Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un po' più in là sulla destra

Di

Editore: Einaudi (Super ET)

3.8
(2375)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 258 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8806204211 | Isbn-13: 9788806204211 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Margherita Botto

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Un po' più in là sulla destra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tre storici allo sbando e uno sbirro in disarmo: tornano gli stralunati protagonisti di "Io sono il Tenebroso" e "Chi è morto alzi la mano". Mentre è in appostamento su una panchina Louis Kehlweiler, detto il Tedesco, trova per terra un frammento di osso umano. Una traccia perduta dentro la città. All'apparenza ormai definitivamente. Eppure Kehlweiler la segue, con i suoi due aiutanti, Marc e Mathias. La segue con ostinazione e ossessione fino ad arrivare in un piccolo villaggio della Bretagna. Qui trova un collezionista di macchine per scrivere, fanatico di qualsiasi meccanismo ben oliato, un sindaco pavido e untuoso che non vuole problemi, un losco individuo ferocemente razzista, pronto a tutto pur di diventare sindaco lui. Con la pazienza e la fredda ferocia dell'indagatore, Kehlweiler toglie la maschera a tutti e ricostruisce la storia, le sue follie, le sue mostruosità. Inseguendo le tracce. Come chi scrive. Pubblicato per la prima volta in Francia nel 1996, il romanzo si distingue per il linguaggio terso, lo stile ironico e incisivo, la capacità di prendere per mano il lettore fino alla rivelazione finale, e l'accuratezza nei dettagli più sorprendenti, che deriva all'autrice dalla passione medievalista e dalla professione di zooarcheologa. Da qui il gusto per la detection, per le impronte, le tracce, le piccole cose senza importanza che permettono di dedurre, per una qualche "associazione di idee", la soluzione di un caso.
Ordina per
  • 0

    4780172
    charta's review Jul 21, 12 · edit
    3 of 5 stars
    bookshelves: narrativa, giallo-noir, europa
    Read in August, 2009

    Vargas, pur rimanendo nell'ambito del noir, non è ancorata al suo cavallo di battaglia, l'affascinante e fantasioso Adamsberg.
    Riesce a cr ...continua

    4780172
    charta's review Jul 21, 12 · edit
    3 of 5 stars
    bookshelves: narrativa, giallo-noir, europa
    Read in August, 2009

    Vargas, pur rimanendo nell'ambito del noir, non è ancorata al suo cavallo di battaglia, l'affascinante e fantasioso Adamsberg.
    Riesce a creare altri protagonisti di tutto rispetto.
    Ci regala anche uno stile dove si percepisce il comico ed il ridicolo, e, ogni tanto, qualche aforisma da incorniciare.
    Purtroppo qui manca la sobrietà.
    Due cattivi, entrambi puniti in chiusura, sono troppi, e cade nell'inverosimiglianza psicologica durante il tratteggio di qualche personaggio.
    Il cacciatore-raccoglitore è troppo dotato e poco delineato per essere realistico; colpa ancor più grave svolgerà un ruolo chiave nell'apoteosi finale.
    Si inizia in crescendo, ci sono abili depistaggi, brava la nostra studiosa francese, per terminare come Descartes alla fine del suo costrutto filosofico: spiegazioni poco credibili e misere per cementare il tutto.
    Al pari di svariati autori contemporanei, per di più, Vargas non rifugge l'attrativa della sinfonia rispetto all'assolo.
    Forse credendo che congerie di figure sia sinonimo di qualità.
    In realtà è molto più difficile tenere desta l'attenzione, creare stupore, attrazione e meraviglia giocandosi un'unica carta.
    Genialità forse è anche questo.

    ha scritto il 

  • 5

    Secondo libro che leggo di questa autrice e secondo capitolo della trilogia degli Evangelisti di cui fanno parte Chi è morto alzi la mano, Un po’ più in la sulla destra e Io sono il tenebroso.
    Come sempre questa autrice non mi ha delusa, dall’affascinante storia di Louis al genio malefico d ...continua

    Secondo libro che leggo di questa autrice e secondo capitolo della trilogia degli Evangelisti di cui fanno parte Chi è morto alzi la mano, Un po’ più in la sulla destra e Io sono il tenebroso.
    Come sempre questa autrice non mi ha delusa, dall’affascinante storia di Louis al genio malefico dell’assassino.
    Una scrittura veloce e coinvolgente, mai noiosa e anche se i paragrafi sono lunghi non sono mai noiosi.
    Ho letto questo romanzo in tre giorni e ad ogni romanzo di questa autrice mi appassiono sempre di più ai personaggi presenti in tutti e tre i romanzi della serie e mi ritrovo sempre più stupita di questa scrittrice che non conoscevo per la sua scrittura.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po’ troppo in là…

    Dopo aver letto anni fa quasi tutti i romanzi della Vargas, all’inizio con un certo divertimento, avevo infine raggiunto la soglia di saturazione, anche a causa di un’evidente ripetitività della formula, accentuata dalla spiccata caratterizzazione dei personaggi.


