinelli

3.4
(27)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 178 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807171082 | Isbn-13: 9788807171086 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Marco Deseriis

Ti piace Un manifesto hacker?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Negli ultimi decenni, due filoni di pensiero critico e radicale si sono spessoaffiancati senza mai trovare una sintesi comune. Da una parte la critica dellemerci, della società dello spettacolo e della globalizzazione propria delpensiero neomarxista, dall'altra la critica alla società digitale, lademocrazia dell'informazione che invece ha connotato il pensiero libertario ehacker. Il punto di partenza dell'analisi di McKenzie è che la società attualeè contrassegnata dalla presenza di una nuova classe, che in sé comprende nonsolo gli hacker veri e propri, ma anche i creativi e i produttori di "visioni"a vario titolo, in sintesi i lavoratori immateriali e i lavoratori del ciclodi produzione di merci legati alla conoscenza.
Ordina per
  • 5

    Dire che attualizza la teoria della lotta di classe è riduttivo. L'interpretazione di McKenzie è originale, pur essendo intrisa di marxismo. E' un libro da leggere necessariamente per integrare la propria percezione della realtà sociale in cui viviamo, dell'epoca tardo-capitalista e della produzi ...continua

    Dire che attualizza la teoria della lotta di classe è riduttivo. L'interpretazione di McKenzie è originale, pur essendo intrisa di marxismo. E' un libro da leggere necessariamente per integrare la propria percezione della realtà sociale in cui viviamo, dell'epoca tardo-capitalista e della produzione di informazione nell'Information Society.
    Un libro militante ma non propagandistico, scritto con un linguaggio che ricorda i migliori trattati teorico-politici dei tempi andati (Marx, Bakunin...) nei contenuti, ma che possiede una forma (la divisione dei contenuti in capitoli e paragrafi) tipica dello scrivere per internet.

    A prescindere dalla condivisibilità della prospettiva, è un capolavoro d'intelletto come non se ne vede da ere, a seguito della pretesa di "scientificizzare" ogni pensiero, pretesa che ci ha privati del piacere di trattati teorico-filosofici anche militanti, ma che siano espressione di un pensiero che rifiuta di incarnarsi in una "forma scientifica" per acquisire autorevolezza. Qualità ed autorevolezza di questo testo non dipendono da dati e citazioni, ma dalla qualità del pensiero.
    Chiudo citando l'ultimo paragrafo:

    "In questi tempi faticosi, quando anche l'aria svanisce nelle onde elettromagnetiche, dove tutto ciò che è profano viene impacchettato come se fosse profondo, emerge ancora la possibilità di hackerare le pure apparenze e di fuggire con loro. Ci sono altri mondi e sono questo qui".

    ha scritto il