Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un onorevole siciliano

Le interpellanze parlamentari di Leonardo Sciascia

Di

Editore: Bompiani

4.0
(131)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845263517 | Isbn-13: 9788845263514 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace Un onorevole siciliano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Leonardo Sciascia venne eletto, con i radicali, deputato al Parlamento italiano e a quello europeo nel 1979. Optò per il Parlamento italiano. Venne incluso nella Commissione Esteri, ma soprattutto s'impegnò nella Commissione d'inchiesta per il caso Moro. In proposito, presentò una sua relazione di minoranza. Restò in Parlamento fino al gennaio 1983. Durante questi anni presentò 11 interpellanze. Tutte risultano ancora oggi di una sconcertante attualità, come quelle sul decreto contro il terrorismo, sulla lotta alla mafia, sulle tangenti, sull'uccisione del giudice Giaccio Montalto. Andrea Camilleri ce le racconta, mettendole a disposizione dei lettori italiani.
Ordina per
  • 5

    Spettacolare. Non tanto per i commenti di Camilleri (utili per contestualizzare le interpellanze), quanto per la "solita" prosa di Sciascia. "Solita" in quanto sia che si tratti di romanzi, saggi, articoli etc riesce a essere limpida, arguta, straight to the point.
    Leggerlo è sempre un rifa ...continua

    Spettacolare. Non tanto per i commenti di Camilleri (utili per contestualizzare le interpellanze), quanto per la "solita" prosa di Sciascia. "Solita" in quanto sia che si tratti di romanzi, saggi, articoli etc riesce a essere limpida, arguta, straight to the point.
    Leggerlo è sempre un rifarsi gli occhi.

    ha scritto il 

  • 4

    Premetto che il libro mi è stato regalato solo perchè fan di Camilleri e non si vive di solo Montalbano!!
    Per cui partiamo con il dire che di Sciascia non so nulla, tranne il fatto che è uno scrittore siciliano. Che delle interpellanze parlamentari non so nulla, tranne il fatto che ho asco ...continua

    Premetto che il libro mi è stato regalato solo perchè fan di Camilleri e non si vive di solo Montalbano!!
    Per cui partiamo con il dire che di Sciascia non so nulla, tranne il fatto che è uno scrittore siciliano. Che delle interpellanze parlamentari non so nulla, tranne il fatto che ho ascoltato, trasmessa in diretta alla televisione, qualche interpellanza letta dal parlamentare proponente (15 minuti per deputato) e mi è sembrata una cosa lunga, noiosa e forse nemmeno utile.
    Bene, le interpellanze riportate da Camilleri sono perfette, scritte in un italiano splendido, sembrano tanti piccoli racconti e, nonostante si parli sempre di mancanze più o meno gravi dello stato stesso, non sono mai né ingiuriose né colpevolizzanti, sono solo domande fatte ad uno stato che “latita” su discorsi pesantissimi come mafia, terrorismo e omicidio Moro. Quello è il periodo di vita politica di Sciascia, da fine 1979 a giugno 1983.
    Camilleri, per dovere di cronaca, riporta anche le risposte del governo, ma che non si possono certo considerare risposte.........è tutto un rimandare ad altre istituzioni la soluzione dei problemi posti.
    La chicca finale che mi ha preso molto è la Relazione del deputato Sciascia al termine dei lavori della Commissione d'inchiesta sulla strage di via Fani. E' davvero da leggere. Ci sono indicate in poche pagine le “leggerezze” commesse da tutti gli organi preposti alle indagini sui gravissimi fatti avvenuti dal momento del rapimento di Moro fino alla tragica conclusione.
    Sembra che non ci sia stata una regia condivisa su come operare. Su come utilizzare le forze a disposizione. Cosa c'era sotto ? Possibile tanto mal lavoro? Responsabili di primissimo livello senza idee ?
    Anche la stampa ha fatto la sua parte. Tante azioni della polizia sono state attuate solo per tacitare l'opinione pubblica, ma chi l'aveva aizzata tenendola sempre al corrente di ogni sospiro degli inquirenti, se non i media?

    “Seduta del 7 marzo 1980 : … ho ricordato ieri quel libro di Henner Hess sulla mafia, in cui si sostiene che il mafioso non sa di essere mafioso, partecipa ad una condizione che è l'unica che conosce.......”
    Sempre in quella seduta si parla anche dei Caltagirone costruttori edili a Roma che facevano molte elargizioni alla Democrazia Cristiana (l'ombra di Andreotti sempre presente) e magari evitando di pagare completamente le tasse..... e costruendo liberamente ….
    Ai giorni nostri ....i fratelli Caltagirone e discendenti sono ancora ben presenti non solo a Roma..... e Andreotti è senatore a vita.........
    A lettura terminata ho pensato che ne è valsa la pena perchè, anche se contiene fatti che più o meno tutti conoscono, gli scritti di Sciascia ne danno una trascrizione chiara, veloce e sembra proprio non di parte.

    ha scritto il 

  • 4

    Con questa raccolta Andrea Camilleri racconta la vita parlamentare dell'amico scrittore Leonardo Sciascia deputato dal 1979 al 1983. Una raccolta di interrogazioni, inchieste per conoscere la vita da politico di uno scrittore che ha fatto la storia della letteratura italiana. Un bel libro che met ...continua

