Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un mestiere chiamato desiderio

Interviste sull'arte del teatro

Di ,,,,

Editore: Minimum Fax (Filigrana, 18)

3.3
(9)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 219 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8886568681 | Isbn-13: 9788886568685 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Claudia Di Giacomo , Valerio Piccolo ; Intervistatore: Olga Carlisle , Shusha Guppy , Rose Styron , Dotson Rader , Lawrence Shainberg , Lawrence M. Bensky

Ti piace Un mestiere chiamato desiderio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questo libro cinque grandi drammaturghi parlano di sé, della loro ascesa, della scrittura teatrale, del mestiere di regista, del mestiere di attore, dell'amore, e forniscono un quadro vivo, toccante e a volte scandaloso, sempre sorprendente di quella che ancora oggi, a venticinque secoli dalla nascita, è la forma d'arte più vicina alla corporeità, alla complessità, all'incertezza e alla difficoltà anche tecnica dell'esistenza umana.
Ordina per
  • 3

    tesoretto trovatollo

    da tempo lo cercavo, alla minimum lo davano fuori collana da un pezzo, e finalmente nel mercatino di turno m'è saltato in braccio!


    una collazione di interviste ai maggiori drammaturtur del XX sec., forse quello che manca è una maggiore organicità. Cosa lega Ionesco a Pinter? E Williams a ...continua

    da tempo lo cercavo, alla minimum lo davano fuori collana da un pezzo, e finalmente nel mercatino di turno m'è saltato in braccio!

    una collazione di interviste ai maggiori drammaturtur del XX sec., forse quello che manca è una maggiore organicità. Cosa lega Ionesco a Pinter? E Williams a Beckett?

    vien da pensare che l'editore si sia trovato in mano i diritti per queste interviste e li abbia messi in un unico volume.

    L'intervista a Ten Williams è quella meno interessante per il lavoro teatrale strettamente inteso, sfociando spesso nel gossip da parte del nostro, inoltre la traduzione sembra un po' claudicante rispetto alle altre

    se ne evince una comune ignoranza per quanto riguarda il LA di ciascuna pièce, come se giungesse da un altro mondo, e questo meccanismo m'è noto

    ha scritto il