Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Un uomo

Di

Editore: Rizzoli

4.5
(4232)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 645 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Olandese , Tedesco

Isbn-10: 8817044431 | Isbn-13: 9788817044431 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Un uomo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un uomo è il romanzo della vita di Alekos Panagulis, che nel 1968 è condannato a morte nella Grecia dei colonnelli per l'attentato a Georgios Papadopulos, il militare a capo del regime. Segregato per cinque anni in un carcere dove subisce le più atroci torture, restituito brevemente alla libertà, conosce l'esilio, torna in patria quando la dittatura si sgretola, è eletto deputato in Parlamento e inutilmente cerca di dimostrare che gli stessi uomini della deposta Giunta continuano a occupare posizioni di potere. Perde la vita in un misterioso incidente d'auto nel 1976. Oriana Fallaci incontra Panagulis nel 1973 quando, graziato di una grazia che non aveva chiesto ma che il mondo intero reclamava per lui, esce dal carcere. I due si innamorano di un amore profondo, complice, battagliero. Lei lo affianca e ne condivide una lotta mai paga. "Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto e offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime.
Ordina per
  • 5

    Un libro che ho nel cuore!

    E' un libro che ancora oggi ricordo profondamente. Se volete capire cos'è la libertà, cosa sono gli ideali dovete leggerlo. La storia d'amore più straziante, dolorosa e profonda che abbia letto. Vera! ...continua

    E' un libro che ancora oggi ricordo profondamente. Se volete capire cos'è la libertà, cosa sono gli ideali dovete leggerlo. La storia d'amore più straziante, dolorosa e profonda che abbia letto. Vera! Ma sopratutto è l'immagine di un eroe che si batte proprio per riconoscere i propri ideali e la libertà, torturato, oltraggiato ed ucciso. Pagine ricche di pensieri profondi ed emozioni, vi scatenerà rabbia.

    ha scritto il 

  • 5

    Che uomo Alekos e che donna Oriana che con la sua arguzia ha scritto un opera di grande valore, che dovrebbero consigliare come lettura scolastica, un romanzo formativo per le giovani menti.
    Ogni paro ...continua

    Che uomo Alekos e che donna Oriana che con la sua arguzia ha scritto un opera di grande valore, che dovrebbero consigliare come lettura scolastica, un romanzo formativo per le giovani menti.
    Ogni parola come aghi di spillo mi hanno punto l'anima....
    Uno stile graffiante, penetrante, spesso cruento, ma così vero, così forte, così deluso, arrabbiato, incredulo, rassegnato... Ho provato tutto e di tutto mentre leggevo questa storia, ero Oriana, ero Alekos, ero Hazizikis, ero Papadopulus ero il popolo, il nemico, ero tutto fuorchè me stessa, perchè questa storia ti travolge facendoti dimenticare tutto e quando finisce ne resti interdetta, perchè è tutto vero, è accaduto tutto e non puoi che prendere atto del fatto che siamo solo una infinitesima parte di questo mondo. Eppure c'è chi, come quest'uomo, non si è arreso, ha combattuto per la verità e per la libertà, perchè la speranza di fare qualcosa di importante è più forte di tutto, anche della morte stessa.
    Un romanzo dove coraggio e follia sono le vere chiavi di lettura, una storia tanto amara da lasciarti dentro un vuoto enorme che ti fa sentire così piccolo, inutile, perso...L'unica cosa che puoi fare è inchinarti dinanzi a colei che ha scritto tutto questo, dinanzi alla donna che ha raccontato con quale eroismo un uomo, il suo uomo, ha combattuto per il suo ideale a costo della sua stessa vita

    ha scritto il 

  • 5

    L'uomo.

    Oriana Fallaci descrive un eroe, un insaziabile rivoltoso, un artista, un poeta, ma anche un essere umano con le sue debolezze e le sue tare fisiche. Quello di Alexandros Panagulis è un ritratto strao ...continua

    Oriana Fallaci descrive un eroe, un insaziabile rivoltoso, un artista, un poeta, ma anche un essere umano con le sue debolezze e le sue tare fisiche. Quello di Alexandros Panagulis è un ritratto straordinario, pulito e diretto, senza inutili fronzoli. Non da meno è la parte narrativa, già di per sé avvincente e, per di più, riportata in maniera superlativa. Non ho trovato nessuna parte noiosa o pesante, semplicemente si avverte che la mano dello scrittore inizia a dolere, così come il cuore della compagna, che fa i conti con un amore che lo infiacchisce sempre di più. È proprio in questo punto che l'Oriana scrittrice e l'Oriana co-protagonista si ritrovano, per manifestare, nel modo più umano possibile, due impulsi opposti: la resistenza e la caducità.
    Alekos è una fiamma che brucia troppo in fretta, Oriana è la cera che cola.

    ha scritto il 

  • 5

    of.
    con lei sono stato sempre prevenuto.
    sbagliavo, come sempre.
    non ho lo spessore culturale per fare lo snob.
    qualche volta ho letto, con interesse, anche novella 2000.

    un uomo lo leggo divorandolo, ...continua

    of.
    con lei sono stato sempre prevenuto.
    sbagliavo, come sempre.
    non ho lo spessore culturale per fare lo snob.
    qualche volta ho letto, con interesse, anche novella 2000.

    un uomo lo leggo divorandolo, atterrito.
    sono un codardo che legge la storia di un uomo vero.
    mi fa sentire minuscolo, ridicolo.

    libro bellissimo, anche se non mi piace il suo stile: troppi passati remoti, che personalmente fatico a usare - sbagliando.
    bellissimo, proprio perche' la grandezza della storia annienta le mie errate preferenze stilistiche.
    il passato remoto e' distanza.
    e la distanza e' la virtu' che voglio imparare.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho amato infinitamente questo libro....letto 10 anni fa (mi sembra ieri)...mi ha tenuta sveglia fino a notte fonda a quei tempi...quando al mattino seguente ore noiosissime mi aspettavano al liceo. I ...continua

    Ho amato infinitamente questo libro....letto 10 anni fa (mi sembra ieri)...mi ha tenuta sveglia fino a notte fonda a quei tempi...quando al mattino seguente ore noiosissime mi aspettavano al liceo. I libri a volte oltre alla storia che raccontano, conservano i profumi, le sensazioni, le emozioni di stralci delle nostre vite... "Un Uomo" mi fa pensare a quella ragazza lì....di 17 anni, alle sue paure, ai suoi sogni... alla tenue luce che illuminava quelle notti apparentemente silenziose e solitarie.

    ha scritto il 

Ordina per