    Mi era rimasto ancora, in ...continua

    Dopo aver letto anni fa quasi tutti i romanzi della Vargas, all’inizio con un certo divertimento, avevo infine raggiunto la soglia di saturazione, anche a causa di un’evidente ripetitività della formula, accentuata dalla spiccata caratterizzazione dei personaggi.

    Mi era rimasto ancora, in una zona seminascosta della libreria, questo romanzetto che ho intrapreso più per l’impegno preso con me stesso di abbattere la pila dei libri ancora “da leggere”, che per oggettivo interesse.

    Ciò premesso devo ammettere che, nella prima metà del libro, la Vargas è tornata a farmi sorridere per la verve degli eventi descritti e la loro obliqua consequenzialità che non sai mai dove ti porterà (in Bretagna, questa volta…); poi nel corso della lettura ho ritrovato il tic dell’autrice di spingersi sempre “un po’ più in là…” sulla destra, sulla sinistra o altrove, accumulando situazioni sempre più artificiali e stucchevoli; finché l’ultimo quinto del romanzo sbraca non solo nell’inverosimile (cosa cui ero preparato…) ma anche nel fastidioso autocompiacimento dove Parigi, la Francia, l’Europa stessa, sembrano un borgo di poche anime tutte collegate e tutte impegnate a riconoscersi o a farsi riconoscere reciprocamente in un balletto grottesco da pochade (gli improvvisati rimbalzi della trama verso gli eventi bellici passano il limite della parodia…).

    Ciò nonostante, considerato che per oltre la metà era riuscito a divertirmi, non mi sento di decretare un giudizio complessivamente negativo per questo romanzo, in fin dei conti da leggere senza troppe pretese, fra il 2 e il 3, un po’ più in là verso il 3...

    Solo dopo aver scritto le mie impressioni ho verificato che la maggior parte degli anobiiani ha un’opinione opposta alla mia: ritengono che la prima parte sia “lenta” e che invece il finale rutilante faccia “ritrovare la Vargas preferita”
    … mah! Non discuto, forse è il mio approccio ad essere inadeguato ad apprezzare le doti che sostengono il successo di pubblico dell’autrice.

    ha scritto il 

  • 4

    In realtà secondo me il titolo del libro doveva essere "Luis/Ludwing Kehlweiler". Certo come titolo non sarebbe stato accattivante, così come "Voglio una birra". Delle frasi ricorrenti di Luis "un po' più in là sulla destra" è la migliore!
    Dopo l'entusiasmante inizio con "chi è morto alzi ...continua

    In realtà secondo me il titolo del libro doveva essere "Luis/Ludwing Kehlweiler". Certo come titolo non sarebbe stato accattivante, così come "Voglio una birra". Delle frasi ricorrenti di Luis "un po' più in là sulla destra" è la migliore!
    Dopo l'entusiasmante inizio con "chi è morto alzi la mano" questo mi ha deluso.
    E' molto bello ma solo per le ultime 100 pagine che veramente divori. Il primo pezzo un po' lento.
    Poi io adoro Marthe e Marc, meno i Luis, tanto Lucien che qui non c'è per niente. La trilogia è da finire insomma!

    ha scritto il 

  • 2

    delusa

    Questo è il secondo volume della trilogia "degli Evangelisti", il primo mi ha catturata totalmente e, infatti, gli ho dato un punteggio massimo. In questo speravo di trovare come protagonisti sempre gli stessi tre ragazzi e il vecchio Vandoosler, invece, il loro ruolo si sposta. Lucien e i vecchi ...continua

    Questo è il secondo volume della trilogia "degli Evangelisti", il primo mi ha catturata totalmente e, infatti, gli ho dato un punteggio massimo. In questo speravo di trovare come protagonisti sempre gli stessi tre ragazzi e il vecchio Vandoosler, invece, il loro ruolo si sposta. Lucien e i vecchio Vandoosler compaiono per un breve cameo e Marc e solo successivamente Mathias sono quelli che partecipano alle indagini sostenendo il vero protagonista Kehlweiler. Concordo con gli utenti che scrivono che è noioso: nelle prime 130-140 l'indagine non evolve, nelle ultime 100 la Vargas si ripiglia e trova il suo naturale registro. Sembra quasi che la prima parte gliela abbia scritta qualcun altro. In più scoprire l'assassino è stato fin troppo prevedibile. Questo libro non rappresenta affatto la bravura dell'autrice.

    ha scritto il 

  • 4

    Per un momento, anche se più lungo del normale, ho davvero pensato di leggere il primo libro brutto della Vargas. Poi fortunatamente la situazione è tornata alla normalità. Si, perché Un po' più in la sulla destra è diverso per certi versi ai racconti precedenti della scrittrice francese. Sembra ...continua

