Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un passato imperfetto

Di

Editore: Neri Pozza

3.7
(139)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 464 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8854503436 | Isbn-13: 9788854503434 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Massimo Ortelio

Disponibile anche come: Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Ti piace Un passato imperfetto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Damian Baxter ha fatto davvero fortuna. Il suo nome compare spesso sul Sunday Times, nelle pagine della finanza. E la sua tenuta nel Surrey non ha pilastri sbreccati, stalle vuote o casotti con il tetto che perde. Non parla di tradizione o di glorie passate, ma della viva presenza del denaro. Limousine lungo i viali, siepi perfettamente curate, muretti di pietra, prati lisci come tavoli da biliardo e ghiaino lucente. Con tutta la sua ingente fortuna, Baxter, però, non può nulla contro la malattia che lo sta consumando. Cancro al pancreas inoperabile, tre mesi di vita o giù di lì: è la sentenza accolta con britannico aplomb. L’unica cosa che gli rimane, nel poco tempo a disposizione, è esaudire un desiderio che si è fatto strada nella sua mente molti anni dopo l’arrivo di una lettera anonima: sapere se esiste da qualche parte un altro Baxter, un giovanotto cui lasciare il suo patrimonio, cinquecento milioni di sterline al netto delle imposte di successione.
Ordina per
  • 4

    Straordinario affresco della decadente aristocrazia inglese degli anni '60 e della nuova generazione rampante, vista dagli occhi ultracinquantenni di chi l'ha vissuta da ventenne e ne ha ormai colto il fallimento di ogni ideale. Triste ma inevitabile e catartico il viaggio dentro l'impietosità de ...continua

    Straordinario affresco della decadente aristocrazia inglese degli anni '60 e della nuova generazione rampante, vista dagli occhi ultracinquantenni di chi l'ha vissuta da ventenne e ne ha ormai colto il fallimento di ogni ideale. Triste ma inevitabile e catartico il viaggio dentro l'impietosità del tempo, che nella sua opera di distruzione non guarda in faccia a bellezza, rango o denaro. Bellissima ironia, fortissime le figure tratteggiate, anche quelle antipatiche, che non sono poche! Alcuni parti sinceramente commoventi. Ho letto varie recensioni che hanno classificato questo romanzo come vuoto o noioso... Bah, non capisco, è scritto benissimo, non è banale nè come stile nè come storia, fa sorridere, fa piangere, fa pensare e non sono riuscita a staccarmi dalle oltre 400 pagine.

    ha scritto il 

  • 2

    Che fatica immane. Due settimane per leggere 460 pagine, e poi scopri che le prime 400 con tutte le scorribande sono praticamente inutili visto che tutta la ricerca non da nessun frutto. Dalla trama mi aspettavo una cosa diversa.

    ha scritto il 

  • 1

    l'inizio sembra buono ma pagina dopo pagina si è sempre allo stesso punto, descrizioni del passato lunghe espansive che non hanno poco in comune con la trama iniziale, in molti passaggi devi essere vissuto in Inghilterra ma negli anni settanta. piuttosto noioso e poco coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 3

    Globo pinchado

    Por ser gran admiradora de Downton Abbey, empecé a leer esta novela con mucha ilusión, ay, pensé, más lores y ladyes, con lo que a mi me gustan esas cosas británicas. Pero me duró poco la euforia. La novela no está tan mal como para dejarla sin terminar, quiero decir que está escrita con orden y ...continua

    Por ser gran admiradora de Downton Abbey, empecé a leer esta novela con mucha ilusión, ay, pensé, más lores y ladyes, con lo que a mi me gustan esas cosas británicas. Pero me duró poco la euforia. La novela no está tan mal como para dejarla sin terminar, quiero decir que está escrita con orden y corrección, el autor se molesta en caracterizar personajes y describir ambientes, etc., pero se pasa mucho en el talante nostálgico y moñas del narrador, que es un plasta de mucho cuidado. A pesar de que en bastantes ocasiones se va salvando por un tono irónico que parece decir que no se lo está tomando del todo en serio, yo no he podido dejar de pensar que en una novela seria no es posible que haya cierto tipo de rollos amorosos en plan "estuve perdidamente enamorado" y cosas por el estilo. Muy a menudo la narración se escora decididamente hacia lo peor de las novelitas románticas tipo Corín Tellado (y conste que esta autora tiene todas mis respetos). En fin, la he terminado a trancas y a barrancas y eso gracias a un truquito del bueno de J.F. consistente en hablar durante páginas y páginas de algo muy fuerte que sucedió en Portugal y en lo que se vieron involucrados todos los personajes. Cuando por fin llegó el momento de descubrirlo, a veinte páginas del final, me dieron ganas de tirar el libro por el balcón, ¡menuda estafa! El prometido punto culminante es una chorrada tremenda, solo comprensible en la galaxia de un cierto tipo de británicos. Le he puesto tres estrellitas, pero creo que le sobra una.

    ha scritto il 

  • 3

    Viaggio nella memoria, condito da pipponi sui bei tempi in cui i nobili erano privilegiati sul serio, da descrizioni di vecchi manieri, di buone maniere e di nobili decaduti. La storia si perde, ahimè, e si ritrova troppo tardi.

    ha scritto il 

  • 4

    very british!

    E' il primo libro che leggo di Julian Fellowes, noto per essere lo sceneggiatore della serie Downton Abbey, di cui ho visto la prima puntata e mi ha annoiato a morte.
    Questo romanzo invece mi è piaciuto molto! Scritto bene, descrizione acuta e un po' cattiva della upper class britannica degli ann ...continua

    E' il primo libro che leggo di Julian Fellowes, noto per essere lo sceneggiatore della serie Downton Abbey, di cui ho visto la prima puntata e mi ha annoiato a morte. Questo romanzo invece mi è piaciuto molto! Scritto bene, descrizione acuta e un po' cattiva della upper class britannica degli anni Sessanta e dei profondi cambiamenti della società inglese da allora ad oggi. Trama intrigante, personaggi ben disegnati, considerazioni fulminanti. E' una lettura leggera ma piacevole.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho voluto leggere questo libro perchè mi piace Fellowes come sceneggiatore di Downton Abbey. Ed effettivamente il libro rispecchia la stessa atmosfera un po' da soap opera in salsa British. Quello che manca in questo libro è però la stessa capacità del serial di tenere alta l'attenzione e di appa ...continua

    Ho voluto leggere questo libro perchè mi piace Fellowes come sceneggiatore di Downton Abbey. Ed effettivamente il libro rispecchia la stessa atmosfera un po' da soap opera in salsa British. Quello che manca in questo libro è però la stessa capacità del serial di tenere alta l'attenzione e di appassionarsi ai personaggi. Per quanto abbia apprezzato la psicologia del protagonista, che vive nel ricordo di un fatto avvenuto anni prima, (fatto che di per sè non trovo poi così grave come lui vuol farci credere) e soprattutto nell'ombra degli altri protagonisti della storia (sbaglio o il suo nome non viene neppure mai detto?) senza mai riuscire ad emergere davvero, ho fatto fatica a star dietro a tutti i "gossip" della storia e mi rimane comunque l'interrogativo... possibile che le donne inglesi negli anni '60/'70 fossero cosi estremamente libertine? Bellissima la copertina dell'edizione italiana!

    ha scritto il