Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un tram che si chiama desiderio

Di

Editore: Einaudi - Collezione di Teatro 170

4.3
(533)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 106 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: A000006343 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Traduttore: Gerardo Guerrieri

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Un tram che si chiama desiderio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Perdete ogni speranza...

    Un tram che si chiama desiderio è un dramma teatrale ambientato nella New Orleans degli anni 40 e narra la storia di Blanche che un bel giorno si presenta a casa della sorella Stella sposata con un uo ...continua

    Un tram che si chiama desiderio è un dramma teatrale ambientato nella New Orleans degli anni 40 e narra la storia di Blanche che un bel giorno si presenta a casa della sorella Stella sposata con un uomo rozzo e volgare, Stanley. Blanche ha un passato doloroso fatto di scandali, è alcolizzata ma è anche colta, dai modi raffinati e manipolatrice.
    E' il dramma più celebre dell'autore ma è anche molto triste e crudo. Non ci sono personaggi positivi,
    anche se appaiono vivi, intensi e immediati.
    L'opera affronta tematiche forti come il disagio mentale, l'alcolismo e l'omossessualità.
    Ne è stato tratto anche un film con Marlon Brando e Vivien Leigh.

    ha scritto il 

  • 4

    I caratteri dei personaggi sono ben marcati, i dialoghi efficaci, forse troppi quadri per la rappresentazione
    ma molto americano secondo me, riuscito, anche il film lo è ( è nell' AFI'S 100 years..100 ...continua

    I caratteri dei personaggi sono ben marcati, i dialoghi efficaci, forse troppi quadri per la rappresentazione
    ma molto americano secondo me, riuscito, anche il film lo è ( è nell' AFI'S 100 years..100 movies)

    ha scritto il 

  • 0

    Dopo aver visto il film, mi è venuta la curiosità di capire quali tagli avesse subìto rispetto al testo originale.
    In realtà il film è assai fedele e l'unico taglio riguarda l'esplicita rivelazione de ...continua

    Dopo aver visto il film, mi è venuta la curiosità di capire quali tagli avesse subìto rispetto al testo originale.
    In realtà il film è assai fedele e l'unico taglio riguarda l'esplicita rivelazione dell'omosessualità dell'ex marito di Blanche.
    Blanche che è bugiarda, noiosa, antipatica, egoista oltre ogni limite.
    Stanley che è una forza della natura, bestiale, rozzo, istintivo.
    Per tutta la durata della storia vorresti che lui le desse una manica di botte, che se la meriterebbe davvero.
    E il finale mica è bello...:-(

    ha scritto il 

  • 5

    Io, Kim e le altre

    C’è un disco di Mirah, sconosciuta cantautrice americana. Advisory Committee.
    Spezza il cuore. Nella discografia di Cat Power sarebbe il perfetto anello di congiunzione tra Moon Pix e You Are Free.
    Q ...continua

    C’è un disco di Mirah, sconosciuta cantautrice americana. Advisory Committee.
    Spezza il cuore. Nella discografia di Cat Power sarebbe il perfetto anello di congiunzione tra Moon Pix e You Are Free.
    Quel disco,l’ho trascurato per un pò. Oggi l’ho riascoltato.
    Sarà stata l’inquietudine di una giornata un po’ bastarda,
    di quelle giornate in cui parli di fretta e ti mangi le parole anche per comprare le sigarette al solito tabacchi.
    E nessuno ti capisce. E tutti ti chiedono: come? cosa?
    Ma dove cazzo andrai poi, così di fretta?
    Era il 2002, erano canzoni un po’ sbilenche, un po’ litanie, un po’ pastorali, un po’ banda di una sperduta provincia americana. Thurston Moore e Kim Gordon si amavano ancora.
    E io pensavo, con invidia, quanto fosse strabiliante poter fare l’amore e suonare con il chitarrista della tua band, registrare dischi e andare in tour.
    E ascoltare insieme il disco di Mirah, magari a letto, in una giornata di pioggia come questa, e canticchiarsela tra le lenzuola.
    Pensavo che la maledizione non potesse abbattersi su una donna così aliena e divina come Kim.
    Poi lessi di un’altra donna chiamata Blanche Dubois.
    Io, Kim e le altre.
    Alla ricerca di un uomo buono.
    Raccogliamo stracci, mignotte e codardi.