    Per un momento, anche se più lungo del normale, ho davvero pensato di leggere il primo libro brutto della Vargas. Poi fortunatamente la situazione è tornata alla normalità. Si, perché Un po' più in la sulla destra è diverso per certi versi ai racconti precedenti della scrittrice francese. Sembra spaccato in due, con una prima parte davvero lenta e caotica ed una seconda parte brillante e decisamente interessante. Normalmente la Vargas ha abituato i suoi lettori ad entrare subito nel vivo dopo 20-30 pagine. In questo caso, la gestazione è stata lunga e pesante, segno che la storia ha preso corpo a poco a poco nella mente della scrittrice cui forse non era ancora ben chiara la fine. Il libro ne risente negativamente nella prima parte dove tutto sembra rallentato e poco fluido, ma ne risente anche positivamente perché trattandosi pur sempre di un genere thriller/giallo , sembra ad ogni pagina che tutti possano essere assassini e vittime in una serie infinita di colpi di scena e situazioni intricate. Non si smentisce mai Fred Vargas, anche se stavolta ho avuto delle riserve e perplessità rispetto ad altre sue opere.(less)

    ha scritto il 

  • 2

    Noioso, poco avvincente, a volte confuso: tutti aggettivi che non avrei mai pensato di associare ad un romanzo di Fred Vargas. Sarà il mio amore sconfinato per Adamsberg che non mi ha fatto apprezzare il Tedesco, ma la descrizione del primo, il modo in cui l'autrice ne racconta azioni e pensieri ...continua

    Noioso, poco avvincente, a volte confuso: tutti aggettivi che non avrei mai pensato di associare ad un romanzo di Fred Vargas. Sarà il mio amore sconfinato per Adamsberg che non mi ha fatto apprezzare il Tedesco, ma la descrizione del primo, il modo in cui l'autrice ne racconta azioni e pensieri non ha quasi nulla a che vedere con il Tedesco. La trama è intrecciata abbastanza bene, ma non è all'altezza delle altre opere dell'autrice.

    ha scritto il 

  • 4

    Non succede spesso di finire un libro e pensare con simpatia e affetto sia a chi te lo ha consigliato che all’autore.
    Grazie alla Vargas, che ha ideato una serie di personaggi improbabili, pazzi e affascinanti per far vivere i suoi noir in cui si muovono vecchi ispettori di polizia dal pa ...continua

    Non succede spesso di finire un libro e pensare con simpatia e affetto sia a chi te lo ha consigliato che all’autore.
    Grazie alla Vargas, che ha ideato una serie di personaggi improbabili, pazzi e affascinanti per far vivere i suoi noir in cui si muovono vecchi ispettori di polizia dal passato non trasparente ma che non si arrestano nel loro intento di combattere il male, giovani precari talentuosi innamorati della storia ma inesorabili nel trovare la verità, vecchie puttane che sanno tutto degli uomini, (ma anche delle donne) , rospi un po’ scemi ma riflessivi e che vivono dentro le tasche della giacca dei loro padroni. E Grazie alla mia amica, che ha capito che mi sarei innamorata di questi personaggi ed ha insistito perché li conoscessi.
    La Vargas ha una abilità tutta sua di confezionare il noir e disseminarlo di situazioni divertenti senza nulla togliere alla suspance che ne resta illesa fino all’ultima riga.
    Quando si chiude il libro, sei disposto a chiudere un occhio (e anche tutt’e due) sulla forzatura delle coincidenze, perché ti accorgi che stai ancora sorridendo.

    ha scritto il 

  • 4

    piuttosto interessante questo ex investigatore Kehlweiler del Ministero dell'interno ed i suoi 3 giovani "aiutanti-amici", molto
    attento, perspicace, perseverante e direi anche instancabile segugio... mi ricorda molto il fantastico commissario Adamsberger,che lui peraltro ammira molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi veniva in mente Georges Feydeau, leggendo l’incedere un po’ bislacco di questo romanzo della Vargas. Sarà stato merito di quella pletora di personaggi pazzarielli e circensi. Sicuramente matacchioni, anche se di un omicidio si stanno interessando. E anche se tra le pieghe della storia, emergon ...continua

    Mi veniva in mente Georges Feydeau, leggendo l’incedere un po’ bislacco di questo romanzo della Vargas. Sarà stato merito di quella pletora di personaggi pazzarielli e circensi. Sicuramente matacchioni, anche se di un omicidio si stanno interessando. E anche se tra le pieghe della storia, emergono frammenti di crimini bellici. Ma la storia va, procede, anche se un po’ a fatica.
    Ma di invenzione si tratta e perciò ben venga l’overdose di fantasia e di casualità. In fondo è anche per questo che si legge.
    Rimango comunque fedele ad Adamsberg, il commissario, lo spalatore di nuvole. La sua irrazionalità mi è quasi familiare.

    ha scritto il 

Ordina per