    Con questa raccolta Andrea Camilleri racconta la vita parlamentare dell'amico scrittore Leonardo Sciascia deputato dal 1979 al 1983. Una raccolta di interrogazioni, inchieste per conoscere la vita da politico di uno scrittore che ha fatto la storia della letteratura italiana. Un bel libro che mette in luce la passione politica, la lucidità, l’approccio mai teorico. Una analisi dei fatti acuta, spietata, scomoda e insofferente ad un certo modo di concepire e gestire il potere, nello stile e nell’indole dello scrittore. Un bel libro da leggere.

    ha scritto il 

  • 5

    Camilleri ma soprattutto Sciascia

    Si, ovviamente figura tra i libri di Camilleri, ma in realtà qui si legge Sciascia e non mi sono pentita di averlo comprato. Si capisce davvero molto dalla lettura delle sue interrogazioni parlamentari della grandezza e integrità dell'uomo. E' impressionante tuttavia capire quanto le stesse inte ...continua

    Si, ovviamente figura tra i libri di Camilleri, ma in realtà qui si legge Sciascia e non mi sono pentita di averlo comprato. Si capisce davvero molto dalla lettura delle sue interrogazioni parlamentari della grandezza e integrità dell'uomo. E' impressionante tuttavia capire quanto le stesse interrogazioni potrebbero essere portate oggi in Italia. Proprio non cambia mai niente. Anzi, nel cambiamento spesso si peggiora (sigh!). Ogni tanto mi sono trovata a pensare:"Accidenti, come l'ha detto bene! Avessi io una tale nitidezza di esposizione!". Infatti lui è Sciascia.

    ha scritto il 

  • 4

    Una raccolta di 11 interrogazioni e/o interpellanze parlamentari del maestro Leonardo Sciascia.
    Gli interventi riguardano principalmente mafia e terrorismo (siamo nel quadriennio 1979 - 1983), e ciascuno è seguito da un commento di Camilleri che aiuta a contestualizzarli negli eventi dell'e ...continua

    Una raccolta di 11 interrogazioni e/o interpellanze parlamentari del maestro Leonardo Sciascia.
    Gli interventi riguardano principalmente mafia e terrorismo (siamo nel quadriennio 1979 - 1983), e ciascuno è seguito da un commento di Camilleri che aiuta a contestualizzarli negli eventi dell'epoca.
    In appendice le risposte dei rappresentanti del Governo alle interpellanze parlamentari e la relazione di minoranza a conclusione dei lavori della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'assassinio di Aldo Moro (a mio avviso la parte più interessante della raccolta).

    Gli interventi sono molto chiari, sintetici, ed "ancorati ad una analisi dei fatti acuta e spietata", in netta contrapposizione con la usuale retorica parlamentare.

    ha scritto il 

  • 4

    Recensione di Miss Mapyal:


    Leonardo Sciascia è stato deputato del parlamento italiano dell'ottava legislatura (dal 20 giugno del 1979 al 3 maggio dell' 1983). Durante questo periodo si sono succeduti ben sei governi, in particolare: Cossiga I e II, Forlani, Spadolini I e II e Fanfani V. Il ...continua

    Recensione di Miss Mapyal:

    Leonardo Sciascia è stato deputato del parlamento italiano dell'ottava legislatura (dal 20 giugno del 1979 al 3 maggio dell' 1983). Durante questo periodo si sono succeduti ben sei governi, in particolare: Cossiga I e II, Forlani, Spadolini I e II e Fanfani V. Il presidente della camera era Nilde Iotti e della repubblica Pertini.
    Prima e durante questo periodo si succedono diversi importanti avvenimenti per la storia d'Italia. Il terrorismo e l'affaire Moro sono ancora vivi nei cuori degli italiani e nel dibattito parlamentare, s'iniziano ad intravedere i primi segni di ciò che sarà anni dopo Mani Pulite e Tangentopoli e si discute sulla mafia.
    Nella prima parte del saggio vengono presentate alcune interpellanze parlamentari di questo onorevole siciliano in cui, per ogni argomento trattato, Sciascia riesce a fare un’analisi brillante, lucida e, a mio parere, mai ideologica. Fa piacere sapere che nel luogo in cui viene esercitato il principale strumento di democrazia in Italia siano stata pronunciate parole così importanti. Leggendole ora è di estrema facilità trovare riferimenti a ciò che succede ancora oggi nel bel Paese. Lo stesso Camilleri, che commenta in modo breve ed asciutto le parole del suo conterraneo non riesce ad esimersi dal l’esplicitarne alcuni.
    Nella seconda parte sono state stampate alcune delle risposte alle interpellanze date dai rappresentanti del governo. Camilleri si giustifica dicendo che sono in questo modo si può capire il contesto e che reazioni hanno suscitato in aula le parole di Sciascia (e non solo le sue). A me è sembrato un po’ inutile, oltre che noioso; l’unico risultato positivo che posso rilevare è che abbiano contribuito a rendere più evidente l’altezza e la perfezione dei discorsi del deputato rispetto al politichese di quegli uomini di potere.
    In ultimo viene riportata la relazione fatta da Sciascia sul caso Moro alla commissione d’inchiesta di cui faceva parte. Lo scrittore ripercorre le fasi del sequestro e delle indagini. Questa parte mi ha molto colpita, vengono riportati diversi particolari di cui non ero a conoscenza, particolari di dominio pubblico ma che gettano un’ombra inquietante su una parte dello stato.
    Credo inoltre che questo saggio mi abbia particolarmente colpita perché parla del periodo storico in cui sono nata. Quando sono nata c’era Sciascia in Parlamento, le Iotti a presiedere la Camera e Pertini presidente. E ora?

    Se vuoi visitare la libreria di Miss Mapyal clicca qua:

    http://www.anobii.com/chiaraparlati/books

    ha scritto il