    Whoever you are, I have always depended
    on the kindness of strangers

    ha scritto il 

  • 3

    Solitamente adoro la forma teatrale, ma non in questo caso.
    Capisco il successo avuto quando è stato scritto, ma ad oggi non riesco ad apprezzarlo appieno.
    I personaggi son tutti di una tristezza inde ...continua

    Solitamente adoro la forma teatrale, ma non in questo caso.
    Capisco il successo avuto quando è stato scritto, ma ad oggi non riesco ad apprezzarlo appieno.
    I personaggi son tutti di una tristezza indescrivibile, nessuno riuscirà mai nella vita.
    Le aspettative che mi aveva istillato Almodovar con 'Tutto su mia madre' erano troppe.
    E' un libro amaro.

    Io voglio un'altra cosa! Incanto! Sì, sì, incanto! E cerco di darlo alla gente! Altero le cose. E se questo è peccato, che io sia dannata! Non accendere la luce!

    ha scritto il 

  • 4

    una sceneggiatura di poche pagine, circa una 6oina. Williams però con i suoi daloghi magistrali delinea benissimo caratteri dei protagonisti e ambientazione.
    Siamo nella New Orleans degli anni 40. Bla ...continua

    una sceneggiatura di poche pagine, circa una 6oina. Williams però con i suoi daloghi magistrali delinea benissimo caratteri dei protagonisti e ambientazione.
    Siamo nella New Orleans degli anni 40. Blanche irrompe a casa della sorella Stella, incinta e del marito Stanley, un volgare e rozzo polacco, piuttosto violento.
    Un dramma di una tristezza infinita, nessun personaggio positivo, solo solitudine, desideri purtroppo irrealizzati, disillusione. Da vedere il film con Marlon Brando e la divina Vivian Leigh. Come dev'essere stata bella la prima a teatro a Broadway con Jessica Tandy *_* mentre in Italia per il teatro è stata fatta da Visconti e Zeffirelli ai costumi.....si commenta da sé!

    ha scritto il 

  • 2

    una sceneggiatura scarna che però riesce a are l'idea bel precisa di chi sono i personaggi e di ciò che provano.
    nonostante la voce di brando il film è da vedere
    http://www.youtube.com/watch?v=RruQBqN ...continua

    una sceneggiatura scarna che però riesce a are l'idea bel precisa di chi sono i personaggi e di ciò che provano.
    nonostante la voce di brando il film è da vedere
    http://www.youtube.com/watch?v=RruQBqN6ny4

    ha scritto il 

  • 5

    "Siempre he dependido de la amabilidad de los extraños"

    Obra maestra del teatro del siglo XX, la profundidad de los personajes, el duelo entre Blanche (el mundo que se hunde, la vieja aristocracia) y el inconmensurable Stanley Kobalski (la sangre nueva, e ...continua

    Obra maestra del teatro del siglo XX, la profundidad de los personajes, el duelo entre Blanche (el mundo que se hunde, la vieja aristocracia) y el inconmensurable Stanley Kobalski (la sangre nueva, emprendedora y decidida, pero también violenta y dominadora) es de lo más intenso que he leído en todo la vida.
    Es imposible no leer esta obra sin ver los rostros y los cuerpos de Marlon Brando y Vivien Leight, caso extraño en el mundo del espectáculo, la obra escrita y la película se funden en una sola en una de las mejores adaptaciones literarias de la historia.
    La tensión que se genera entre los dos protagonistas es extrema y el atrevimiento del señor Williams para tratar en los años 40 temas como la homosexualidad, el deseo femenino o la violación, debió de causar una gran conmoción en la conservadora sociedad de entonces
    Todo en la obra es una metáfora, desde el título hasta lo que representa cada personaje y la simpatía que desprende en principio Stanley (contra la decadencia e hipocresía de Blanche) se viene abajo por la extrema crueldad con que es tratada.
    Estupendo libro, aunque donde mejor queda es en el escenario con dos grandes actores

    ha scritto il 

Ordina per