Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un oscuro scrutare

By Philip K. Dick

(99)

| Paperback | 9788885414075

Like Un oscuro scrutare ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un romanzo di straordinaria potenza emotiva. Un mondo di percezioni che si moltiplicano e si deformano fino all'annientamento. La pietà di Dick si mostra qui in tutta la sua profondità. La preziosa traduzione di Gabriele Frasca propone Dick ben al di Continue

Un romanzo di straordinaria potenza emotiva. Un mondo di percezioni che si moltiplicano e si deformano fino all'annientamento. La pietà di Dick si mostra qui in tutta la sua profondità. La preziosa traduzione di Gabriele Frasca propone Dick ben al di là del suo incasellamento nel genere fantascienza: semplicemente come un grande, necessario scrittore.

202 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Voto: sette

    Su questo romanzo dice tutto l'autore in una nota posta in coda: «Quello che avete letto è un romanzo che riguarda alcune persone che sono state punite eccessivamente per quello che hanno fatto. Volevano divertirsi, ma si comportarono come quei bambi ...(continue)

    Su questo romanzo dice tutto l'autore in una nota posta in coda: «Quello che avete letto è un romanzo che riguarda alcune persone che sono state punite eccessivamente per quello che hanno fatto. Volevano divertirsi, ma si comportarono come quei bambini che giocano per strada, che per quanto possano vedere come ciascuno di loro, l'uno dopo l'altro, rimanga ucciso, travolto, mutilato, annientato, non per questo smettono di giocare.». A cosa si riferisce Dick è presto detto: droga.
    Nel libro viene infatti trasfigurata l'esperienza dell'autore con le sostanze stupefacenti avvenuta negli anni Sessanta: sebbene lui ne sia uscito più o meno bene, il lungo elenco dei suoi compagni che ne sono rimasti scottati per sempre testimonia che la droga è un gioco pericoloso. Di qui a scriverne un romanzo allucinato e paranoico è un attimo.

    Bob Arctor è un agente della Narcotici che, lavorando sotto copertura, cerca di trovare chi è che immetta sul mercato la micidiale droga allucinogena nota come Sostanza M.
    Bob Arctor inoltre è anche Fred, ossia il nome in codice che usa presso la centrale di polizia dove deve indossare una tuta disindividuante che lo rende totalmente anonimo agli occhi e alle orecchie di un qualsiasi interlocutore. Nessuno sa chi si celi sotto l'identità di Fred, nemmeno i suoi superiori.

    Mentre conduce una vita simile a quella del Drugo de "Il grande Lebowski", Arctor finisce per sviluppare una forte dipendenza dalla sostanza M, che gli procura danni cerebrali tali da indurlo a vivere due vite distinte. A causa del suo anonimato, infatti, a Fred viene ordinato di sorvegliare, mediante videocamere nascoste, la vita di Bob. E allora è tutto un florilegio di bipolarismi, paranoie, straniamenti, allucinazioni, dejà vu. Fred non riconosce più Bob Arctor come sé stesso, vedendo solo un tossico e nulla più. Addirittura dovrebbe incastrare Bob come spacciatore. Insomma, una storia davvero incasinata, di cui ho dovuto tacere alcuni particolari per non rovinarvi la lettura.

    Philip Dick parla di temi già trattati nei suoi precedenti romanzi (paranoia e sdoppiamenti di personalità sono un suo must), ma la lettura è comunque molto piacevole, col suo linguaggio hard-boiled (tutte le ragazze vengono chiamate "pollastrelle") e le situazioni assurde. Si perde solo verso la fine, dove diviene un po' pesante e gira un po' a vuoto, nonostante i risvolti filosofici e sociali delle sue riflessioni siano molto interessanti, e siano un invito ad approfondire le questioni sollevate.

    Ottimo infine il lavoro redazionale della Fanucci, che offre un prodotto editoriale di alto livello ad un prezzo davvero accessibile.

    Is this helpful?

    ziabice said on Jul 31, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Capolavoro assoluto

    Un libro di un valore incontestabile.Un libro a mio modo di vedere dal grandissimo significato filosofico.
    Ottima anche la trasposzione cinematografica di Richard Linklater.

    Is this helpful?

    Rustyjamesrumblefish08 said on Jun 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Philip K. Dick trasforma la classica caccia al ladro, anzi allo spacciatore, in un caccia a sé stesso. sbrirro e ricercato/spiato sono la stessa persona: Fred è un agente che nessuno può identificare perché indossa una tuta disinviduante, Bob è sempr ...(continue)

    Philip K. Dick trasforma la classica caccia al ladro, anzi allo spacciatore, in un caccia a sé stesso. sbrirro e ricercato/spiato sono la stessa persona: Fred è un agente che nessuno può identificare perché indossa una tuta disinviduante, Bob è sempre Fred infiltrato in una casa di spacciatori che passano il giorno a farsi di Sostanza M e di paranoie.
    Nessuno sa che Bob è Fred, nemmeno Bob e Fred che vivono una vita bipolare dove solo ogni tanto la lucidità oscura la follia.
    La Sostanza M formidabile e spietata è la causa di tutto, una droga che mette il cervello in lotta tra emisfero destro e sinistro.
    Tutto è bipolare, anche il finale.

    Is this helpful?

    Pirex said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Faticoso, la fine però...

    Veramente faticoso da leggere. Dialoghi assurdi tra strafatti. L'inizio è impossibile e ho pensato di abbandonalo più di una volta. La fine vale tutta la pazienza spesa. I libri di Dick però sono parecchio "disturbing".

    Is this helpful?

    Fayd said on Jun 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo vero!

    Droga / Dipendenza / s-DoppiamentoDell’individuo.

    Is this helpful?

    wfm_83 said on May 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Forse il più visionario dei romanzi di Dick, sicuramente uno dei più apprezzati dal pubblico.

    Il mondo visto da uomini perennemente sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, la narrazione è per questo volutamente confusa e di non facile comprensione ...(continue)

    Forse il più visionario dei romanzi di Dick, sicuramente uno dei più apprezzati dal pubblico.

    Il mondo visto da uomini perennemente sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, la narrazione è per questo volutamente confusa e di non facile comprensione.

    Non mi ha fatto impazzire...

    Is this helpful?

    Arca said on Apr 30, 2014 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book