Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un semplice atto di violenza

By Roger Jon Ellory

(118)

| Hardcover | 9788862510509

Like Un semplice atto di violenza ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Quattro donne brutalmente assassinate da un serial killer, che si firma cospargendo le vittime di profumo di lavanda e legando loro un nastro al collo. Quattro donne e un inquietante dettaglio ad accomunarle: nessuna delle vittime esisteva ufficialme Continue

Quattro donne brutalmente assassinate da un serial killer, che si firma cospargendo le vittime di profumo di lavanda e legando loro un nastro al collo. Quattro donne e un inquietante dettaglio ad accomunarle: nessuna delle vittime esisteva ufficialmente, i loro nomi sono estranei a qualunque anagrafe o banca dati, ai loro indirizzi abitava qualcun altro, sui loro posti di lavoro nessuno le ha mai conosciute.
Washington è in periodo di campagna elettorale e, quando i giornali riportano la notizia del quarto delitto, la politica e la stampa iniziano a soffiare sul collo del detective Robert Miller, incaricato delle indagini. Miller è appena rientrato in servizio dopo essere stato assolto dall’accusa di aver ucciso un sospettato in circostanze poco chiare alcuni mesi prima, una vicenda che lo ha reso cinico nei confronti dei sistema.
Idealista dedito ossessivamente al lavoro e al senso della giustizia, solitario senza una vita privata, appena scopre chi erano, o meglio chi non erano, le quattro vittime, Miller si accorge subito che la faccenda è ancora più complicata di quanto lo sia solitamente una sequela di efferati delitti insoluti.
L’«assassino del nastro», infatti, non è un pazzo, e dietro i crimini non c’è alcun movente sessuale, economico o personale, ma una scomoda verità che riguarda fatti accaduti vent’anni prima: la presenza della CIA in Nicaragua, lo scandalo del finanziamento ai Contras con denaro proveniente dal traffico di droga e i risvolti più oscuri e inquietanti del potere.

14 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Un atto di grazia

    E' proprio la grazia quella che deve aver toccato l'autore, mentre scriveva questo noir dove ogni cosa è perfetta. I meccanismi narrativi sono solidi e c'è un uso del linguaggio abile nel rendere le emozioni dei protagonisti. Un romanzo noir come non ...(continue)

    E' proprio la grazia quella che deve aver toccato l'autore, mentre scriveva questo noir dove ogni cosa è perfetta. I meccanismi narrativi sono solidi e c'è un uso del linguaggio abile nel rendere le emozioni dei protagonisti. Un romanzo noir come non ne leggevo da anni. La tenuta stilistica del testo è straordinaria e regge tutte le 643 pagine del libro.

    Is this helpful?

    James Dean said on Aug 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    non mi ha entusiasmato come i precedenti (la storia si trascina) ma comunque un palmo sopra alla melma che circola qua e là...

    Is this helpful?

    carloz said on Jan 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Un Thriller GIGANTE!!!!!!!

    C'è davvero tanta roba dentro questo lungo Thriller (circa 650 pagine):lo scandalo Iran-Contras, la corruzione politica dell'America, una descrizione perfetta dell'aria che si respirava in quegli anni, anni nei quali gli americani si sentivano (erano ...(continue)

    C'è davvero tanta roba dentro questo lungo Thriller (circa 650 pagine):lo scandalo Iran-Contras, la corruzione politica dell'America, una descrizione perfetta dell'aria che si respirava in quegli anni, anni nei quali gli americani si sentivano (erano???) i padroni del mondo....

    Unite tutto questo ad una storia bellissima nella sua crudeltà:una serie di donne che vengono selvaggiamente picchiate e poi uccise, cosparse di profumo alla lavanda e lasciate cosi, con legato all'alluce un cartellino, come quelli dei cadaveri negli obitori:chi è a fare tutto questo?

    Vi assicuro che, nonostante la lunghezza notevole del libro ed una prima parte (fin verso la metà...) un po lenta ma indispensabile all'autore per presentare tutti i personaggi e delineare la bellissima trama, questo Thriller non vi lascerà sfuggire dalle sue pagine finché non l'avrete finito.

    Non vi lascerà scampo, proprio come il Killer del nastro.
    Ellory si conferma un grandissimo narratore, un gigante, questo romanzo è scritto benissimo e una volta chiuso il libro il ricordo delle ore passate in compagnia dell'immaginario creato dal buon Robert non vi abbandonerà tanto facilmente.

    Is this helpful?

    H. P. Lovecraft said on Dec 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Matrioske

    Dopo i primi capitoli ero sul punto di abbandonare, stufo di thriller incentrati sulla figura supersfruttata del serial killer. Per di più la storia si presentava con tutti i luoghi comuni del genere accentuando la sensazione di dejà-vu (anzi di dejà ...(continue)

    Dopo i primi capitoli ero sul punto di abbandonare, stufo di thriller incentrati sulla figura supersfruttata del serial killer. Per di più la storia si presentava con tutti i luoghi comuni del genere accentuando la sensazione di dejà-vu (anzi di dejà-lu…): donne massacrate in serie e con i soliti rituali da assassino seriale, polizia (nella fattispecie di Washington) incapace di trovare un nesso fra i casi, il medico legale (anzi “la medico legale” come va di moda adesso) che fa le autopsie, ecc. ecc. Addirittura il solito artificio stilistico dell’indagine alternata alle riflessioni del s.k. in prima persona, naturalmente segnato dall’immancabile trauma infantile!

    E’ invece Roger Ellory, che dopo l’ottimo “La voce degli angeli” temevo di avere incluso troppo presto fra gli autori di genere meritevoli di ulteriori letture, conferma la sua superiore abilità: a partire da queste poco promettenti premesse infatti l’autore a poco a poco fa lievitare un racconto che va ben oltre la liturgia del s. k., introduce elementi di spiazzamento, per i detectives e per il lettore, che trasfigurano l’assunto di partenza in una storia misteriosa, avvincente e intelligente.

    Soprattutto “Un semplice atto di violenza” dimostra che, nonostante il saccheggio di questo tema da parte di autori americani, francesi, scandinavi e infine anche italiani, è ancora possibile confezionare un thriller che presenta un’accettabile dose di originalità e rivela, senza eccessive forzature, una verità dentro l’altra come una serie di matrioske.

    Is this helpful?

    Ubik said on Dec 1, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    mah, non l'ho trovato così eccezionale. si fa leggere; ma com'è che Miller, dopo essersi ostinato per tutto il libro nella sua indagine contro tutto e contro tutti -perchè sente di doverlo fare- alla fine se la mette via con : beh, vabbeh, lasciamo s ...(continue)

    mah, non l'ho trovato così eccezionale. si fa leggere; ma com'è che Miller, dopo essersi ostinato per tutto il libro nella sua indagine contro tutto e contro tutti -perchè sente di doverlo fare- alla fine se la mette via con : beh, vabbeh, lasciamo stare?

    Is this helpful?

    maroufle said on Oct 21, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (118)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Hardcover 655 Pages
  • ISBN-10: 8862510500
  • ISBN-13: 9788862510509
  • Publisher: Giano (Nerogiano)
  • Publish date: 2011-09-xx
  • In other languages: other languages English Books
Improve_data of this book